I cucchiai diventano un nuovo simbolo della resistenza palestinese | Notizie dal Medio Oriente


Cucchiai vengono branditi accanto a bandiere e striscioni tradizionali come simbolo della resistenza palestinese dopo che sei prigionieri hanno effettuato una spettacolare evasione attraverso un tunnel che secondo quanto riferito hanno scavato usando l’utensile.

Quando i sei prigionieri politici palestinesi sono fuggiti il ​​6 settembre dal carcere di massima sicurezza di Gilboa, i social network hanno condiviso le immagini di un tunnel ai piedi di un lavandino e di un buco all’esterno. Alla fine tutti e sei furono catturati.

Secondo il suo avvocato, uno dei palestinesi riarrestati, Mahmoud Abdullah al-Ardah, ha detto di aver usato cucchiai, piatti e persino il manico di un bollitore per scavare il tunnel dalla sua cella.

Ha iniziato a scappare dall’istituto israeliano del nord a dicembre, ha detto l’avvocato Ruslan Mahajaneh.

“Con determinazione, vigilanza … e astuzia – e con un cucchiaio – è stato possibile scavare un tunnel attraverso il quale i palestinesi sono fuggiti e il nemico è stato imprigionato”, ha detto lo scrittore Sari Orabi sul sito Arabi 21.

A Tulkarem, una città della Cisgiordania occupata da Israele, la fuga ha riportato alla mente i ricordi di Ghassan Mahdawi. Lui e un altro prigioniero sono fuggiti da una prigione israeliana nel 1996 attraverso un tunnel scavato usando non attrezzi da cucina ma chiodi.

“Fuggire da una prigione israeliana è qualcosa a cui ogni detenuto pensa”, ha detto Mahdawi. Aver fatto con il cucchiaio, ha aggiunto, è qualcosa che “passerà alla storia”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *