In un primo momento di programmazione, Pac-12 e SWAC pianificano partite di basket in casa e in casa


Allo stesso modo, i leader del Pac-12 hanno accolto favorevolmente l’accordo casa-casa, che Bernard Muir, direttore sportivo di Stanford, ha predetto avrebbe “aprire i nostri occhi e le nostre basi di fan a un’opportunità che tradizionalmente non otteniamo”.

“Certamente, ci sono giochi che si verificano tra Power 5 e HBCU, ma per farlo su tutta la linea in entrambe le conferenze, penso che sia davvero unico”, ha detto.

Dana Altman, allenatore dell’Oregon dal 2010, ha affermato di aspettarsi che i viaggi diventino importanti esperienze di apprendimento per i giocatori delle due leghe. In un’intervista, ha ricordato un viaggio del 1999 nello stato della Mississippi Valley, a Itta Bena, Mississippi, con una delle sue squadre di Creighton come rivelatore.

“E ‘stato bello in quel momento, solo che i nostri ragazzi sono andati in un piccolo campus in una città molto piccola”, ha detto Altman, che una volta aveva l’allenatore della Florida A&M, Robert McCullum, nel suo staff in Oregon. “Penso che questo viaggio sarà positivo per i nostri giocatori, soprattutto quando impareranno a conoscere la scuola e acquisiranno parte della storia della scuola”.

Alcune scuole SWAC, hanno detto i funzionari, stanno considerando di giocare le partite casalinghe in base all’accordo in arene più grandi fuori dal campus nelle loro aree.

Sebbene la SWAC comandi grandi folle di casa per le partite di calcio – la maggior parte di qualsiasi conferenza al di fuori dei campionati Power 5 o Group of 5 che dominano il calcio della Division I – ha faticato ad attirare il pubblico per il basket maschile. Per la stagione 2019-20, la lega si è classificata al 29° posto delle 32 conferenze della Divisione I per presenze di pallacanestro in casa e le sue scuole hanno registrato una media di meno di 1.600 persone per partita casalinga.

Le scuole del Pac-12, al contrario, attiravano in genere più di 7.000 fan a partita.

Jason Cable, il direttore atletico dell’Alabama State, ha affermato che l’apparizione della USC lì nel 2023 sarebbe stata la partita senza conferenze più significativa dell’università a casa in memoria. Ha detto che l’esposizione e l’opportunità sarebbero state preziose per un’università come l’Alabama State, l’unica scuola della Divisione I a Montgomery, e ha previsto che quei benefici avrebbero superato il valore di un assegno che sarebbe stato guadagnato attraverso un altro viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *