I democratici statunitensi presentano un disegno di legge a sostegno della “fine dell’occupazione israeliana” | Notizie sul conflitto israelo-palestinese


Washington DC – I legislatori del Partito Democratico negli Stati Uniti hanno presentato un disegno di legge che afferma il sostegno alla soluzione dei due Stati e chiede una “robusta supervisione” sugli aiuti statunitensi a Israele per garantire che non vengano utilizzati in violazioni dei diritti umani.

La proposta di legge, introdotta giovedì dal deputato Andy Levin, renderebbe politica degli Stati Uniti distinguere chiaramente tra Israele e il territorio palestinese che occupa, compresa Gerusalemme est.

Il disegno di legge invita inoltre il governo degli Stati Uniti a mantenere relazioni diplomatiche con i palestinesi riaprendo l’ufficio dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina a Washington, DC, e il consolato americano a Gerusalemme est, entrambi chiusi dall’ex presidente Donald Trump.

Joe Biden aveva promesso di ristabilire i legami con i palestinesi, ma a otto mesi dalla sua presidenza il consolato a Gerusalemme Est occupata deve ancora riaprire.

“Il disegno di legge chiarisce che l’assistenza per aiutare Israele ad affrontare le sue reali sfide alla sicurezza dovrebbe continuare senza una perdita di un dollaro”, ha detto Levin durante una conferenza stampa a Washington, DC, presentando il disegno di legge.

“Ma non può essere usato in modo tale da violare i diritti umani riconosciuti a livello internazionale, o per attività che perpetuano l’occupazione o consentono l’annessione di fatto – o lo sa il cielo de jure -“.

Levin del Michigan ha affermato che il Congresso avere voce in capitolo su come vengono spesi i soldi dei contribuenti statunitensi non è “niente di nuovo”, ma in questo caso è “essenziale se siamo seri nel raggiungere una soluzione a due stati e nel sostenere i diritti umani di israeliani e palestinesi allo stesso modo”.

Non abbastanza lontano

È stata la politica delle successive amministrazioni statunitensi a sostenere la soluzione dei due stati, che vedrebbe l’istituzione di uno stato palestinese a Gaza e in Cisgiordania. Ma i critici della politica americana affermano che il governo degli Stati Uniti non ha esercitato sufficiente pressione su Israele a tal fine.

Anche i sostenitori dei diritti dei palestinesi per anni hanno affermato che la soluzione dei due stati è impossibile a causa della continua costruzione di insediamenti israeliani nel territorio palestinese occupato, e molti criticano l’idea dei due stati come un modo per Israele di mantenere lo status quo.

Più di 680.000 coloni israeliani vivono attualmente nella Cisgiordania occupata ea Gerusalemme Est, secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite. Israele ha catturato Gaza e la Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, nella guerra del 1967. Ha annesso Gerusalemme Est nel 1980.

In una dichiarazione di giovedì, la Campagna statunitense per i diritti dei palestinesi (USCPR) ha affermato che la legislazione di Levin non si spinge abbastanza lontano nel fare pressione su Israele.

“I palestinesi sono stati a lungo chiari nelle loro richieste: fermare la complicità degli Stati Uniti negli abusi dei diritti umani israeliani e liberarsi dal danno e dalla violenza”, ha detto il gruppo, aggiungendo che le misure a tal fine devono ritenere Israele responsabile dei suoi abusi e opporsi in modo significativo alla “separata e-disuguale” realtà in cui vivono i palestinesi.

“Il Two State Solution Act non soddisfa questi due requisiti di base e quindi non può essere un disegno di legge progressivo sulla Palestina”, ha affermato l’USCPR.

Dibattito in crescita

Tuttavia, il disegno di legge di giovedì arriva nel mezzo di un crescente dibattito sugli aiuti statunitensi a Israele, con diversi legislatori progressisti che chiedono di porre condizioni sui 3,8 miliardi di dollari di assistenza militare annuale che gli Stati Uniti forniscono al governo israeliano.

All’inizio di quest’anno, la deputata democratica Betty McCollum ha presentato un disegno di legge che limiterebbe allo stesso modo l’uso degli aiuti statunitensi in modo che non contribuisca all’annessione israeliana del territorio palestinese o alla detenzione di bambini palestinesi, tra le altre cose.

Ma Biden ha in gran parte mantenuto con decenni di sostegno degli Stati Uniti a Israele. Martedì, in un discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ha ribadito il suo sostegno alla soluzione dei due Stati, ma la sua amministrazione si è astenuta dal criticare pubblicamente le politiche israeliane.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett, che ha incontrato Biden a Washington, DC, il mese scorso, ha escluso di consentire la creazione di uno stato palestinese sotto il suo governo.

Il disegno di legge presentato giovedì, soprannominato Two-State Solution Act, afferma che la creazione di insediamenti israeliani è “incompatibile con il diritto internazionale”; chiede anche “la fine dell’occupazione israeliana dei territori palestinesi”.

Esso è stato annunciato poche ore prima che la Camera dei Rappresentanti votasse in modo schiacciante per fornire $ 1 miliardo di finanziamenti aggiuntivi al sistema di difesa missilistico Iron Dome di Israele.

In risposta a una domanda di Al Jazeera, Levin ha riconosciuto le sfide che la soluzione dei due Stati deve affrontare, inclusa la posizione di Bennett, ma ha affermato che è importante impegnarsi per aprire nuove possibilità.

“Ciò che è mancato è che gli Stati Uniti svolgano il loro ruolo, il loro ruolo muscoloso e robusto, di dire a questi due popoli: vi sosterremo e vi uniremo nella buona e nella cattiva sorte in modo da poter raggiungere una pace duratura”, ha detto Levin.

Il disegno di legge è co-sponsorizzato da più di due dozzine di democratici, tra cui diversi importanti membri ebrei della Camera.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *