Elizabeth Holmes “era responsabile” di Theranos, afferma il Gen. Mattis

Il membro del consiglio di Theranos James “Cane pazzo” Mattis, un generale a quattro stelle ed ex segretario alla Difesa, ha servito tra i sostenitori impeccabilmente accreditati della compagnia – ma testimoniando al processo di Elizabeth Holmes mercoledì, non assomigliava tanto a un nonno ben vestito. A un certo punto, è sembrato confuso quando la difesa gli ha chiesto se ricordava la discussione sui dispositivi ad alto rendimento.

Quando Mattis ha incontrato per la prima volta Holmes di Theranos nel 2011, ha detto alla corte che lei gli ha puntato un dito per dargli un’idea del processo di prelievo di sangue. E come una damigella in una fiaba, cadde sotto il suo incantesimo. Al processo degli Stati Uniti contro Elizabeth Holmes, ha detto di essere stato “preso” con il dispositivo Theranos. Ora la “giovane Elizabeth”, come Mattis le ha rivolto in un’e-mail, deve affrontare 10 accuse di frode telematica e due di cospirazione per commettere frode telematica.

La testimonianza di Mattis mercoledì è stata la più schiacciante del processo finora. Ha ritratto Holmes come saldamente in controllo di Theranos, dicendo anche ai membri del consiglio di cosa discutere con la stampa. Sembra anche che sia stato ingannato sulle capacità dell’analizzatore Theranos, chiamato Edison.

“Sto cercando di trovare un modo per impiegare il tuo dispositivo in un rapido “progetto pilota” o “prova di principio per accelerare il suo ingresso nelle nostre forze”, ha scritto Mattis a Holmes nell’ottobre 2011, quando era il comandante del comando centrale degli Stati Uniti. . Nella testimonianza di oggi, ha affermato di aver voluto vedere un confronto fianco a fianco con la tecnologia esistente per l’analisi del sangue. Non è mai successo.

Le dimensioni ridotte dell’analizzatore erano particolarmente attraenti per lui, ha testimoniato. Le infermerie sulle navi hanno uno spazio limitato, le posizioni remote rendono difficile l’allestimento di laboratori e l’idea di poter eseguire test rapidi e precisi per individuare i soldati feriti era particolarmente allettante. “Credevo fermamente nell’ottenere questo in teatro in modo che potesse reggere e consegnare”, ha detto.

Mattis ha anche descritto Holmes come “acuta, articolata, impegnata” e ha detto che era “aggressiva” nel cercare di lavorare con il Dipartimento della Difesa. All’epoca, non disse che Theranos non aveva le risorse per farlo, né menzionò il lancio commerciale.

Per quanto a conoscenza di Mattis, l’analizzatore Theranos non è mai stato impiegato in operazioni clandestine, su elicotteri militari o in qualsiasi altra parte dell’esercito. Questo è un problema particolare per la difesa di Holmes, come ha detto agli investitori che i dispositivi Theranos venivano schierati in Afghanistan.

Dopo essersi ritirato dall’esercito, Mattis ha visitato il quartier generale di Theranos alla fine del 2013. Lì ha visto l’analizzatore Theranos e non ha visto l’attrezzatura disponibile in commercio che Erika Cheung e Surekha Gangakhedkar hanno testimoniato che Theranos stava usando per la maggior parte dei suoi test.

Holmes lo ha invitato a unirsi al consiglio di Theranos per aiutarla a costruire una buona cultura aziendale: la sua esperienza di gestione sarebbe stata utile, gli ha detto. “Era abbastanza mozzafiato quello che stava facendo”, ha detto. Come membro del consiglio, Holmes non era solo la sua principale fonte di informazioni sulla tecnologia di Theranos, era la sua unica fonte di informazioni, ha detto.

Mattis ha investito $ 85.000 in Theranos quando è entrato a far parte del consiglio, una cifra significativa per “qualcuno che è al governo da 40 anni”, ha detto, sorridendo leggermente.

Alle riunioni del consiglio, Holmes era il presentatore principale. Il suo coimputato, Sunny Balwani, che è stato processato separatamente, a volte ha fornito previsioni finanziarie, ma “Ms. Holmes era al comando”, ha detto Mattis. Ci sono state riunioni del consiglio in cui Balwani non era nemmeno presente, ha detto.

Questa testimonianza è, naturalmente, un problema per la difesa, che ha cercato di scaricare la colpa su Balwani, tra gli altri. Ma è coerente con i profili mediatici di Holmes in quel periodo, che la presentavano come se avesse il controllo completo dell’azienda.

La copertura mediatica di Holmes è stata introdotta direttamente oggi. Il primo è stato un giornale di Wall Street articolo che sosteneva che i dispositivi Theranos erano “più veloci, più economici e più accurati dei metodi convenzionali e richiedono solo volumi di sangue microscopici, non una fiala dopo l’altra”. Ciò era coerente con la comprensione di Mattis della tecnologia in quel momento, ha detto. L’articolo è stato anche presentato in una riunione del consiglio.

Solo più tardi Mattis ha appreso che solo alcuni test erano stati effettivamente eseguiti sulla macchina Theranos. Se avesse saputo che per la maggior parte dei test venivano utilizzati dispositivi di terze parti, “avrebbe mitigato significativamente il mio entusiasmo”, ha affermato.

Mattis ha anche parlato con Roger Parloff per il suo Fortuna articolo – e prima di farlo, ha chiesto a Holmes una guida su cosa dire. L’articolo di Parloff affermava che Theranos “non acquista analizzatori da terze parti”, il che non era vero. Ma la richiesta era coerente con ciò che Mattis aveva capito all’epoca, ha detto alla corte. Ha anche ricevuto indicazioni su a Newyorkese articolo: non doveva discutere di come funzionava la tecnologia.

Più tardi, un avvocato di Theranos ha inviato un’e-mail a Mattis per dirgli di non parlare con John Carreyrou, che era… riportando la sua storia di successo su Theranos; nell’e-mail, la prossima storia di Carreyrou è stata descritta come diffamazione dell’azienda ed esposizione di segreti commerciali.

Dopo che la storia è uscita, il consiglio di amministrazione è stato rinominato consiglio di amministrazione. Una diapositiva di quell’incontro è stata mostrata ai giurati – e l’unica parte che non è stata oscurata sono state le parole “dovere di lealtà”.

Ciò non ha impedito a un altro membro del consiglio, Richard Kovacevich, ex capo di Wells Fargo, di inviare e-mail a Holmes e al resto del consiglio con domande. “Quindi, quando il sangue viene prelevato in tubi venosi, capisco correttamente che i test vengono eseguiti su apparecchiature di laboratorio e non Edison e che vengono inviati a CLIA per i test mentre Edison viene utilizzato solo per i test della FDA?” Kovacevich ha scritto.

Holmes ha risposto che Theranos stava passando da uno standard normativo all’altro, e Mattis ha detto di aver capito che Carryerou aveva essenzialmente “catturato [the company] a metà strada». Holmes non ha detto al consiglio che sono stati utilizzati test di terze parti perché Edison non ha funzionato per tutto. “Ho sempre pensato che lo stessimo facendo con l’attrezzatura di Theranos”, ha testimoniato.

Ma dopo alcune “sorprese, sorprese deludenti”, Mattis ha detto di aver iniziato a chiedersi se Edison avesse effettivamente funzionato. “C’è stato un momento in cui non sapevo più cosa credere su Theranos”, ha detto. Si è dimesso da membro del consiglio alla fine del 2016, perché ha capito che sarebbe stato nominato Segretario della Difesa.

Per quanto la sua testimonianza fosse dannosa, sembrava anche che Mattis fosse facilmente confuso. Non era del tutto sicuro di dove avesse incontrato Holmes per la prima volta, anche se sapeva che era stato prima o dopo un discorso a San Francisco. Inoltre, non ricordava di aver acquistato opzioni su azioni della società, anche se la difesa ha mostrato i documenti che lo dimostrano. Quando gli è stato chiesto quanto ha guadagnato un anno come membro del consiglio, Mattis ha detto $ 50.000; i documenti presentati dalla difesa hanno rivelato che in realtà aveva guadagnato $ 150.000 all’anno.

Ma quando la difesa ha cercato di convincerlo a dire che Holmes non gli aveva mai detto che il tecnico era pronto, Mattis si è tirato indietro. Holmes gli aveva detto che il tecnico era pronto a schierarsi sul campo per un confronto fianco a fianco con gli esami del sangue esistenti, ha insistito.

“Pensavo che sarebbero stati più di una manciata di test”, ha detto Mattis, “o sarebbe stato inutile per noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *