‘Non c’è tempo da perdere’: l’ambasciatore italiano esorta l’Australia a impegnarsi a zero prima della Cop26 | Politica estera australiana


Il massimo diplomatico italiano a Canberra ha avvertito che non c’è “tempo da perdere” nella lotta alla crisi climatica e spera che l’Australia si impegni a zero emissioni nette.

L’ambasciatore italiano, Francesca Tardioli, ha anche sottolineato la necessità per i paesi, inclusa l’Australia, di aggiornare i propri obiettivi per il 2030, affermando che “le circostanze sono cambiate negli ultimi cinque anni ed è solo saggio prenderne atto e agire di conseguenza, aumentando la nostra ambizione”.

“Non c’è una seconda possibilità se falliamo”, ha detto in un’intervista a Guardian Australia.

“Non c’è tempo da perdere, non più, se vogliamo salvare collettivamente il nostro pianeta. Questa non è retorica, figuriamoci catastrofismo: questa è scienza».

I commenti arrivano mentre il governo australiano valuta se rafforzare i suoi impegni sul clima in vista del vertice sul clima delle Nazioni Unite che si terrà a Glasgow, che è presieduto dal Regno Unito in collaborazione con l’Italia.

Il primo ministro, Scott Morrison, ha detto al presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, in un incontro faccia a faccia all’inizio di questa settimana che il governo australiano “continuerà a lavorare sul nostro piano su come possiamo continuare a ridurre le emissioni a zero bene”. nel futuro”.

Il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha detto alle Nazioni Unite questa settimana che il vertice Cop26 deve essere un “punto di svolta per l’umanità”.

L’Italia ospita un incontro preparatorio della conferenza, noto come “pre-Cop”, e un evento giovanile associato tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre. L’Italia è anche presidente del vertice G20 di quest’anno, dove il clima sarà una delle priorità.

“Credo che tutti i paesi del G20 possano e debbano fare di più, inclusa l’Australia, [which] ha un enorme potenziale per diventare leader nella produzione di energia pulita”, ha affermato Tardioli.

Quando le è stato chiesto se fosse fiduciosa che l’Australia si sarebbe impegnata a raggiungere un obiettivo del 2050 per le emissioni nette zero entro il vertice di Glasgow, ha detto: “Sono fiduciosa, sì. Spero davvero che l’Australia si impegni per questo obiettivo comune”.

Iscriviti per ricevere le migliori storie da Guardian Australia ogni mattina

Ha affermato che una ferma decisione del governo federale “rafforza l’alleanza globale di quei paesi che guidano davvero il mondo in questi sforzi”.

Ha descritto l’Australia come un paese sviluppato con un’economia forte e con una forte ricerca e sviluppo, quindi “potrebbe facilmente dare l’esempio all’interno della comunità internazionale”.

Una decisione sullo zero netto “aiuterebbe anche il livello subfederale a muoversi più costantemente verso una transizione energetica urgente”.

Tardioli ha suggerito che “le circostanze sono cambiate” quando è stato chiesto se l’Australia dovrebbe anche aumentare il suo impegno di riduzione delle emissioni 2030, che è rimasto inalterato da quando il governo Abbott ha promesso un taglio dal 26% al 28% rispetto ai livelli del 2005.

“La risposta è semplice: i dati recenti forniti dall’Organizzazione meteorologica mondiale hanno evidenziato un’accelerazione degli indicatori dei cambiamenti climatici, come l’innalzamento del livello del mare, lo scioglimento del ghiaccio marino e condizioni meteorologiche estreme”, ha affermato.

“Le circostanze sono cambiate negli ultimi cinque anni ed è solo saggio prenderne atto e agire di conseguenza, aumentando la nostra ambizione. Questo decennio sarà cruciale se la comunità internazionale vuole avere una reale possibilità di raggiungere l’obiettivo chiave di mantenere l’innalzamento della temperatura entro 1,5°C”.

Guida veloce

Come ricevere le ultime notizie da Guardian Australia

Spettacolo

Fotografia: Tim Robberts/Stone RF

Grazie per il tuo feedback.

Tardioli ha detto che quasi 400 persone, di età compresa tra i 18 ei 29 anni, si incontreranno a Milano per la Conferenza Youth4Climate la prossima settimana. Ha detto che i giovani dovrebbero essere coinvolti in “processi decisionali che avranno un impatto enorme sulle loro vite”.

L’ambasciatore ha affermato che l’Italia spera che i leader “ascoltino attentamente le voci rappresentative dei futuri leader del mondo e accolgano le loro raccomandazioni per un’azione molto più decisa per combattere il cambiamento climatico”.

A soli 40 giorni dal vertice di Glasgow, Biden si è impegnato a raddoppiare i finanziamenti per il clima e la Cina ha promesso di fermare il finanziamento delle centrali elettriche a carbone all’estero.

Il governo australiano ha affermato di essere impegnato nell’azione sui cambiamenti climatici, ma ha caratterizzato il suo approccio come “tecnologia, non tasse” e non è chiaro se aggiornerà il suo obiettivo a medio termine. Finora, Morrison ha espresso solo la preferenza per raggiungere lo zero netto entro il 2050 tra divisioni interne.

Un certo numero di politici australiani ha espresso l’opinione che grandi emettitori come l’India e la Cina debbano aumentare il loro livello di impegno, altrimenti una maggiore riduzione delle emissioni da parte dell’Australia non avrebbe senso.

Ma Tardioli ha affermato che l’ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici è “chiaro” che “tutti dobbiamo ottenere riduzioni immediate, rapide e significative delle emissioni”.

“E non possiamo semplicemente fare affidamento sugli altri: dobbiamo fare tutti la nostra parte”, ha detto.

“L’Italia, insieme a molti Paesi europei, si è impegnata a eliminare gradualmente il carbone entro il 2025, sulla base dell’evidenza che è una delle principali cause dell’aumento dei livelli di anidride carbonica nell’atmosfera”.

L’Italia si è inoltre impegnata a raggiungere lo zero netto entro il 2050 e una riduzione del 55% delle emissioni entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, in linea con gli impegni dell’UE.

Alla domanda se fosse ottimista o pessimista sulle possibilità di un’azione globale globale del tipo indicato dal rapporto dell’IPCC come necessaria, Tardioli ha risposto che “non era una questione di umore”.

“Si tratta di preservare il futuro della nostra generazione futura”, ha detto, aggiungendo che i governi di tutto il mondo “non hanno il lusso di fallire”.

Ministri dell’energia e del clima del G20 – che include l’Australia – concordato a Napoli a luglio sulla necessità di “azioni significative ed efficaci da parte di tutti i Paesi” per mantenere “a portata di mano” il limite di temperatura di 1,5°C.

Ma i ministri durante l’incontro non sono riusciti a raggiungere un consenso sulla fissazione di una data per eliminare gradualmente i sussidi al carbone e ai combustibili fossili inefficienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *