Truppe serbe in allerta al confine con il Kosovo | Notizie sui conflitti


Il governo di Belgrado accusa il vicino Kosovo di ‘provocazioni’ inviando speciali unità di polizia al confine.

Le truppe serbe sono state in uno stato di allerta accresciuto dopo che il governo di Belgrado ha accusato il vicino Kosovo di “provocazioni” inviando unità speciali di polizia al confine.

Le già tese relazioni tra la Serbia e la sua ex regione separatista sono peggiorate da quando il governo di etnia albanese ha inviato le unità di polizia in un’area popolata principalmente da minoranze etniche serbe, che rifiutano l’autorità del governo nella capitale del Kosovo Pristina.

Lo spiegamento è avvenuto quando centinaia di serbi di etnia serba hanno organizzato proteste quotidiane contro la decisione di richiedere ai conducenti con targa serba di indossare quelli temporanei quando entrano in Kosovo – una “misura reciproca”, secondo Pristina.

“Nessuno qui vuole un conflitto e spero che non ce ne sarà uno”, ha detto un manifestante di 45 anni che si è identificato come Ljubo ed era accampato al valico di frontiera di Jarinje.

“Vogliamo che Pristina ritiri le sue forze e annulli la decisione sulle targhe”.

Centinaia di serbi in Kosovo hanno protestato e bloccato il traffico con camion sulle strade che portano a due valichi di frontiera.

La polizia speciale del Kosovo si erge mentre centinaia di serbi del Kosovo protestano contro un divieto del governo all’ingresso di veicoli con targhe di immatricolazione serbe a Jarinje, in Kosovo [Laura Hasani/Reuters]

“Dopo le provocazioni del [special police] unità … Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha dato l’ordine di aumentare l’allerta per alcune unità dell’esercito e della polizia serbe”, ha affermato il ministero della Difesa a Belgrado in una nota.

I caccia serbi potrebbero essere nuovamente visti sorvolare la regione di confine domenica dopo diverse sortite di sabato, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa AFP.

Pressione diplomatica

Il capo della diplomazia dell’Unione europea Josep Borrell ha esortato Serbia e Kosovo a ridurre le tensioni “ritirando immediatamente le unità speciali di polizia e smantellando i posti di blocco”.

“Qualsiasi ulteriore provocazione o azione unilaterale e scoordinata è inaccettabile”, ha affermato in una nota.

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha detto di aver parlato al telefono con il presidente serbo e primo ministro kosovaro Albin Kurti.

“È vitale che sia Belgrado che Pristina mostrino moderazione e tornino al dialogo”, ha twittato.

Le truppe della NATO sono state schierate in Kosovo dal conflitto serbo-kosovaro del 1998-99.

Belgrado non riconosce la dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo nel 2008 e vede la decisione di Pristina sulle targhe come un’implicazione del suo status di stato sovrano.

Vucic ha deplorato la mancanza di reazione da parte della comunità internazionale all’“occupazione totale per più di una settimana del nord del Kosovo da parte dei veicoli blindati di Pristina”.

“E tutti sono improvvisamente preoccupati quando gli elicotteri e gli aerei serbi sono visti sopra la Serbia centrale”, ha detto Vucic in una nota, aggiungendo, tuttavia, che la Serbia “si comporterà sempre in modo responsabile e serio”.

Kurti sabato ha accusato la Serbia di voler “provocare un grave conflitto internazionale”.

All’inizio di domenica, il ministro della Difesa serbo Nebojsa Stefanovic ha visitato le truppe in due basi militari dove sono in allerta, di cui una a pochi chilometri dal confine.

Belgrado designa i valichi di frontiera tra Serbia e Kosovo come “amministrativi”.

Anche l’alleato serbo, la Russia, non riconosce l’indipendenza del Kosovo, ma la maggior parte dei paesi occidentali lo fa, compresi gli Stati Uniti.

Dal canto suo, l’Albania, membro della Nato, “preoccupata per l’escalation della situazione”, ha chiesto a Belgrado “di ritirare le forze armate schierate al confine con il Kosovo”.

Il presidente del Kosovo Vjosa Osmani ha interrotto la visita a New York per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite “a causa degli sviluppi nel nord del Paese”.

La dichiarazione di indipendenza del Kosovo è arrivata un decennio dopo una guerra tra combattenti di etnia albanese e forze serbe che hanno ucciso 13.000 persone, per lo più di etnia albanese.

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno chiesto un allentamento delle tensioni e che le due parti tornino ai colloqui di normalizzazione, che l’UE ha mediato per circa un decennio.

Il presidente serbo ha affermato che il processo di normalizzazione potrà riprendere solo se il Kosovo ritirerà le forze speciali di polizia dal nord.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *