MLS e Liga MX annunciano il nuovo torneo di Coppa delle Leghe


In un importante riordino delle competizioni calcistiche in Nord America, le migliori leghe maschili negli Stati Uniti e in Messico hanno annunciato martedì la creazione di un torneo annuale in stile Coppa del Mondo in cui si sfideranno tutte le squadre di entrambe le leghe. Il torneo della durata di un mese si svolgerà a luglio e agosto, a partire dal 2023, ampliando la collaborazione tra Major League Soccer e Liga MX e aggiungendo più partite a un calendario calcistico mondiale già affollato.

“Abbiamo bisogno di più interesse globale”, ha detto in un’intervista Don Garber, il commissario della MLS. “Questo è uno sport globale. Stiamo facendo un buon lavoro di crescente interesse per la MLS nel nostro campionato qui a livello nazionale. Il prossimo passo è come far crescere l’interesse al di fuori della nostra regione?”

Un torneo a 47 squadre (ne avrà 48 ogni volta che la MLS si espanderà a 30 squadre) con fasi a gironi e ad eliminazione diretta durante l’unico periodo relativamente tranquillo del calendario calcistico – tra la fine dei tornei internazionali estivi e l’inizio del gioco del club in autunno – è un fulcro della strategia.

Il torneo sostituirà il torneo molto più piccolo della Coppa delle Leghe e ne prenderà il nome. Per garantire la legittimità e garantire che i team lo prendano sul serio, gli organizzatori hanno promesso un grande montepremi (ma non hanno detto quanto grande). Le prime tre squadre guadagneranno anche posti nella CONCACAF Champions League, la competizione per club più importante della regione.

La nuova Coppa delle Leghe richiederà una sostanziale riorganizzazione dei calendari della MLS e della Liga MX. Piuttosto che tenere l’evento insieme alla competizione della lega, entrambe le leghe si prenderanno una pausa per tutta la durata del torneo. Per MLS, ciò significa una pausa di un mese a metà della sua stagione, che in genere inizia a marzo, mentre per la Liga MX ciò significa probabilmente un ritardo all’inizio della sua stagione.

L’intero mondo del calcio, dai club alle leghe, alle confederazioni e alla stessa FIFA, è in una battaglia costante sul calendario, sui nuovi campionati e sulla navigazione delle leggi nazionali sul coronavirus. I promotori sembrano vedere spesso il calcio come un gioco redditizio a somma zero, che utilizza giocatori sempre più esausti per strappare quanti più dollari possibile allo sport, con poca collaborazione tra le organizzazioni.

Consapevoli di questa tensione, MLS e Liga MX affermano di aver creato il nuovo torneo con il coinvolgimento della CONCACAF, che sovrintende al calcio in Nord America, America Centrale e Caraibi. E l’annuncio della Coppa delle Leghe ha coinciso con un altro martedì, dalla CONCACAF, che ha affermato che a partire dal 2024 la CONCACAF Champions League si sarebbe estesa a 27 club, dai 16 del 2021.

La Champions League ampliata inizierà con tre tornei regionali, uno ciascuno per il Nord America, l’America centrale e i Caraibi, prima che 16 squadre si qualificheranno per la fase a eliminazione diretta.

La Coppa delle Leghe vedrà i giocatori messicani trascorrere ancora più tempo negli Stati Uniti, poiché il torneo si terrà qui. Nel 2023, i migliori giocatori messicani si sfideranno per la propria nazionale nella Gold Cup, il campionato regionale per squadre nazionali che da sempre si disputa principalmente negli Stati Uniti, nei mesi di giugno e luglio. Molti torneranno poi nei loro club messicani, che saranno già negli Stati Uniti in preparazione della Coppa delle Leghe.

Mikel Arriola, il presidente della Liga MX, non è preoccupato che gli appassionati di calcio messicani non apprezzeranno vedere i loro giocatori trascorrere quasi tutta l’estate giocando a nord del confine, in grado di guardare solo in televisione senza viaggi significativi. Questo torneo è additivo, ha detto, e non toglie nulla alla Liga MX.

“Questo sarà un modello misto perché continueremo con il nostro modo tradizionale nel nostro campionato locale”, ha detto Arriola. “Tuttavia, entrambi stiamo innovando in questo tipo di stravaganza estiva.”

Gli organizzatori sperano che il torneo, oltre a vendere milioni di biglietti, crei una miniera di dollari per la televisione, soprattutto al di fuori del Nord America. I diritti per mostrare le partite di MLS e Liga MX al di fuori dei loro paesi d’origine non sono attualmente particolarmente preziosi. Mentre la MLS viene mostrata, ad esempio, in Inghilterra, le società televisive e di streaming pagano molto di più per mostrare la Premier League o la Champions League di quanto non facciano per la MLS. Ma un torneo di facile comprensione durante una pausa nel calendario potrebbe rivelarsi popolare.

MLS controllerà i diritti televisivi del torneo negli Stati Uniti e in Canada, Liga MX controllerà i diritti per il Messico e i due collaboreranno per venderli nel resto del mondo. MLS sta anche parlando con le società di media dei diritti sia locali che nazionali per mostrare le sue partite di campionato, che sono attualmente detenute da ESPN, Fox e un certo numero di società di media locali ma scadono l’anno prossimo.

I diritti dei media per la Coppa delle Leghe potrebbero essere venduti insieme a tali diritti alla stessa società o società o potrebbero essere venduti separatamente.

Il successo del torneo verrà valutato anche in base al miglioramento dei club e dei giocatori nordamericani. Arriola ha affermato che il torneo fornirà una competizione vitale alle squadre al centro e all’ultimo della Liga MX, che non si qualificano per la CONCACAF Champions League.

“A volte le grandi squadre crescono da sole”, ha detto. Ma se la Coppa delle Leghe genera i giusti incentivi, ci sarà più di quella che Arriola ha chiamato “crescita orizzontale” in tutto il campionato.

In definitiva la Coppa delle Leghe, e tutto il resto tra i due campionati, è puntata verso il 2026, quando gli Stati Uniti ospiteranno la Coppa del Mondo, insieme a Messico e Canada. “Ora abbiamo il carburante per missili della Coppa del Mondo che potrebbe aiutarci a spingerci a un livello superiore”, ha detto Garber, “e alla fine essere visti come abbiamo aspirato ad essere, uno dei migliori campionati del mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *