Possiamo convivere con il COVID-19? Singapore cerca di tracciare un percorso | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Singapore – Solo 60 persone a Singapore sono morte di COVID-19 da quando la pandemia è emersa per la prima volta e circa l’82% della sua popolazione è ora completamente vaccinata contro la malattia.

A giugno, il governo ha annunciato che si sarebbe spostato verso una strategia “vivere con COVID-19”, concentrandosi sul monitoraggio e sul trattamento dei gruppi di epidemie con vaccinazioni e ricoveri ospedalieri, ma senza i rigidi blocchi, le chiusure delle frontiere e gli ordini di lavoro da casa che sono stati la caratteristica distintiva di gran parte della pandemia in tutto il mondo.

Quel mese, ha iniziato il graduale allentamento dei suoi cordoli di coronavirus, ma le settimane successive hanno messo a nudo le sfide del passaggio dalla pandemia all’endemica.

Restrizioni allentate hanno fatto impennare i casi. I piani di riapertura sono stati ritardati e alcune restrizioni sono state reimposte, dando ai singaporiani stanchi del blocco un rinnovato senso di deja vu.

Dopo mesi di numeri relativamente bassi di nuovi casi giornalieri, durante il fine settimana Singapore ha riferito di aver superato la soglia dei 1.000 casi giornalieri, il più alto da aprile dello scorso anno.

I funzionari sanitari hanno trovato 1.012 nuovi casi domenica, rispetto ai 1.009 nuovi casi di sabato. I pazienti ricoverati domenica erano 873 (rispetto agli 863 di sabato), con 118 casi gravi che necessitavano di supporto di ossigeno (rispetto ai 105 di sabato) e 21 in condizioni critiche nel reparto di terapia intensiva (rispetto ai 18 di sabato).

Il governo ha definito l’aumento un “rito di passaggio” mentre la nazione insulare si adatta e adatta il suo modello sperato di convivere con – invece di sradicare – il virus e le sue varianti.

“Siamo in un percorso di transizione verso una nuova normalità di convivenza con COVID-19”, ha detto venerdì il ministro della Sanità Ong Ye Kung in una conferenza stampa virtuale. “È un viaggio incerto e pieno di colpi di scena”.

Con oltre l’80% della popolazione ora vaccinata, Singapore sta trovando il modo di convivere con il coronavirus [File: Wallace Woon/EPA]

Gli ospedali pubblici stanno assistendo a un aumento del numero di pazienti, ma la stragrande maggioranza – oltre il 98% – è asintomatica o con sintomi lievi, quindi i funzionari sanitari ora li esortano ad andare da un medico generico o da una clinica per liberare gli ospedali per cure urgenti .

Sabato, i funzionari sanitari hanno ampliato il recupero domiciliare come modello di gestione delle cure predefinito per i pazienti COVID-19 completamente vaccinati di età compresa tra 12 e 69 anni senza sintomi gravi. Si prevede che sette pazienti su 10 si qualificheranno per il recupero domiciliare nell’ambito del nuovo schema, progettato per alleviare la pressione dei crescenti casi di ospedali, unità di terapia intensiva e la capacità della comunità sanitaria di far fronte a quella che sembra una battaglia senza fine.

Il dottor Ong Eu Jin Roy, un medico di famiglia a Singapore, afferma che gli operatori sanitari sono vicini all’esaurimento.

“Abbiamo resistito, ma deve esserci un punto finale in cui possiamo vedere il palo della porta”, ha detto Ong. “Quando il governo vuole che ci apriamo e siamo endemici, penso che sia fantastico, perché stiamo davvero raggiungendo la fine dei nostri limiti. Non puoi essere in uno stato di allerta intenso in cui l’adrenalina sta andando ogni giorno in cui entri. Non può andare avanti. “

‘Ritorno alle basi’

Oltre ad aumentare la capacità dei servizi medici di gestire l’aumento dei casi, il dott. Steven Tucker attribuisce al paese servizi in espansione per aiutare i residenti a far fronte ai problemi di salute mentale e allo stress indotto dal COVID, dall’ansia per la sicurezza personale all’affitto di aiuti per abiti e bevande costretti a chiudere per ordine di lockdown.

“I fattori di stress che colpiscono tutti, per quanto variabili possano essere, sono: ‘Mi ammalerò. Il mio familiare è malato? Dovrò mettermi in quarantena? Ho accesso alle cure?” Tucker, un oncologo di formazione americana che vive e pratica a Singapore dal 2006, ha detto ad Al Jazeera.

“Tutto ciò equivale a uno stress per la salute mentale a cui Singapore ha risposto molto rapidamente, ha riconosciuto e ha compiuto sforzi per affrontare”, ha aggiunto Tucker.

Il dottor Ong afferma che il paese di 5,7 milioni di persone non ha ancora raggiunto la fase endemica, in cui il virus diventa qualcosa con cui le persone vivono abitualmente, come l’influenza.

“Direi che è endemico quando metà dei nostri amici ce l’hanno, o l’hanno avuta”, ha detto Ong ad Al Jazeera. “In questo momento forse uno su 10 o uno su 20 dei nostri amici l’ha avuto. Nella mia cerchia, solo i miei parenti l’hanno avuto. Nessuno dei miei amici l’ha avuta”.

Ma anche quando il virus pone gravi rischi solo ai vulnerabili e ai non vaccinati, convivere con il COVID-19 significherà le molte precauzioni che i singaporiani hanno preso, tra cui indossare maschere per il viso, distanza sociale, lavorare da casa, mangiare a casa e limiti all’ingresso. viaggiatori – è probabile che rimarranno per il prossimo futuro, ha detto Ong.

Vede anche che i colpi di richiamo hanno un posto nella strategia di coronavirus in corso a Singapore man mano che sorgono varianti, così come test rapidi giornalieri o settimanali sul lavoro, fino a quando la pandemia non sarà sotto controllo in tutto il mondo e il virus perderà gradualmente la sua potenza.

Le persone a Singapore hanno rispettato le regole del governo sull’uso della maschera e devono registrarsi tramite un’app nei luoghi che visitano per consentire la tracciabilità dei contatti [Roslan Rahman/AFP]

Tra le ragioni degli alti tassi di vaccinazione di Singapore c’è il fatto che il paese rende difficile fare cose, come essere ammessi nei ristoranti o in altri luoghi pubblici, senza essere completamente vaccinati.

“Singapore ha fatto relativamente bene, con test diffusi, monitoraggio, vaccinazioni e ampia adesione alle politiche del governo”, ha detto ad Al Jazeera Jeannette Ickovics, professoressa di sanità pubblica e psicologia allo Yale-NUS College di Singapore. “Queste pratiche e politiche continueranno qui, perché l’epidemia globale persiste con varianti più infettive e un lancio globale di vaccini anemici. È un principio fondamentale della salute pubblica che tutti sono vulnerabili se qualcuno è vulnerabile; quindi, dobbiamo rimanere vigili”.

Ha aggiunto: “Come viviamo con COVID-19? Torna alle origini: lavati le mani, indossa la mascherina, convoca all’aperto, distanzia socialmente, se non ti senti bene resta a casa. Cerca di semplificare il tuo lavoro, valuta e articola ciò di cui hai bisogno per portarlo a termine e abbraccia la flessibilità”.

Seguendo le regole

Juliana Chan, un’imprenditrice dei media, afferma di apprezzare quanto lavoro sia stato impiegato per impedire la diffusione del virus. Sua figlia è stata messa in quarantena quando un compagno di classe si è ammalato di COVID-19 e anche suo figlio ha dovuto prendere un congedo da scuola.

“Siamo stati visitati regolarmente a casa nostra, di persona o tramite videochiamata, e abbiamo ricevuto messaggi e chiamate ogni giorno”, ha detto Chan ad Al Jazeera. “Eseguire il tracciamento dei contatti su larga scala è un esercizio mastodontico e sono rimasto molto colpito dalla professionalità di tutto il personale coinvolto”.

Eugene Tan, professore associato di diritto alla Singapore Management University, afferma che la leadership decisiva è stata aiutata dalla volontà dei singaporiani di seguire le istruzioni del governo come indossare la maschera, che era comune anche durante l’epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS) del 2003.

“L’esperienza di Singapore ha dimostrato la necessità di un approccio non solo a tutto il governo, ma a tutta la società per affrontare la pandemia”, ha detto Tan ad Al Jazeera. “Mentre Singapore ha beneficiato di una cittadinanza cooperativa, anche l’uso della tecnologia per il tracciamento dei contatti è stato fondamentale per tenere sotto controllo la pandemia”.

Il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong ha ricevuto un richiamo del vaccino contro il coronavirus (COVID-19) al Singapore General Hospital venerdì scorso [Ministry of Communications and Information (MCI)/Handout via Reuters]

Sebbene alcuni nella comunità degli affari si lamentino privatamente che è tempo di consentire maggiori libertà di viaggio transfrontaliero, molti affermano che la gestione della pandemia da parte di Singapore ha aiutato il suo status di centro chiave per gli affari globali.

“Semmai, negli ultimi due anni Singapore è diventata ancora più attraente come hub per il business globale e regionale”, ha detto ad Al Jazeera Steven Okun della società di consulenza McLarty Associates. “Ad esempio, a causa delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina e della necessità di catene di approvvigionamento più resilienti data la pandemia, le aziende cinesi e statunitensi considerano il sud-est asiatico un mercato critico”.

Mentre il tasso di vaccinazione di Singapore è tra i più alti al mondo, il paese sta ancora cercando di convincere gli scettici a fare il vaccino.

Venerdì, il primo ministro Lee Hsien Loong, già vaccinato quasi otto mesi fa, ha ricevuto una vaccinazione di richiamo COVID-19 e ha condiviso una foto e un video con un messaggio ai colleghi anziani.

“I casi stanno aumentando rapidamente. Un colpo di richiamo rafforzerà la tua protezione contro il COVID-19″, ha affermato Lee su Facebook.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *