Alabama supera a malapena la Florida in apertura della SEC


GAINESVILLE, Florida — Il Ben Hill Griffin Stadium si è calmato. Una partita che è stata molto più vicina di quanto molti si aspettassero ha visto i fan dei Gators permeare l’aria con cori assordanti mentre facevano un ultimo sforzo per far superare alla loro squadra l’Alabama Crimson Tide.

Questa sconfitta per 31-29 dei Gators ha confermato ciò che la squadra di football di Crimson Tide già sapeva e ciò che i suoi avversari temevano: questo programma dell’Alabama che ha sventrato lo stato dell’Ohio solo nove mesi fa è ricaricato e ha gli occhi sul suo prossimo titolo nazionale.

Ma lo spettacolo di sabato è stato tutt’altro che perfetto per i Crimson Tide. Hanno commesso 12 penalità per 87 yard. Hanno lasciato la loro partita di corsa a Tuscaloosa, guadagnando solo 91 yard a terra. Hanno commesso errori nel tratto che hanno impedito loro di allontanarsi dai Gators, come quando il ricevitore Slade Bolden ha lasciato cadere un touchdown infallibile al centro della end zone nel terzo quarto.

La difesa dell’Alabama, che ha concesso solo 135 yard a terra contro Miami e Mercer, ha ceduto 258 yard ai Gators, incluso un touchdown di 17 yard eseguito da Dameon Pierce, il running back che è entrato in end zone quasi intatto alla fine del quarto quarto per portare la Florida a due punti dal completamento della rimonta.

Tuttavia, un tentativo fallito di due punti in Florida seguì quel gioco, bloccando i Gators con un deficit di due punti e alla fine bloccandoli fuori dallo sconvolgimento.

Ciò che separa l’Alabama da quasi tutte le altre squadre del paese è la sua capacità di sconfiggere gli avversari nei giorni liberi come il sabato.

Non che si possa scartare una squadra guidata da Nick Saban che si dirige verso qualsiasi stagione – l’Alabama lo era classificato n. 1 nel sondaggio preseason Top-25 di The Associated Press – ma questa non è la stessa squadra che ha sconfitto i Buckeyes nella partita del campionato 2020 di College Football Playoff. Dieci dei giocatori che si sono adattati per quella partita ora giocano nella NFL In genere, le squadre con quel tipo di turnover di roster vedono vari gradi di declino la prossima stagione. Certamente non ci si aspetterebbe di essere in lizza per i playoff.

La scorsa stagione, la LSU non assomigliava quasi alla squadra dominante del 2019 che ha attraversato la Southeastern Conference verso una stagione 15-0 e una vittoria nel College Football Playoff. Pochi mesi dopo ha perso 14 giocatori nella NFL, tra cui il quarterback Joe Burrow, il running back Clyde Edwards-Helaire e il ricevitore Justin Jefferson, e ha zoppicato con un record di 5-5 nel 2020.

La capacità dell’Alabama di sfornare talenti pronti per la NFL apparentemente ogni stagione, mentre altre squadre impiegano anni a reclutare e costruire fino a quel punto, è ciò che ha creato un divario tra esso e molti altri. E se la partita di sabato è stata un’anteprima di ciò che ci si può aspettare dal Crimson Tide in conferenza, sembra che Saban abbia ancora una volta assemblato una squadra pronta a fare un’altra apparizione ai College Football Playoff.

“Ne ho parlato quando sono arrivato qui”, ha detto l’allenatore della Florida Dan Mullen dopo la partita, riferendosi a quando ha assunto il programma nel 2018. “Voglio una squadra in grado di competere per i campionati su base coerente. E per farlo, dovrai battere l’Alabama”.

Durante i suoi 15 anni di permanenza a Tuscaloosa, Saban e il suo staff hanno dimostrato una capacità perenne di reclutare e mettere in campo talenti a un ritmo apparentemente senza rivali anche dai programmi di maggior successo della nazione.

Mike Locksley, allenatore del Maryland ed ex coordinatore offensivo sotto Saban, ha dichiarato in un’intervista di quest’anno che credeva che l’abbraccio dell’Alabama a un gioco aereo abbagliante avesse aiutato il programma ad attirare un numero maggiore di giocatori di talento negli anni dopo che stelle come Julio Jones hanno elettrizzato Tuscaloosa .

“Mi azzarderei a dire che se si fossero ancora girati e avessero passato alla corsa 45, 50 volte a partita, sarebbe difficile reclutare ricevitori esperti”, ha detto. “Ma penso che i numeri che hanno messo ragazzi come Julio e Amari Cooper e poi ovviamente Calvin Ridley hanno creato questa mentalità che puoi andare lì come ricevitore e ancora mettere numeri in quello stile offensivo, e ti permette di reclutare più ragazzi con quel tipo di abilità e quel tipo di set di abilità, il che poi apre il tuo attacco per essere tanto diversificato quanto sono diventati.

I Crimson Tide non hanno mai avuto una stagione perdente sotto Saban e hanno evitato di regredire, ricaricando con successo il loro elenco ogni anno. Il programma di Saban ha ha firmato la migliore classe di reclutamento della nazione in otto delle ultime 10 stagioni. È arrivato secondo alla Georgia nel 2020 e nel 2018.

“Ovviamente, l’allenatore Saban e il suo staff sono i migliori reclutatori e fanno un ottimo lavoro anche con l’atteggiamento della squadra”, ha detto Steve Spurrier, che ha vinto l’Heisman come quarterback della Florida nel 1966.

Spurrier ha indicato la folla come il più grande vantaggio della Florida in vista del match di sabato. Sebbene Saban abbia detto dopo la partita che secondo lui il secondo quarterback Bryce Young ha gestito bene la partita nonostante il rumore della folla, i 90.000 tifosi nel loro stadio di casa, noto come la Palude, hanno sicuramente fatto la differenza nel gioco, costringendo la squadra tipicamente disciplinata di Saban a commettere errori.

Saban ha detto ai giornalisti che alcuni degli errori del team erano il risultato di problemi con il conteggio degli snap.

“Il centro ha avuto problemi a sentire un paio di volte e ha fatto scattare la palla in ritardo”, ha detto Saban, aggiungendo in seguito: “Tutto sommato penso che ci sia molto da imparare. Spero che il nostro team possa imparare da questa esperienza”.

La difesa della Florida, che era stata molto diffamata nel 2020 e nelle prime due partite della stagione, ha costretto Young a tiri scomodi, portando a incompletezze che hanno irritato i fan della Florida presenti. Ma l’attacco della Florida ha costantemente perso opportunità di trarre vantaggio da quei passi falsi, e l’attacco dell’Alabama ha fatto quel tanto che basta per rimanere in vantaggio.

“I nostri ragazzi si aspettavano di vincere la partita oggi”, ha detto Mullen, aggiungendo: “Quando giochi a livello di campionato, il margine di errore diventerà estremamente piccolo”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *