Star Rookie e Veterans guidano la Rocky Season di Liberty verso i playoff


“Michaela è entrata in campo probabilmente la tiratrice più consistente della squadra in preseason. Stava abbattendo ogni colpo”, ha detto Hopkins. “Il suo atletismo, la sua esplosione, la sua versatilità difensiva e poi la sua personalità sono assolutamente meravigliose, quindi si è davvero separata nel campo”.

Nella gara di apertura della stagione, Onyenwere ha segnato 18 punti contro Indiana, in una vittoria punteggiata dalla tripla vincente di Sabrina Ionescu a meno di un secondo dalla fine. Onyenwere ha chiuso il primo mese della sua carriera da professionista con 29 punti contro Atlanta.

“Entrando, non mi aspettavo niente di tutto questo”, ha detto Onyenwere. “Non mi sono messo troppa pressione, perché so che se lo faccio, non giocherò liberamente come vorrei”. Ha continuato a giocare con gioia e determinazione, anche se un infortunio al gomito al braccio di tiro ha influito sulla sua precisione di 3 punti.

“Il microfono aumenta le occasioni in parte perché la pressione non la influenza come fa con le altre persone”, ha detto Hopkins, usando un soprannome per Onyenwere. “Non credo che lo interiorizzi. Non credo che diventi questo fardello emotivo per lei. Penso che sia proprio come, ‘OK, figo, ti ho preso’ e lo ammiro. È qualcosa che non è normale. È una caratteristica rara».

Dopo aver iniziato la stagione 5-1, i Liberty sono stati il ​​brindisi della lega, superando facilmente il loro totale di vittorie dalla sconfitta per 2-20 della scorsa stagione. La prima stagione della squadra al Barclays Center è stata promettente soprattutto per il ritorno di Ionescu, la scelta numero 1 del 2020 dall’Oregon che si è gravemente slogata una caviglia nella sua terza partita WNBA e ha perso il resto della sua stagione da rookie.

Ionescu ha guidato la squadra nell’hype – “The Next Queen of NY” ha letto la copertina di aprile / maggio della rivista Slam – e si è gradualmente adattata alle sfide che l’attendono, incluso giocare come playmaker dopo aver recitato come 2 guardie al college.

“È come se Sabs avesse giocato due partite e non avesse mai giocato a New York per essere la regina di New York”, ha detto Hopkins. “Ha appena fatto un lavoro davvero magnifico nel bilanciare le aspettative che potrebbero essere state irrealistiche per una recluta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *