Robbie Ray dei Blue Jays spinto verso la grandezza di Randy Johnson


Con il massimo sforzo, una consegna in stile Chapman, una presenza intimidatoria e un mix a due tiri (lancia una palla veloce o uno slider il 90% delle volte), Ray è essenzialmente un più vicino travestito da antipasto – una formula insolita per la durata. Tuttavia, sbloccando finalmente il suo controllo, Ray costringe i battitori a oscillare, il che limita i suoi lanci e gli consente di lavorare più a fondo nei giochi.

“I battitori avversari sanno esattamente cosa vuole fare, ma si attiene ad esso”, ha detto l’infielder di Toronto Jake Lamb, un ex compagno di squadra in Arizona. “Quando hai una palla veloce d’élite e i battitori devono preoccuparsene, rende il suo slider molto migliore.”

Ray ha un forte concorrente per il Cy Young Award in Cole, l’asso degli Yankees, che è secondo a Ray in ERA e strikeout e ha 15 vittorie contro 12 di Ray. Ma comunque vada a finire il voto, Ray ha vinto la scommessa su cui ha fatto lui stesso.

“Non volevo guardare indietro e desiderare di aver fatto qualcosa di diverso”, ha detto. “Mi sentivo come se fossi fedele a me stesso per essere solo quel ragazzo.”

Con questo intende un ragazzo come Johnson, il lanciatore che ammirava di più, che ha deliziato da lontano i progressi del suo ex allievo. Johnson non ha mai provato a riparare la meccanica di Ray, gli elementi essenziali della sua trasformazione. Ma nell’aiutare ad affinare il vantaggio mentale di un altro giovane mancino selvaggio, Johnson ha avuto un impatto.

“Inevitabilmente potrebbe essere l’asso dello staff, un ragazzo attorno al quale potresti costruire la rotazione – penso che sia quel tipo di lanciatore, e sembra che le cose siano andate bene”, ha detto Johnson. “Mancini, forse siamo sviluppatori un po’ più lenti. So che lo ero. Ma è davvero entrato nel suo ruolo e non potrei essere più felice per lui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.