Il rapporto “Libertà in rete” dipinge un quadro cupo dei diritti online | Notizie sui diritti civili


Myanmar e Bielorussia hanno dimostrato punti particolarmente bassi nel rapporto compilato da Freedom House poiché i diritti online sono diminuiti a livello globale nel 2021 per l’undicesimo anno consecutivo.

Gli utenti di Internet in un numero record di paesi hanno subito arresti e attacchi fisici per i loro post nell’ultimo anno, afferma un rapporto, dipingendo un quadro cupo delle libertà digitali nel 2021.

Il rapporto annuale “Libertà in rete”, pubblicato martedì, ha affermato che le chiusure di Internet in Myanmar e Bielorussia si sono rivelate punti particolarmente bassi poiché i diritti online sono diminuiti a livello globale per l’undicesimo anno consecutivo.

Compilato dal think tank statunitense Freedom House, il sondaggio assegna ai paesi un punteggio su 100 per il livello di libertà di Internet di cui godono i cittadini, inclusa la misura in cui devono affrontare restrizioni sui contenuti a cui possono accedere.

Altri fattori includono se i troll filo-governativi cercano di manipolare i dibattiti online.

“Quest’anno, gli utenti hanno subito attacchi fisici come punizione per le loro attività online in 41 paesi”, afferma il rapporto, un “record record” da quando il monitoraggio è iniziato 11 anni fa.

Gli esempi includono uno studente del Bangladesh ricoverato in ospedale dopo un pestaggio per presunte “attività antigovernative” sui social media e un giornalista messicano assassinato dopo aver pubblicato un video su Facebook che accusava una banda di omicidio.

Il rapporto ha anche scoperto che le persone sono state arrestate o condannate per le loro attività online in 56 dei 70 paesi coperti dal rapporto, un record dell’80%.

Includevano due influencer egiziane incarcerate a giugno per aver condiviso video TikTok che incoraggiavano le donne a intraprendere una carriera sulle piattaforme di social media.

Blackout di Internet

Il Myanmar è stato oggetto di pesanti critiche nel rapporto dopo che i militari hanno preso il potere con un colpo di stato a febbraio e hanno chiuso Internet, bloccato i social media e costretto le aziende tecnologiche a consegnare i dati personali.

La chiusura di Internet è stata utilizzata in modo simile per interrompere le comunicazioni prima delle elezioni in Uganda a gennaio e dopo le contestate elezioni in Bielorussia nell’agosto dello scorso anno.

In totale, almeno 20 paesi hanno bloccato l’accesso a Internet delle persone tra giugno 2020 e maggio 2021, il periodo coperto dal sondaggio.

Ma non erano solo cattive notizie, con il Gambia tra i paesi elogiati per aver continuato la sua tendenza verso una maggiore libertà online da quando l’allora presidente del Gambia Yahya Jammeh è stato deposto nel 2017.

L’Islanda è in cima alla classifica, seguita da Estonia e Costa Rica, il primo paese al mondo a dichiarare l’accesso a Internet un diritto umano.

Cina peggior offensore

All’altra estremità dello spettro, la Cina è stata nominata il peggior abusatore al mondo delle libertà di Internet, emettendo pesanti condanne al carcere per dissenso online.

Ma ci sono stati punti luminosi, con il rapporto che rileva che l’app audio Clubhouse ha fornito uno “spazio senza precedenti per gli utenti per discutere di questioni delicate con persone al di fuori della Cina continentale” fino a quando Pechino non l’ha bloccata nel febbraio 2021.

In tutto il mondo, i ricercatori hanno accusato i governi di utilizzare la regolamentazione delle aziende tecnologiche per scopi repressivi.

“Nella battaglia ad alto rischio tra stati e aziende tecnologiche, i diritti degli utenti di Internet sono diventati le principali vittime”, hanno affermato i ricercatori.

Numerosi governi stanno perseguendo leggi che limitano il vasto potere dei giganti della tecnologia come Google, Apple e Facebook, alcune delle quali sono un’offerta giustificata per prevenire comportamenti monopolistici, afferma il rapporto.

Ma ha invitato nazioni tra cui India e Turchia ad approvare una legislazione che ordina alle piattaforme di social media di rimuovere i contenuti ritenuti offensivi o che minano l’ordine pubblico, spesso in termini “vagamente definiti”.

Anche la legislazione che costringe i giganti della tecnologia a memorizzare dati locali su server locali, presumibilmente in nome della “sovranità”, è in aumento ed è soggetta ad abusi da parte dei governi autoritari, avverte il rapporto.

Secondo un progetto di legge in Vietnam, ad esempio, le autorità possono accedere ai dati personali delle persone con “pretesti vagamente definiti relativi alla sicurezza nazionale e all’ordine pubblico”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *