La Corea del Nord conduce il secondo test missilistico noto in una settimana | Notizie sulle armi


I media statali affermano che giovedì Pyongyang ha testato un missile antiaereo mentre continua la sua strategia di carota e bastone sulle sanzioni.

La Corea del Nord ha lanciato un missile antiaereo di nuova concezione, secondo i media statali, il secondo test noto in una settimana, anche se fa aperture riconciliative verso la Corea del Sud.

Il test si è svolto giovedì, due giorni dopo che il Paese ha lanciato un missile ipersonico mai visto prima.

Il missile antiaereo ha avuto “notevoli prestazioni di combattimento” e includeva comandi a doppio timone e altre nuove tecnologie, ha affermato l’agenzia di stampa centrale coreana (KCNA).

Un’immagine sul giornale ufficiale Rodong Sinmun mostrava il missile che saliva inclinato verso il cielo da un veicolo di lancio.

La Corea del Nord ha ripreso i suoi test missilistici a settembre dopo una pausa di sei mesi, sparando un missile da crociera con capacità nucleare e poi un paio di missili balistici ferroviari.

Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti in genere rivelano test missilistici nordcoreani subito dopo che sono stati effettuati, ma non hanno segnalato l’incidente di giovedì, suggerendo che potrebbe non essere considerato un test significativo sulle armi.

Il ministero della Difesa nazionale della Corea del Sud ha dichiarato all’agenzia di stampa AFP di non essere in grado di confermare immediatamente l’ultimo lancio.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un sembra non aver partecipato al test, che è stato invece supervisionato da Pak Jong Chon, un membro del potente Politburo e Comitato Centrale del Partito dei Lavoratori al potere.

“Sono state verificate le notevoli prestazioni di combattimento del missile antiaereo di nuovo tipo con caratteristiche di rapida reattività e precisione di guida del sistema di controllo missilistico, nonché il sostanziale aumento della distanza di abbattimento dei bersagli aerei”, ha affermato KCNA, citando l’Accademia of Defense Science, uno sviluppatore di armi militari.

La Corea del Nord ha sviluppato armi sempre più sofisticate affermando di voler potenziare le sue capacità difensive in mezzo a Stati Uniti e Corea del Sud “ostili”.

Il Nord ha aumentato le tensioni nelle ultime settimane conducendo una serie di test missilistici tra cui quello che si dice fosse un missile ipersonico di nuova concezione, l’Hwasong-8 [KCNA via Reuters]

I colloqui sulla denuclearizzazione sono in stallo dal 2019 e Pyongyang ha utilizzato a lungo i test sulle armi per aumentare le tensioni e cercare di portare avanti i suoi obiettivi diplomatici e strategici.

Cerco leva finanziaria

Alcuni esperti affermano che la Corea del Nord sta facendo pressioni sulla Corea del Sud per non criticare i suoi test sui missili balistici, che sono vietati dalle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, come parte della sua ricerca per garantire il riconoscimento internazionale come potenza nucleare.

Altri dicono che il Nord vuole che il Sud convinca gli Stati Uniti ad allentare le sanzioni economiche paralizzanti. Vuole anche avvicinarsi al presidente sudcoreano Moon Jae-in, che desidera assicurarsi la sua eredità prima che lasci l’incarico il prossimo anno.

Mercoledì Kim ha affermato di non avere ragioni per attaccare la Corea del Sud ed era disposto a riaprire le hotline intercoreane interrotte, ma che le ripetute offerte di colloqui senza precondizioni da parte di Washington erano un “trucco”, accusando l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di continuare la “politica ostile” dei suoi predecessori.

Con le sue ultime azioni, Pyongyang stava cercando di “evidenziare la loro presenza sulla scena mondiale e le loro capacità militari”, ha detto all’AFP il disertore diventato ricercatore Ahn Chan-il.

Moon ha usato il suo recente discorso alle Nazioni Unite per reiterare i suoi appelli per una dichiarazione formale della fine della guerra di Corea: i combattimenti si sono conclusi nel 1953 con un armistizio piuttosto che con un trattato di pace.

Ahn ha dichiarato: “Stanno guadagnando tempo in questo modo e stanno cercando di sfruttare il più possibile dalla proposta di Seoul di dichiarare la fine ufficiale della guerra di Corea, così come l’offerta di Washington di parlare senza precondizioni”.

(Al Jazeera)

Gli ultimi test hanno suscitato la condanna internazionale, con il segretario di Stato americano Antony Blinken che ha affermato di aver creato “maggiori prospettive di instabilità e insicurezza”.

Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia hanno convocato una riunione del Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla Corea del Nord, che si terrà venerdì.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *