La stagione di Liberty si conclude con una perdita da brivido nei playoff WNBA


La drammatica conclusione della prima trasferta del Liberty ai playoff dal 2017 ha evocato i ricordi dell’inizio di questa stagione.

Nella gara di apertura contro l’Indiana, Sabrina Ionescu ha inchiodato una tripla vincente dall’ala del Barclays Center con quattro decimi di secondo dalla fine e ha mandato le aspettative alle stelle. Il Liberty ha iniziato la stagione 5-1 e sembrava una squadra di playoff, superando facilmente il totale delle vittorie dalla sconfitta per 2-20 della scorsa stagione.

Questa volta, con quattro decimi di secondo rimasti nella partita di playoff del primo turno a eliminazione diretta di giovedì, i Liberty, in svantaggio di un punto, hanno avuto un’ultima possibilità di rovesciare i Phoenix Mercury. Quando Sami Whitcomb ha rimbalzato la palla dal lato sinistro, i giocatori hanno tagliato e fatto uno sprint in coreografia. La prima opzione – un pallonetto verso il canestro – non c’era, quindi Ionescu, uscendo da uno schermo, si è lanciato verso Whitcomb. Ionescu ha preso il passaggio da ben oltre la linea dei 3 punti e ha lanciato un moonshot sopra le braccia tese di Brittney Griner, il centro 6 piedi-9.

Il colpo all’ultimo respiro è andato a ruba. Lo slancio del jumper in dissolvenza e il contatto con Griner hanno fatto scivolare Ionescu all’indietro con una sconfitta per 83-82. “Semplicemente non è andata come volevamo”, ha detto il Liberty Coach Walt Hopkins.

Con molto da disfare dopo una partita emozionante, il Liberty è entrato nella bassa stagione con molte promesse, con la palla e la franchigia nelle mani di Ionescu. “Sono davvero entusiasta per la prossima stagione, specialmente con questo gruppo di giocatori che siede accanto a me, per poter crescere da qui”, ha detto Ionescu, affiancato da Betnijah Laney, capocannoniere della squadra per la stagione, e Natasha Howard, il suo miglior rimbalzista, nella conferenza stampa post-partita.

Dopo una carriera trascendente all’Oregon che l’ha resa la scelta facile come scelta numero 1 al draft per il Liberty nel 2020, Ionescu si è gravemente slogata una caviglia nella sua terza partita WNBA e ha perso il resto della sua stagione da rookie. In questa stagione, era difficile non vederla. La sua faccia da gioco si estendeva oltre l’ingresso del Barclays Center. La rivista Slam l’ha chiamata “The Next Queen of NY” sulla copertina di aprile/maggio. Ha scambiato battute in pubblicità con l’11 volte NBA All-Star Chris Paul, che era in tribuna per la partita di playoff.

Ionescu, 23 anni, ha guidato la lega nelle vendite di maglie in questa stagione, appena davanti a Sue Bird di Seattle, che ha giocato nella WNBA quasi da quando Ionescu è in vita. “Ha appena fatto un lavoro davvero magnifico nel bilanciare le aspettative che potrebbero essere state irrealistiche per un debuttante”, ha detto Hopkins.

Nel suo debutto ai playoff Ionescu ha chiuso con 14 punti, 11 assist e 5 rimbalzi.

Ci vogliono anni, anche per i prodigi, per crescere nel loro potenziale. Hopkins ha indicato Skylar Diggins-Smith del Mercury, che a 31 anni ha fatto la sua prima squadra olimpica la scorsa estate, e ha segnato un record di 22 punti contro il Liberty. “Sta finalmente realizzando il suo potenziale”, ha detto Hopkins di Diggins-Smith.

“Per Sabrina arrivare dove si trova – dove sta prendendo il controllo di una squadra giovane lungo il tratto, per eseguire e trovare il successo, e per colpire i pezzi grossi, e gridare di rimando quando qualcuno le sta parlando a schiaffi e non prenderlo da chiunque – è stato davvero, davvero speciale”, ha detto Hopkins. “Non sono mai riuscito a guardare qualcuno evolversi così rapidamente come Sab, ed è stato un privilegio, onestamente.”

Anche così, il miglior giocatore della squadra per tutta la stagione è stato Laney, che ha segnato 25 punti contro il Mercury. Howard ha guidato la difesa persistente del Liberty con squadre doppie e triple, limitando la capacità di Griner di prendere il controllo del gioco in assenza della guardia Mercury Diana Taurasi, che non ha giocato con un infortunio alla caviglia. Ionescu, dopo aver recitato come 2-guardia al college, ha imparato a fare il punto, diventando più un facilitatore che un rifinitore.

Nella sua sesta partita da professionista in carriera, Ionescu è diventata la più giovane giocatrice nella storia della lega a registrare una tripla doppia, con 26 punti, 12 assist e 10 rimbalzi in una vittoria contro il Minnesota.

Tuttavia, la tendinite alla caviglia ha ostacolato Ionescu a giugno e, insieme alla perdita di Howard per un infortunio al ginocchio, ha bloccato i progressi della squadra. La pausa olimpica ha aiutato Ionescu a tornare in forma, ma il gioco della squadra ha continuato a precipitare e il Liberty ha vinto solo due partite nella seconda metà della stagione. I Liberty sono entrati nella loro ultima partita di regular season con una serie di otto sconfitte consecutive, ma hanno tenuto a bada i Washington Mystics per mantenere vive le loro piccole speranze di playoff.

Con le sconfitte dei Mystics e dei Los Angeles Sparks nell’ultimo giorno della stagione regolare, il Liberty è entrato nella postseason. “Nessuno pensava che saremmo stati in questa posizione”, ha detto Laney dopo la sconfitta di Phoenix. “Quindi il fatto che siamo rimasti uniti, siamo arrivati ​​qui e abbiamo combattuto duramente, sono davvero eccitato per quello che verrà in futuro.”

Hopkins ha incolpato l’arbitro dopo la perdita, anche se non ha avuto problemi con le chiamate nei momenti calanti della partita.

“Ci sono molte cose che voglio dire sull’arbitraggio nella WNBA e sulla mancanza di rispetto che questa squadra ha ottenuto per tutta la stagione”, ha detto Hopkins. “Ma non posso dirlo, perché gli arbitri sono irreprensibili. Non devono andare a una conferenza stampa dopo le partite. Non devono spiegare gli errori che hanno commesso, perché hanno fatto quello che fanno.

“Non so da dove verrà la responsabilità, ma deve accadere. È stata una brutta stagione. Il modo in cui ci hanno trattato è stato pessimo”.

Hopkins ha affermato che la squadra è stata tenuta a uno standard diverso perché comprendeva così tanti giovani giocatori, tra cui Ionescu e Michaela Onyenwere, che è la favorita per il premio Rookie of the Year. Contro Phoenix, ha giocato meno di nove minuti e non ha segnato.

Laney sta ancora costruendo il suo curriculum, alimentata da delusioni e battute d’arresto. Da quando il Chicago Sky l’ha scelta nel 2015 è stata tagliata due volte, da Sky e Fever, prima di trovare un posto con Atlanta l’anno scorso, quando ha vinto il premio Most Improved Player Award della lega. Poi in questa stagione, ha fatto la sua prima squadra All-Star, con il Liberty, e ha guidato la squadra con 16.8 punti a partita.

Contro Phoenix, Laney ha effettuato l’ultimo tiro della sua squadra, a 2,7 secondi dalla fine, per pareggiare la partita a 82. Ma il Mercury ha passato la palla a Brianna Turner sotto canestro durante il successivo gioco in entrata e Whitcomb le ha fatto fallo. Il primo tiro libero di Turner è stato eliminato, ma lei ha effettuato con calma il secondo, per dare il vantaggio alla Mercury.

Dopo un timeout, il Liberty ha avuto l’ultima possibilità di vincere. Quando Ionescu ha colpito il pavimento dopo il tiro sbagliato, Howard è corso per aiutarla a rialzarsi. Ionescu non sembrava arrabbiata o abbattuta quando è uscita dal campo. Invece, sembrava che stesse mettendo in conto questa esperienza per il futuro.

Ha parlato del lavoro cinematografico che aveva davanti in bassa stagione, dell’esperienza acquisita, delle lezioni apprese. “Inizieremo il campo di addestramento a questo livello”, ha detto. “Questa è la base”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *