Perché Mets Pitcher Noah Syndergaard ha fondato un club del libro?


Quando il signor Syndergaard si è ritrovato ferito e isolato a casa durante la pandemia, ha avuto molti tempi morti. Si è reso conto che stava guardando troppo Netflix e Bravo (“Tiger King”, “Summer House”) e si è sentito obbligato a leggere di più, ha detto. Avviare il club del libro è stato anche un modo per lui di rimanere in contatto con i fan mentre era in panchina.

In un momento in cui celebrità come Naomi Osaka e Simone Biles incoraggiano i fan a pensare agli atleti professionisti come esseri umani multidimensionali con sentimenti, problemi e obiettivi al di fuori dello sport, il club del libro è stato un modo per il signor Syndergaard di dire al mondo che è più di un semplice giocatore di baseball.

“Non sono solo un giocatore di baseball atleta-robot, ma un essere umano”, ha detto il 29enne, che è riuscito a convincere molti fan dei Mets ad apprezzarlo per qualcosa di più del suo braccio destro. Alcuni stanno anche leggendo di più.

Ryan Hamilton, 41 anni, che fa spedizioni per Stumptown Coffee e vive a Ridgewood, nel Queens, partecipa a circa sei partite dei Mets all’anno. “Sono così duro a morire che a volte devo dire a me stesso: ‘Perché lo stai facendo? Sei molto investito e questo ti sta causando angoscia’”, ha detto ridendo.

Si è imbattuto nel club del libro sulla pagina Instagram di Mr. Syndergaard e si è unito il mese scorso. “Ho due figli, sto lavorando e non ho molto tempo per leggere, quindi ho pensato che forse se mi iscrivo a questo, ne leggerò di più?” Egli ha detto. “Ha funzionato. Ora concedo del tempo alla fine di ogni notte per leggere un capitolo o due. È stato molto rilassante per me.”

Martha Esposito, una scrittrice freelance che vive a Mount Laurel, NJ, apprezza il legame speciale che il signor Syndergaard crea con i fan dei Mets. “Questi giocatori vengono pagati per quello che fanno, e poi possono tornare a casa e non fare altro”, ha detto. “È bello che Noah scelga di interagire con i suoi fan, che in realtà sono quelli che pagano il suo stipendio se ci pensi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *