Gli immigrati scampati alla repressione del Texas si sentono intrappolati in Messico


Fernando Llano / AP

Un immigrato haitiano attraversa il Rio Grande fino a Ciudad Acuña, in Messico.

Il padre 35enne ha valutato le sue opzioni: tornare negli Stati Uniti, dove potrebbe essere rimandato ad Haiti, o rimanere in Messico mentre le autorità si stringono intorno a lui e ad altri immigrati.

Wood, che ha rifiutato di fornire il suo nome completo per paura di ritorsioni da parte degli Stati Uniti o del Messico per aver parlato apertamente, ha affermato di non avere un piano ma di averne bisogno per prendersi cura di sua moglie e delle sue due figlie.

“Mi piacerebbe restare qui in Messico, ma ho paura perché non ho il permesso di stare qui, ha detto Wood a BuzzFeed News. “Ma gli Stati Uniti potrebbero espellerci. Non so cosa fare”.

Come centinaia di immigrati che questa settimana hanno lasciato il campo di Del Rio, in Texas, nel tentativo di evitare di essere trasportati in aereo ad Haiti, i muri si stanno avvicinando a loro, questa volta dal lato messicano del confine. Gli agenti dell’immigrazione, affiancati da soldati armati e agenti di polizia, hanno condotto raid diurni e notturni per le strade di Ciudad Acuña, dove hanno arrestato e trasportato gli immigrati negli stati del Messico meridionale. Per giorni, gli immigrati hanno fatto avanti e indietro attraverso il precario Rio Grande, spostandosi dal lato del confine che sembra più amichevole.

Giovedì prima dell’alba, gli agenti dell’immigrazione messicani sono entrati nel campo affiancati dalla polizia locale e dalla Guardia nazionale. Gli immigrati, per la maggior parte haitiani, che vivevano in un parco a Ciudad Acuña, si sono svegliati di soprassalto. La presenza delle autorità messicane è stata sufficiente per far tornare alcuni di loro dal lato americano del confine, un luogo che avevano precedentemente abbandonato dopo che l’amministrazione Biden aveva iniziato a rimandare centinaia di immigrati ad Haiti. Nessuno è stato trattenuto nel parco, ma la minaccia incombeva.

L’amministrazione Biden ha spostato migliaia di immigrati dall’area di Del Rio in altre parti del confine, per essere processati nel paese o rimossi. Ha fatto affidamento, in gran parte, sulla politica del Titolo 42, che cita la pandemia come motivo per consentire agli agenti di frontiera di respingere rapidamente i richiedenti asilo, per liberare il campo di Del Rio da migliaia di haitiani. In pochi giorni, gli Stati Uniti hanno riportato ad Haiti quasi 2.000 immigrati. Venerdì erano attesi più voli verso il paese, che sta lottando a seguito di un terremoto e dell’assassinio presidenziale.

Rodrigo Abd / AP

Gli studenti si riuniscono prima dell’inizio delle lezioni nella scuola Sante Bernadette all’interno di Fort Dimanche, che un tempo era una prigione, a Port-au-Prince, ad Haiti, il 23 settembre 2021. Le scarse condizioni mostrano fino a che punto il paese deve andare come si ricostruisce dopo un terremoto a metà agosto.

Venerdì, il segretario alla sicurezza interna Alejandro Mayorkas ha affermato che il campo sotto il ponte internazionale di Del Rio è stato sgomberato e che nessun migrante è rimasto lì. Dal 9 settembre, a Del Rio sono stati incontrati quasi 30.000 immigrati, ha detto Mayorkas. Altri 8.000 erano tornati volontariamente in Messico e altri 5.000 erano in attesa di essere processati, il che significa che sarebbero stati espulsi o autorizzati a rimanere nel paese.

Mayorkas ha aggiunto che oltre 12.000 immigrati che erano entrati negli Stati Uniti avrebbero ascoltato i loro casi.

Ha sostenuto che l’uso del titolo 42 era necessario a causa della pandemia e che non si trattava di una politica sull’immigrazione. Ha anche notato che la politica ammetteva eccezioni.

Giovedì, un agente dell’immigrazione messicano, che ha dato a BuzzFeed News solo il suo cognome, Rodriguez, ha detto che, insieme alla Guardia Nazionale e alla polizia locale, si sono presentati al parco di Ciudad Acuña prima dell’alba e spaventati gli immigrati si sono svegliati perché gli Stati Uniti stavano conducendo un operazione a Del Rio, ed erano preoccupati che la gente sarebbe annegata nel tentativo di tornare in Messico.

Ma la loro presenza mattutina ha avuto l’effetto opposto su alcuni immigrati che avevano guadato il Rio Grande per tornare a Del Rio, in Texas. Le autorità messicane hanno presto bloccato il loro accesso, tagliando una corda gialla che gli immigrati avevano usato per attraversare il fiume.

Sebbene molti haitiani abbiano inizialmente lasciato le loro case per andare in Brasile o in Cile dopo il terremoto di magnitudo 7.2, le politiche sull’immigrazione in quei paesi sono diventate più restrittive negli ultimi cinque anni, secondo un 2021 rapporto sulla migrazione delle donne haitiane. Il rapporto, pubblicato dal Center for Gender and Refugee Studies dell’Università della California, Hastings College of the Law, afferma che le restrizioni più severe hanno portato molti haitiani a recarsi in Messico.

Jose Torres / Reuters

Gli immigrati dall’America centrale, da Haiti e da Cuba si mettono in fila davanti alla Commissione messicana per l’assistenza ai rifugiati per richiedere asilo e status di rifugiato in Messico.

Uno di loro era Wood, la cui figlia di 12 anni è svenuta per disidratazione la scorsa settimana al campo di Del Rio.

“Se esci per le strade di Haiti, devi pregare per tornare”, ha detto.

Wood emigrò con la sua famiglia in Cile, dove cercò di guadagnarsi da vivere, ma senza uno status legale lì, trovare un lavoro ben retribuito era difficile.

Ha pensato di tornare in Cile, ma ciò significherebbe dover attraversare il Darién Gap, una giungla che l’UNICEF descrive come una delle rotte più pericolose del mondo. È stata la parte più difficile del viaggio fino al confine tra Stati Uniti e Messico, ha detto Wood, aggiungendo che i criminali derubano violentemente gli immigrati e violentano le donne nella regione.

“È qualcosa che attraversi una volta nella vita, non due”, ha detto.

In piedi nel campo in cui Wood aveva dormito con la sua famiglia, Rodriguez, l’agente dell’immigrazione, ha affermato che le autorità hanno istituito un rifugio a Ciudad Acuña per coloro che volevano lasciare il parco in cui si erano accampati. Ha anche detto che gli immigrati potevano continuare il loro procedura di richiesta dei rifugiati con la Commissione messicana per l’assistenza ai rifugiati, ma dovrebbero farlo nella città di Tapachula, nello stato meridionale messicano del Chiapas.

Ma Tapachula è una prigione per immigrati che non hanno la documentazione per lasciare lo stato o l’autorizzazione a lavorare. Se cercano di andarsene senza pagare migliaia di dollari ai trafficanti, devono vedersela con le truppe della Guardia Nazionale. Da anni ci sono anche scontri violenti tra gli immigrati che cercano di andarsene e le autorità messicane, sotto la pressione dei funzionari statunitensi, che cercano di impedire loro di dirigersi a nord. Il mese scorso, funzionari messicani condannato le azioni “inappropriate” dei loro agenti dopo che si sono scontrati violentemente con gli immigrati a Tapachula.

Jose Torres / Reuters

Agenti messicani arrestano un membro di una carovana di immigrati e richiedenti asilo che speravano di raggiungere Città del Messico e ottenere documenti che avrebbero permesso loro di viaggiare nel paese. Gli immigrati si erano stancati di aspettare i documenti a Tapachula.

Quando Rodriguez ha detto a un gruppo di immigrati che sarebbero dovuti tornare a Tapachula se avessero sperato di completare il loro processo di asilo, si sono lamentati e hanno protestato collettivamente, sapendo cosa li stava aspettando lì.

Diana, 30 anni, colombiana, ha detto di aver venduto acqua a Tapachula nel tentativo di coprire il suo affitto di circa 200 dollari, ma è stato difficile. L’attesa per completare il processo di asilo richiede mesi, e per tutto il tempo devono trovare un modo per guadagnarsi da vivere senza l’autorizzazione al lavoro, ha detto.

“Come ti aspetti che sopravviviamo?” ha chiesto Diana a Rodriguez. “Non abbiamo niente, e poi proviamo ad andarcene e la Guardia Nazionale ci picchia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.