New York City approva nuove protezioni per i lavoratori delle consegne

Giovedì, il consiglio comunale di New York ha approvato un pacchetto di sei progetti di legge che stabiliscono nuovi diritti e tutele per i lavoratori delle consegne, rendendola la prima grande città ad affrontare le intense condizioni di lavoro associate alla consegna del cibo. Il sindaco DeBlasio ha già espresso sostegno alle disposizioni e si prevede che le trasformi in legge senza indugio.

Il passaggio delle bollette è stato segnalato per la prima volta da La città, una redazione locale senza fini di lucro.

UN Verge La funzione all’inizio di questo mese ha dettagliato le condizioni intense affrontate dai conducenti di consegna che servono app come Grubhub e Uber Eats. Il furto del salario è comune, così come l’aggressione fisica, e la paga può fluttuare selvaggiamente. A causa del modello di lavoro da concerto, c’è poca sicurezza contro gli infortuni sul lavoro o la mancanza di guadagni.

Le misure varate oggi non affrontano ogni pericolo affrontato da quei lavoratori, ma stabiliscono tante tutele tanto agognate. Una misura richiede che la maggior parte dei ristoranti permetta agli addetti alle consegne di usare i propri bagni e istituisca multe per bar e ristoranti che rifiutano l’accesso. Un altro stabilirà pagamenti minimi per viaggio, simili alle protezioni esistenti per i conducenti di Uber e Lyft. Altre misure impedirebbero alle app di addebitare commissioni per fornire mance ai lavoratori (viste dai difensori del lavoro come una forma di furto salariale) e stabilire limiti su quanto lontano può essere chiesto a un lavoratore di viaggiare per una consegna.

Le fatture sono il risultato dell’organizzazione sostenuta da Los Deliveristas Unidos, un gruppo che organizza i lavoratori delle consegne come parte del Worker’s Justice Project. Il gruppo si è radunato al municipio ad aprile e ha spinto per mesi il sindaco e il consiglio comunale ad agire su questi temi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *