I talebani mostrano i corpi di presunti rapitori a Herat | Notizie talebane


Quattro corpi di sospetti rapitori sono esposti in diverse parti della città di Herat “per allertare tutti i criminali”, con uno impiccato a una gru.

I talebani hanno mostrato quattro corpi di presunti rapitori e ne hanno appeso uno a una gru parcheggiata in una piazza della città di Herat, in Afghanistan, con un comandante che ha affermato che aveva lo scopo di scoraggiare i “criminali”.

Il residente Mohammad Nazir ha detto che sabato stava facendo la spesa vicino alla piazza Mostofiat di Herat quando ha sentito un annuncio dall’altoparlante che richiamava l’attenzione della gente.

“Quando mi sono fatto avanti, ho visto che avevano portato un corpo in un pick-up, poi l’hanno appeso a una gru”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters.

I funzionari talebani hanno inizialmente portato quattro corpi nella piazza centrale della città occidentale di Herat, poi ne hanno spostati tre in altre parti della città per essere esposti al pubblico, ha detto Wazir Ahmad Seddiqi, che gestisce una farmacia ai margini della piazza.

Funzionari talebani hanno annunciato che i quattro sono stati catturati mentre prendevano parte a un rapimento sabato scorso e sono stati uccisi dalla polizia, ha detto Seddiqi.

Un video dell’agenzia di stampa Associated Press ha mostrato la folla che si radunava intorno alla gru e scrutava il corpo mentre alcuni uomini cantavano.

“Lo scopo di questa azione è di avvisare tutti i criminali che non sono al sicuro”, ha detto all’AP un comandante talebano che non si è identificato in un’intervista alla telecamera condotta nella piazza.

Ziaulhaq Jalali, capo della polizia distrettuale di Herat nominato dai talebani, ha affermato che membri dei talebani hanno salvato un padre e un figlio che erano stati rapiti da quattro rapitori dopo uno scambio di colpi di arma da fuoco.

Ha detto che un combattente talebano e un civile sono stati feriti dai rapitori e che i rapitori sono stati uccisi nel fuoco incrociato.

Da quando i talebani hanno invaso Kabul il 15 agosto e hanno preso il controllo del paese, gli afgani e il mondo hanno guardato per vedere se ricreeranno il loro duro governo della fine degli anni ’90, che includeva la lapidazione pubblica e l’amputazione degli arti di presunti criminali, alcuni dei quali ha avuto luogo di fronte a una grande folla in uno stadio.

Esecuzioni, amputazioni

Il mullah Nooruddin Turabi, uno dei fondatori dei talebani e il principale esecutore del severo governo dell’Afghanistan negli anni ’90, ha detto ad AP questa settimana che il movimento armato eseguirà ancora una volta esecuzioni e amputazioni delle mani, anche se forse non in pubblico.

“Tutti ci hanno criticato per le punizioni allo stadio, ma non abbiamo mai detto nulla sulle loro leggi e sulle loro punizioni”, ha detto Turabi. “Nessuno ci dirà quali dovrebbero essere le nostre leggi. Seguiremo l’Islam e faremo le nostre leggi sul Corano”.

I leader del gruppo rimangono trincerati in una visione del mondo profondamente conservatrice e intransigente, anche se stanno abbracciando i cambiamenti tecnologici, come video e telefoni cellulari.

L’amministrazione del presidente Joe Biden ha segnalato venerdì che gli Stati Uniti non tollereranno il ritorno dei talebani ai loro metodi di punizione passati.

“Condanniamo con la massima fermezza i rapporti sul ripristino di amputazioni ed esecuzioni di afghani”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

“Gli atti di cui i talebani stanno parlando qui costituirebbero evidenti abusi grossolani dei diritti umani, e restiamo fermi con la comunità internazionale nel ritenere responsabili gli autori di questi – di tali abusi”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *