Erdogan: la Turchia potrebbe acquistare più S-400 russi nonostante gli avvertimenti degli Stati Uniti | Notizie di affari ed economia


Il presidente turco afferma che Ankara sta valutando l’acquisizione di altri sistemi di difesa russi a dispetto delle obiezioni degli Stati Uniti.

Il leader della Turchia afferma che il suo paese sta valutando l’acquisto di un secondo sistema missilistico russo nonostante le forti obiezioni dell’alleato della NATO, gli Stati Uniti.

In un’intervista all’emittente americana CBS News, il presidente Recep Tayyip Erdogan ha affermato che la Turchia prenderà decisioni sui suoi sistemi di difesa in modo indipendente.

Parlando con la corrispondente Margaret Brennan a New York la scorsa settimana, Erdogan ha spiegato che alla Turchia non è stata data la possibilità di acquistare missili Patriot di fabbricazione americana e che gli Stati Uniti non hanno consegnato jet stealth F-35 nonostante abbiano ricevuto un pagamento di 1,4 miliardi di dollari.

I commenti di Erdogan sono arrivati ​​in estratti rilasciati prima dell’intervista completa che andrà in onda domenica.

Erdogan ribelle

La Turchia, membro della NATO, è stata espulsa dal programma F-35 e i suoi funzionari della difesa sono stati sanzionati dopo aver acquistato il sistema di difesa missilistico S-400 di fabbricazione russa.

Gli Stati Uniti si oppongono fermamente all’uso di sistemi russi all’interno della NATO e affermano che rappresenta una minaccia per gli F-35. La Turchia sostiene che gli S-400 possono essere utilizzati indipendentemente senza essere integrati nei sistemi NATO e quindi non comportano alcun rischio.

L’anno scorso, gli Stati Uniti hanno sanzionato la Turchia per il suo acquisto in base a una legge del 2017 volta a respingere l’influenza russa. La mossa è stata la prima volta che la legge – chiamata Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA) – è stata utilizzata per penalizzare un alleato americano.

Tuttavia, Erdogan è rimasto ribelle.

“Certo, certo, sì”, ha detto, dopo aver affermato che la Turchia avrebbe fatto le proprie scelte di difesa, in risposta alla domanda di Brennan se la Turchia avrebbe acquistato più S-400.

Un sistema missilistico di difesa aerea S-400 presso la base aerea di Khmeimim fuori Latakia, in Siria [Russian Defence Ministry via EPA]

Prima di lasciare New York, Erdogan ha detto ai giornalisti che le relazioni con il presidente Joe Biden non erano iniziate bene nonostante quello che ha definito il suo buon lavoro con i precedenti leader statunitensi durante i suoi 19 anni alla guida della Turchia.

“Non posso onestamente dire che ci sia un sano processo nelle relazioni turco-americane”, ha detto giovedì l’agenzia di stampa statale Anadolu citando Erdogan.

Erdogan ha anche detto ai media turchi che la Turchia avrebbe acquistato nuovi sistemi di difesa missilistica, se necessario, e che ne stava già sviluppando uno proprio.

La questione è uno dei numerosi punti critici nelle relazioni turco-americane che includono anche il sostegno degli Stati Uniti ai combattenti curdi siriani che la Turchia considera “terroristi” e la permanenza negli Stati Uniti di Fethullah Gulen, un leader religioso musulmano e uomo d’affari accusato di aver pianificato il tentativo di colpo di stato contro il governo di Erdogan nel 2016.

Erdogan incontrerà il presidente russo Vladimir Putin il 29 settembre.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *