‘Niente di più umiliante’: gli australiani si rivolgono all’elemosina | Droghe


Melbourne, Australia – Ogni giorno o notte nel centro di Melbourne, migliaia di pedoni passano accanto a persone che “mordono il carbone” sui marciapiedi.

Alcuni potrebbero avere il sonno agitato, altri potrebbero sperare di raccogliere un po’ di soldi prima di tornare in alloggi temporanei sovraffollati. Alcuni hanno cartelli di cartone, alcuni siedono a fissare il cemento, mentre altri sono vocali.

Tutti loro hanno una storia.

Mordere il carbone è lo slang di strada per l’accattonaggio, un’attività di cui l’ex eroinomane e senzatetto Troy, che ci ha chiesto di usare solo il suo nome, dice “Non c’è niente di più umiliante”.

“Posso dirlo ora perché ci sono passato. Ma quando hai una dipendenza, non ci pensi nemmeno”, aggiunge il 46enne.

Troy ha il viso segnato dalle intemperie e le braccia piene di cicatrici che mostrano i molti anni trascorsi in strada facendo uso di eroina. Ma c’è orgoglio nella sua voce quando parla del suo viaggio per sconfiggere la dipendenza e rimanere permanentemente ospitato.

“Ora che sono pulito, non potevo proprio farlo – stai mettendo a nudo la tua anima”, dice. “Devi ingoiare il tuo orgoglio.”

Troy e sua moglie Cheryl, 64 anni, sono diventati senzatetto dopo che le loro dipendenze sono andate fuori controllo.

Cheryl è stata attaccata da un amico maschio quando era un’adolescente e dice che il trauma di questo è stato uno dei motivi alla base per cui ha iniziato a usare l’eroina.

“Con l’eroina, dormirei bene”, dice. “Il che non è una buona scusa, ma nella mia mente, è quello che stavo facendo: dormire bene. Non ricorderei tutto il trauma di essere stato aggredito da bambino”.

Dormire male

Nonostante avessero una dipendenza dall’eroina, nei primi anni del loro matrimonio sia Cheryl che Troy lavorarono: Troy come programmatore di computer e Cheryl come assistente dell’insegnante.

Tuttavia, dopo che Troy ha perso il lavoro a causa del ridimensionamento, le loro dipendenze sono cresciute fino a quando non hanno preso il sopravvento sulle loro vite.

Hanno perso la loro casa e hanno vissuto per le strade di Melbourne per più di un decennio.

“Vivevamo per strada”, dice Cheryl. “Abbiamo vissuto nella mia macchina fino a quando non è stata rubata. Vivevamo in pensioni. Il divano ha navigato per un po’.”

La coppia è riuscita a rimanere sposata durante la loro esperienza condivisa di senzatetto.

Troy dice che quando era nel pieno della sua dipendenza dall’eroina si “sparava” in bagni pubblici come questo nel sobborgo di North Richmond. È riuscito a ripulirsi facendo il “tacchino freddo” e ora è ospitato [Ali MC/Al Jazeera]

Cheryl, che ha due figli adulti, ora è nonna. Dice che sono i suoi figli e nipoti che la motivano a rimanere pulita.

“[It was] un senso di realizzazione [to get] pulire e vedere i miei nipoti”, dice.

Ma nonostante la loro esperienza, Cheryl è pronta a sottolineare che non tutti gli eroinomani sono senzatetto, e non tutti i senzatetto sono tossicodipendenti. Dice che ogni storia è sia complessa che diversa, e non sempre legata alla droga.

“Fino a quando le persone non usciranno e parleranno con i senzatetto e non capiranno la loro storia dietro di loro, ci sarà uno stigma”, dice.

Un alloggio sicuro è fondamentale

Cheryl e Troy hanno avuto la fortuna di trovare un alloggio permanente in un appartamento popolare a North Melbourne, che secondo loro è stata la chiave per sconfiggere le loro dipendenze.

Un alloggio stabile non solo rende più facile affrontare le complessità della dipendenza, dei problemi di salute mentale e della povertà, ma offre anche sicurezza. Cheryl afferma che le opzioni più disponibili per i dormiglioni, come le pensioni temporanee, sono spesso più pericolose del dormire per strada.

“Siamo rimasti in pensioni”, dice. “Ma ce ne siamo andati perché una notte un ragazzo ha deciso di dare un calcio alla porta di tutti con un’ascia”.

Cheryl dice che da quando si è trasferita a casa propria, la coppia ora si sente molto più al sicuro di quando viveva per strada.

“Hai la sicurezza”, dice. “Entri e chiudi la porta e sai che non verrai attaccato. Quello che c’è dentro è tuo.”

“Metti loro un tetto sopra la testa”

Questo bisogno fondamentale di alloggi è ripreso da Steven Perrson, CEO di Big Issue, un’impresa sociale attraverso la quale i senzatetto e altre persone emarginate possono vendere una rivista come mezzo per trovare lavoro.

Steven riconosce che le persone che vivono senza fissa dimora hanno spesso bisogni complessi, come l’uso di droghe, traumi, problemi di salute mentale e violenza domestica. Eppure sostiene anche che il loro bisogno fondamentale di una casa è fondamentale per le sfide che devono affrontare.

“Se aiuti le persone a essere meno povere, non sono più in povertà. Se metti un tetto sopra la loro testa, non sono più senzatetto”, dice.

Il CEO di Big Issue Steven Perrson afferma che finché una persona non viene ospitata, è difficile capire quali possano essere le sue complesse esigenze. Spera di “democratizzare” l’edilizia abitativa attraverso finanziamenti privati ​​volontari [Michelle Grace Hunder/Al Jazeera]

Justice Connect, un servizio legale comunitario che garantisce l’accesso al sistema giudiziario alle persone svantaggiate ed emarginate, ha recentemente intervistato 30 persone che attualmente o in precedenza hanno chiesto l’elemosina per le strade di Melbourne. Questo campione ha mostrato che il 77% era senzatetto, l’87% aveva una malattia mentale e circa il 33% aveva subito violenze familiari o riportato abusi o traumi infantili.

Sebbene Steven sostenga le varie organizzazioni che lavorano per assistere le persone senza fissa dimora con bisogni complessi, crede fermamente che il primo passo sia semplicemente fornire alloggi sicuri e convenienti.

Rimane fermamente convinto che fino a quando le persone non avranno una casa sicura, i complessi bisogni delle persone che vivono in povertà e senzatetto rimangono in qualche modo “sconosciuti”.

“Metti un tetto sulla testa delle persone, è l’inizio della soluzione”, dice.

“Quello che abbiamo fatto è presumere che tutti siano complessi. Fino a quando non metteremo effettivamente un tetto sopra la testa di qualcuno e vediamo se il bisogno di base è stato soddisfatto, allora possiamo avere il dibattito su dove questi servizi aggiuntivi devono essere associati”.

Oltre ad essere CEO del Big Issue, Steven è anche il principale sostenitore del programma Homes for Homes, che incoraggia gli sviluppatori e i proprietari di case a donare un decimo dell’uno percento di tutti i profitti realizzati dall’edilizia abitativa.

Questo denaro, dice, sarà disperso tra le organizzazioni comunitarie per aiutare a fornire alloggi a prezzi accessibili.

Dice che il progetto Homes for Homes è un modo per “democratizzare il problema” attraverso finanziamenti volontari.

“Dobbiamo smettere di fare le nostre cose e unirci, raccogliere i soldi necessari e disperderli dove dovrebbero andare”.

“Il tuo piccolo pezzo di Australia”

Cheryl e Troy ora sono puliti e Cheryl lavora come sostenitrice dei senzatetto per il Grande Problema.

Come Steven, è d’accordo sul fatto che avere una casa sicura e protetta sia il primo passo per affrontare problemi più complessi come la salute mentale e la dipendenza.

“La tua massima priorità quando vivi per strada è cercare di sopravvivere”, dice. “[But] una volta alloggiato, tutto va a posto. Devi occuparti della tua salute mentale, devi occuparti della tua salute fisica, puoi ottenere quel lavoro perché hai un indirizzo”.

Eppure sia Cheryl che Troy sono pronti ad affermare che non si tratta semplicemente di fornire una casa e dare a qualcuno una chiave.

Dicono che molte persone hanno bisogno di essere sostenute per la transizione in un alloggio stabile e assistite con compiti semplici come pagare le bollette, fare la spesa e cucinare, aspetti della vita che potrebbero non aver dovuto affrontare nella loro vita di strada.

“Ci siamo dovuti abituare a dormire in un letto”, dice Cheryl. “Abbiamo dormito per terra per anni, anche se avevamo un letto in cui dormire. Non sei abituato a dormire in un letto comodo, sei abituato a dormire sul cemento.”

Tuttavia, ora che la coppia si è assicurata un alloggio permanente, dicono di essere stati in grado di affrontare la loro dipendenza e andare avanti con la vita.

Hanno anche trovato un senso di appartenenza.

“È il tuo piccolo pezzo di Australia”, dice Troy.

Questa serie è stata sostenuta dalla città di Yarra.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *