Gli uffici del governo del Kosovo presi di mira mentre le tensioni con la Serbia aumentano | Notizie sul Kosovo


Il Primo Ministro del Kosovo accusa la Serbia di aver tentato di “provocare un grave conflitto internazionale” dopo che gli uffici di immatricolazione dei veicoli vicino al confine sono stati attaccati.

Il primo ministro del Kosovo Albin Kurti ha accusato la vicina Serbia di aver tentato di “provocare un grave conflitto internazionale” dopo che due uffici di immatricolazione dei veicoli vicino al loro confine sono stati attaccati.

L’aumento della tensione nelle prime ore di sabato si è verificato nel sesto giorno di proteste di etnia serba contro la decisione del governo di etnia albanese di richiedere ai conducenti con targa serba di indossare quelli temporanei quando entrano in Kosovo.

Un ufficio di registrazione è stato incendiato nella piccola città di Zubin Potok e un altro danneggiato a Zvecan, anche se non ci sono state vittime, ha detto il primo ministro.

Il ministro dell’Interno Xhelal Svecla ha scritto su Facebook che l’incendio che ha bruciato l’ufficio immatricolazione dei veicoli a Zubin Potok è stato compiuto “da sospetti di un atto criminale con elementi terroristi”.

I serbi del Kosovo etnici hanno bloccato il confine tra Kosovo e Serbia con camion da lunedì, arrabbiati per il fatto che il Kosovo abbia inviato una polizia speciale per eguagliare la Serbia in una mossa di targa che aumenta le tensioni nei Balcani.

Il Kosovo ora rimuove le targhe dalle auto che entrano nel paese dalla Serbia, come fa la Serbia con le targhe del Kosovo. Entrambi costringono i conducenti ad acquistare targhe provvisorie.

La Serbia non riconosce la sua ex provincia del Kosovo come una nazione separata e considera il loro confine reciproco solo come un confine temporaneo.

Gli agenti di polizia speciali del Kosovo sono raffigurati mentre centinaia di serbi del Kosovo protestano contro un divieto del governo sull’ingresso di veicoli con targhe di immatricolazione serbe a Jarinje, in Kosovo [Laura Hasani/Reuters]

La Serbia ha messo le sue truppe dell’esercito nelle regioni vicine al Kosovo in massima allerta. La televisione di stato RTS ha riferito sabato che i jet militari serbi hanno volato nella zona di confine due volte durante il giorno, suscitando applausi dai serbi che protestavano.

Venerdì, anche gli elicotteri dell’esercito serbo sono stati visti sorvolare l’area, ha riferito Boris Gagic di Al Jazeera.

“Individui e gruppi, le cui attività mettono in pericolo lo stato di diritto e l’ordine pubblico, stanno attaccando il nostro stato e disturbando la nostra pace”, ha detto Kurti sul suo account Facebook sabato.

“La Serbia li sta incoraggiando e li sostiene chiaramente”, ha aggiunto. “La Serbia abusa dei cittadini del Kosovo per provocare un grave conflitto internazionale”.

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha descritto la recente mossa di targa del Kosovo come “un’azione criminale”, e ha fatto del ritiro di tutta la polizia speciale kosovara una condizione dei negoziati mediati dall’Unione Europea per risolvere la controversia.

Ma dopo gli incidenti di sabato, il governo del Kosovo non sembrava pronto a ritirare la polizia speciale.

“Questi atti criminali mostrano meglio cosa sarebbe successo con i valichi di frontiera di Jarinje e Brnjak se non fossero state inviate forze speciali per garantire l’ordine pubblico e la sicurezza”, ha scritto su Facebook Svecla, il ministro degli interni.

Il primo ministro kosovaro Albin Kurti mostra le targhe automobilistiche provvisorie del Kosovo e della Serbia durante una sessione del parlamento a Pristina [AFP]

L’Unione europea e gli Stati Uniti hanno esortato il Kosovo e la Serbia a esercitare immediatamente moderazione e ad astenersi da azioni unilaterali.

Il presidente del Kosovo Vjosa Osmani ha invitato il mondo “a non ignorare ciò che è chiaramente (essere) visto – una tendenza russo-serba a danneggiare l’Unione Europea e la NATO” aumentando le tensioni nei Balcani.

“È ora che la comunità internazionale, e in primo luogo i paesi membri dell’UE e della NATO, vedano un tale pericolo e impediscano al regime di Vucic di realizzare il suo obiettivo di creare il ‘mondo serbo'”, ha scritto su Facebook, mentre a New York all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Una sanguinosa repressione del 1998-1999 da parte delle truppe serbe contro i separatisti albanesi del Kosovo si è conclusa dopo un intervento della NATO e il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza nel 2008.

È stato riconosciuto dagli Stati Uniti e da altre nazioni occidentali, ma non dalla Serbia e dagli alleati Russia e Cina.

Migliaia di forze di pace guidate dalla NATO, comprese le truppe statunitensi, sono ancora schierate in Kosovo, cercando di evitare le persistenti tensioni etniche tra la maggioranza degli albanesi del Kosovo e la minoranza dei serbi del Kosovo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *