Foxconn sta acquistando la fabbrica di veicoli elettrici in Ohio di Lordstown Motors per 230 milioni di dollari

L’assemblatore di iPhone Foxconn sta acquistando una fabbrica automobilistica dalla startup di veicoli elettrici in difficoltà Lordstown Motors per circa $ 230 milioni, le società annunciato tardo giovedì. Foxconn afferma di aver accettato di costruire il pick-up elettrico di Lordstown Motors nello stabilimento, che è il luogo in cui la General Motors produceva la Chevrolet Cruze, e che la startup rimarrà un inquilino lì. Lordstown Motors “accetterà anche di fornire a Foxconn determinati diritti in relazione ai futuri programmi sui veicoli”.

L’accordo conferisce al conglomerato taiwanese la sua prima fabbrica automobilistica e una nuova significativa presenza negli Stati Uniti, che l’azienda utilizzerà nel tentativo di affermarsi come produttore globale di veicoli elettrici. Foxconn aveva precedentemente annunciato un’enorme fabbrica di pannelli LCD nel Wisconsin, ma non è riuscita a mantenere la miriade di promesse fatte a quello stato.

Come parte dell’accordo, Foxconn sta anche acquistando azioni Lordstown Motors per un valore di $ 50 milioni. La startup ha recentemente ammesso di aver bisogno di raccogliere fondi rapidamente per sopravvivere, nonostante sia diventata pubblica l’anno scorso. La notizia della vendita della fabbrica è stata riportata per la prima volta da Bloomberg presto Giovedi.

Lordstown Motors ha acquistato la struttura di 6,2 milioni di piedi quadrati da General Motors nel 2019 poco dopo la chiusura della casa automobilistica di Detroit, una decisione che ha suscitato le ire dell’allora presidente Trump. La startup aveva precedentemente annunciato ad agosto che stava progettando di affittare uno spazio in fabbrica nel tentativo di fare soldi in mezzo a una grave crisi di cassa.

Da quando lo ha acquistato, Lordstown Motors ha investito circa 240 milioni di dollari per preparare la fabbrica a costruire il suo pick-up elettrico, l’Endurance. Un portavoce di Lordstown Motors ha rifiutato di commentare. Foxconn non ha risposto a una richiesta di commento.

Quando GM ha venduto la fabbrica a Lordstown Motors, Trump ha elogiato l’accordo definendolo “GRANDE NOTIZIE PER L’OHIO!” Ma la startup, fondata dall’ex CEO di Workhorse, un’altra startup di veicoli elettrici in difficoltà, ha incontrato un’incredibile quantità di problemi da allora, nonostante sia diventata pubblica e abbia raccolto centinaia di milioni di dollari nel 2020. Il CEO di Lordstown Motors è stato costretto a lasciare all’inizio di quest’anno dopo essere stato sorpreso a mentire sulla veridicità dei preordini per il suo camion. La startup ha abbassato i suoi obiettivi di produzione iniziali anche per quel camion. Sia il Dipartimento di Giustizia che la Securities and Exchange Commission hanno avviato indagini su Lordstown Motors e la società ha affermato di avere abbastanza soldi solo per sopravvivere fino alla metà del 2022.

Foxconn ha trascorso gran parte dell’ultimo anno parlando dell’espansione nei veicoli elettrici come un modo per diversificare dall’elettronica di consumo. Ha stretto accordi con artisti del calibro di Geely, che è la più grande casa automobilistica privata cinese, così come Fisker Inc., una startup californiana di veicoli elettrici che deve ancora realizzare un veicolo elettrico. Foxconn ha anche sviluppato una propria piattaforma di veicoli elettrici che intende vendere ad altre case automobilistiche.

A marzo, Foxconn ha dichiarato che avrebbe rivelato il luogo in cui avrebbe costruito veicoli elettrici con Fisker Inc. entro luglio, ma quella scadenza autoimposta andava e veniva. La società aveva preso in considerazione l’idea di utilizzare il complesso per lo più vuoto che ha costruito nel Wisconsin – un altro progetto che l’amministrazione Trump ha propagandato molto – ma il fondatore di Fisker Henrik Fisker ha detto che non voleva costruire le sue auto in uno stato che non gli permetterebbe di vendere direttamente ai consumatori.

Foxconn ha dichiarato giovedì che, come parte dell’accordo, Fisker Inc. sarà autorizzata a produrre veicoli con il conglomerato taiwanese nello stabilimento dell’Ohio.

Aggiornamento 30 settembre, 20:32 ET: Aggiunte nuove informazioni dal comunicato stampa sull’accordo tra Foxconn e Lordstown Motors e modificato il titolo per riflettere che l’accordo è stato annunciato ufficialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *