I 49ers si contenderanno se si rimetteranno in salute?


Non c’è niente di più avvincente di un’avventura post-apocalittica come “The Walking Dead”, “The Road”, “Y: The Last Man” o i San Francisco 49ers del 2021.

I 49ers hanno raggiunto il Super Bowl nella stagione 2019 ma hanno vissuto un cataclisma di infortuni a livello di estinzione nel 2020. Hanno perso i corridori del Pro Bowl Dee Ford (collo, schiena) per 15 partite e Nick Bosa (ginocchio) per 14. Il cornerback professionista Richard Sherman (polpaccio) per 11, il tight end All-Pro George Kittle (ginocchio, piede) per otto, il loro miglior ricevitore, Deebo Samuel, (piede, tendine del ginocchio, Covid-19) per nove, oltre a vari altri antipasti su entrambi i lati della palla per grandi pezzi dell’anno.

Anche il quarterback Jimmy Garoppolo (caviglia) ha saltato 10 partite; il fatto che non riceva la fatturazione più alta sul loro appello di infortunio è significativo su una varietà di livelli.

Secondo Football Outsiders, i 49ers persero l’equivalente di 166,6 partite dai titolari a causa di infortuni, il secondo totale più alto per una squadra della NFL negli ultimi 20 anni. È come perdere 10 titolari – quasi la metà di una formazione offensiva e difensiva di 22 uomini – per un’intera stagione. Le assenze legate al Covid hanno aumentato i tassi di “infortunio” in tutta la lega lo scorso anno, ma i 49ers hanno comunque guidato la NFL nei giocatori non disponibili per motivi di salute di oltre 30 partite. I pochi sopravvissuti della squadra si sono fermati sul 6-10.

Un anno dopo, quasi tutte le stelle insostituibili dei 49ers sono sane e tornano in campo, così come Garoppolo. I 49ers hanno iniziato la stagione 2021 con vittorie strette ma ancora convincenti sui Detroit Lions e sui Philadelphia Eagles. Samuel guida la NFL con 282 yard ricevute. Bosa ha registrato tre sack. Kittle e Ford giocano ancora una volta ad alto livello. E Garoppolo ha ripreso il suo ruolo di persona che si siede al volante dell’auto a guida autonoma e fa in modo che non ci siano problemi di funzionamento.

I 49ers sono progettati per essere più a prova di disastro rispetto alla maggior parte delle squadre, il che ha reso il loro crollo del 2020 ancora più frustrante. L’attacco di Shanahan enfatizza i passaggi corti ai ricevitori specializzati in corse o rimbomba per grandi guadagni dopo la cattura; da qui la reputazione di Garoppolo più come addetto alla reception che come game manager. I running back sono anche ingranaggi sostituibili nella macchina di Shanahan. I 49ers avrebbero potuto operare efficacemente la scorsa stagione senza una combinazione di Garoppolo, Kittle, Samuel, il wide receiver Brandon Aiyuk, che era una scelta del primo turno del 2020, e i top running back Tevin Coleman e Raheem Mostert. In diverse partite della scorsa stagione, inclusa la sconfitta per 34-17 contro i Green Bay Packers (avversario di questa settimana), erano senza tutti quei giocatori.

Allo stesso modo, la linea difensiva dei 49ers per il 2020 doveva presentare cinque scelte del primo turno passate, tra cui Bosa e Ford: quattro partenti e una ruota di scorta in caso di foratura. Ma Arik Armstead è stato l’unico guardalinee dei 49ers ad iniziare tutte e 16 le partite. Di conseguenza, il totale dei sack della squadra è sceso da 48 nel 2019 a 30 lo scorso anno. Date le circostanze, sei vittorie sono state un’impresa notevole per Shanahan e il suo staff.

Non tutte le figure importanti della campagna del Super Bowl 2019 sono tornate quest’anno. L’esperienza del coordinatore difensivo Robert Saleh nell’assemblare disperatamente un elenco semi-funzionale di rookies e avanzi lo ha reso estremamente qualificato per il lavoro di head coaching dei Jets. Sherman non è stato rifirmato dopo la scorsa stagione; i bucanieri di Tampa Bay sono riferito interessato ad aggiungerlo per il loro giro di vittoria del Super Bowl.

I 49ers non hanno nemmeno evitato completamente gli infortuni finora nel 2021, anche se è ingenuo pensare che qualsiasi squadra di calcio possa farlo. Il cornerback Jason Verrett, che ha saltato quasi tutte le stagioni dal 2016 al 2019 a causa di una serie di infortuni, si è strappato il legamento crociato anteriore nella settimana 1. Verrett, stranamente, è stato uno dei giocatori più sani della squadra l’anno scorso. Anche Mostert è perso per la stagione, ma San Francisco ha fatto scorta di rinforzi come il debuttante Elijah Mitchell, che si è precipitato per oltre 100 yard all’inizio della stagione.

Parlando di rinforzi, i 49ers si sono scambiati al draft questa primavera per selezionare il quarterback del North Dakota State Trey Lance con la terza scelta assoluta. L’arrivo di Lance ha suggerito che Shanahan stava cercando qualcosa di più della semplice gestione dei pulsanti nella posizione, ma ha anche segnalato la fiducia dell’organizzazione che la squadra sarebbe migliorata semplicemente diventando più sana. Questo si è dimostrato vero finora.

A parte alcune modifiche, i 49ers stanno giocando bene con una formazione iniziale che assomiglia molto alla loro formazione del Super Bowl del 2019/elenco delle riserve degli infortunati del 2020, mentre Lance è stato limitato ai compiti di gioco con i gadget.

La ricerca di Football Outsiders suggerisce che esiste una correlazione significativa da un anno all’altro nel tasso di infortuni di una squadra. Questa è una brutta notizia per i 49ers, che sono finiti nella metà superiore del campionato in partite perse per infortuni per otto stagioni consecutive. La buona notizia è che il tasso di infortuni della scorsa stagione è stato così catastroficamente alto che una certa regressione verso la media NFL è quasi inevitabile, secondo i principi della tendenza centrale. Le cose devono semplicemente migliorare. Se non lo fanno, almeno l’immensamente talentuoso Lance è equipaggiato per sopravvivere a uno scenario “Mad Max” mentre i 49er setacciano le macerie e cercano di ricostruire.

Nonostante le vittorie di inizio stagione, i 49ers sembrano essere una spanna sotto i contendenti come i Buccaneers. La partita dei Packers di domenica fornirà il loro unico vero test contro un avversario del calibro dei playoff, prima che la squadra si imbarchi in incontri divisionali nella NFC West, un ambiente spietato per una squadra con evidenti punti deboli. Un’altra corsa al Super Bowl dei 49ers potrebbe dover aspettare fino a quando Lance non sarà pronto per sostituire Garoppolo e disattivare il pilota automatico per l’attacco di Shanahan.

Ma la narrativa post-apocalittica riguarda più la sopravvivenza che il successo, la perseveranza che il trionfo. Finora i 49ers hanno fatto un ottimo lavoro mettendosi alle spalle il 2020 e tornando il più vicino possibile alla normalità. Questo non li rende campioni. Ma certamente li rende riconoscibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *