La lava del vulcano delle Canarie raggiunge il mare nove giorni dopo l’eruzione | Notizie sui vulcani


Enormi nuvole di vapore si gonfiano nell’aria mentre la lava incandescente tocca l’acqua tra preoccupazioni di esplosioni e gas tossici.

La lava rovente di un vulcano in eruzione sull’isola spagnola di La Palma ha raggiunto l’Oceano Atlantico, nove giorni dopo aver iniziato a scorrere giù per la montagna, distruggendo edifici e distruggendo i raccolti.

Le fotografie hanno mostrato enormi nuvole di vapore bianco che si alzavano dall’area di Playa Nueva mentre la lava entrava in contatto con l’acqua nella tarda notte di martedì, tra preoccupazioni per esplosioni e rilascio di gas tossici.

“Il flusso di lava ha raggiunto il mare a Playa Nueva”, ha dichiarato l’Istituto vulcanico delle Isole Canarie (Involcan) sul suo account Twitter. Il vulcano Cumbre Vieja ha eruttato il 19 settembre.

Il servizio di emergenza delle Isole Canarie ha esortato le persone all’aperto a trovare immediatamente un posto sicuro dove ripararsi.

“Quando la lava raggiunge il mare, il blocco deve essere rigorosamente osservato”, ha detto martedì Miguel Angel Morcuende, direttore del comitato di risposta di Pevolca.

La lava di Cumbre Vieja ha divorato tutto sul suo cammino, comprese quasi 600 case e 21 km (13 miglia) di strada. Secondo un’agenzia di monitoraggio satellitare dell’Unione Europea, la lava copre ora 258 ettari (637 acri), per lo più terreni agricoli, comprese le piantagioni di banane.

Finora non sono stati segnalati morti o feriti gravi a seguito della rapida evacuazione di oltre 6.000 persone. Anche tre villaggi costieri sono stati bloccati lunedì prima che la lava raggiungesse l’Oceano Atlantico.

La Spagna ha classificato La Palma come zona disastrata martedì, una mossa che attiverà il sostegno finanziario per l’isola, che ospita 85.000 persone e fortemente dipendente dall’agricoltura e dal turismo. L’aeroporto è chiuso da giorni per la preoccupazione per il rischio per gli aerei di ceneri vulcaniche.

Il governo ha annunciato il primo pacchetto di 10,5 milioni di euro (12,3 milioni di dollari), che include circa cinque milioni di euro (5,8 milioni di dollari) per l’acquisto di case, e il resto per l’acquisto di mobili e beni di prima necessità, ha affermato la portavoce del governo Isabel Rodriguez.

Ulteriori aiuti, anche per la ricostruzione delle infrastrutture pubbliche, verranno inviati una volta superata l’emergenza attuale, ha aggiunto.

Un residente che è stato evacuato la scorsa settimana dal villaggio di Tacande de Arriba è stato felice di trovare la sua casa ancora in piedi e i suoi gatti domestici illesi.

“È una bella sensazione, una sensazione fantastica”, ha detto Gert Waegerle, 75 anni, che venerdì è fuggito dalla lava con le sue cinque tartarughe, ma ha dovuto lasciare indietro i gatti.

“Sono super felice perché, alla fine, è andato tutto bene”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *