Pakistan e India si scambiano accuse rabbiose all’UNGA | Notizie su Imran Khan


Il primo ministro pakistano Imran Khan etichetta il governo indiano come “fascista”, poiché l’India accusa il suo vicino di nutrire “terrore”.

India e Pakistan si sono scontrati alle Nazioni Unite quando il primo ministro pakistano Imran Khan ha accusato il rivale di un “regno del terrore” sui musulmani, suscitando un severo rimprovero.

Anche per il Pakistan, che regolarmente castiga l’India presso l’organismo mondiale, il discorso di Khan venerdì all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA), consegnato in video a causa delle precauzioni COVID-19, è stato sorprendentemente carico mentre accusava il primo ministro Narendra Modi di un piano per “purgare l’India dai musulmani”.

In un discorso preregistrato andato in onda durante la serata, il primo ministro pakistano ha toccato una serie di argomenti che includevano il cambiamento climatico, l’islamofobia globale e “il saccheggio dei paesi in via di sviluppo da parte delle loro élite corrotte”.

Ma Khan ha riservato le sue parole più dure all’India, etichettando ancora una volta “fascista” il governo nazionalista indù di Modi.

“La forma peggiore e più pervasiva di islamofobia ora governa l’India”, ha detto Khan nel suo discorso.

“L’ideologia Hindutva piena di odio, propagata dal regime fascista RSS-BJP, ha scatenato un regno di paura e violenza contro la comunità musulmana indiana di 200 milioni di persone”, ha affermato.

Khan si riferiva al Bharatiya Janata Party di Modi e all’affiliato Rashtriya Swayamsevak Sangh, un movimento revivalista indù secolare con una componente paramilitare.

Sotto Modi, l’India ha annullato l’autonomia del Kashmir, la sua unica regione a maggioranza musulmana, ha approvato una legge sulla cittadinanza che i critici chiamano discriminatoria e ha assistito a ripetute esplosioni di violenza a base religiosa.

Parlando il giorno in cui Modi era in visita alla Casa Bianca, Khan – che deve ancora parlare con il presidente Joe Biden – ha affermato che gli interessi commerciali con oltre un miliardo di India le stavano permettendo di “farla franca con le violazioni dei diritti umani in completa impunità”.

“Il Pakistan nutre i terroristi”

Mentre l’India spesso ignora le dichiarazioni del Pakistan all’organismo mondiale, un giovane diplomatico indiano sul pavimento ha esercitato il diritto di rispondere a Khan.

Sneha Dubey, un primo segretario della missione indiana delle Nazioni Unite, ha accusato il Pakistan di aver dato rifugio e glorificazione della mente di al-Qaeda Osama bin Laden, ucciso dalle forze speciali statunitensi in un raid del 2011 nella città militare di Abbottabad.

“Questo è il paese che è un piromane travestito da scontro a fuoco”, ha detto.

“Il Pakistan nutre i terroristi nel loro cortile nella speranza che possano solo danneggiare i loro vicini”.

Ha evidenziato la violenza contro le minoranze in Pakistan e il suo “genocidio religioso e culturale” nel 1971 quando il Bangladesh ha vinto l’indipendenza.

“A differenza del Pakistan, l’India è una democrazia pluralistica con una consistente popolazione di minoranze che hanno ricoperto le più alte cariche nel paese”, ha affermato Dubey.

La sua risposta ha innescato un’altra risposta in quanto un diplomatico pakistano, Saima Saleem, ha contestato l’affermazione di Dubey secondo cui il Kashmir, che è parzialmente controllato da Islamabad, è una questione interna.

Modi si rivolgerà di persona all’UNGA sabato, il giorno dopo un incontro bilaterale con Biden.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *