La Francia accusa Australia e Stati Uniti di “mentire” sull’accordo sui sottomarini | Notizie militari


Il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian afferma che è in corso una “grave crisi” tra gli alleati dopo che Canberra ha annullato il contratto dei sottomarini con Parigi.

La Francia ha accusato gli alleati di lunga data dell’Australia e degli Stati Uniti di mentire su un patto di sicurezza che ha visto il governo australiano annullare un contratto per l’acquisto di sottomarini francesi a favore delle navi statunitensi.

“C’è stata menzogna, doppiezza, una grave violazione della fiducia e del disprezzo”, ha affermato sabato il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian. “Questo non funzionerà”, ha detto alla televisione France 2.

Le Drian parlava il giorno dopo che Parigi, su ordine del presidente Emmanuel Macron, aveva richiamato i suoi ambasciatori a Canberra e Washington, un atto senza precedenti che ha rivelato l’entità della rabbia in Francia per la rottura del contratto multimiliardario.

Ha descritto il ritiro degli ambasciatori come un atto “molto simbolico” che mirava “a mostrare quanto siamo infelici e che c’è una grave crisi tra di noi ea rivalutare le nostre posizioni per difendere i nostri interessi”.

“Il fatto che per la prima volta nella storia delle relazioni tra Stati Uniti e Francia stiamo richiamando il nostro ambasciatore per consultazioni è un atto politico serio, che mostra l’entità della crisi che esiste ora tra i nostri paesi”, ha affermato.

Le Drian ha anche dato una risposta pungente a una domanda sul perché la Francia non avesse richiamato il suo ambasciatore nel Regno Unito, quando anche Londra faceva parte del patto di sicurezza che ha portato alla rottura del contratto.

“Abbiamo richiamato i nostri ambasciatori a [Canberra and Washington] per rivalutare la situazione. Con la Gran Bretagna non ce n’è bisogno. Conosciamo il loro costante opportunismo. Quindi non c’è bisogno di riportare indietro il nostro ambasciatore per spiegare”, ha detto.

Del ruolo di Londra nel patto, ha aggiunto: “La Gran Bretagna in tutta questa faccenda è un po’ come la terza ruota”.

La Nato dovrebbe tenere conto di quanto è successo mentre riconsidera la strategia in un vertice a Madrid il prossimo anno, ha aggiunto.

La Francia ora darebbe priorità allo sviluppo di una strategia di sicurezza dell’Unione europea quando assumerà la presidenza del blocco all’inizio del 2022, ha affermato.

La Francia ha precedentemente bollato la cancellazione dell’accordo – valutato a $ 40 miliardi nel 2016 e stimato per un valore molto di più oggi – una “pugnalata alle spalle”.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha affermato che la Francia è un “alleato vitale” e che gli Stati Uniti lavoreranno nei prossimi giorni per risolvere le divergenze.

L’Australia ha affermato di essere rammaricata per il richiamo dell’ambasciatore francese e che ha apprezzato il rapporto con la Francia e che continuerà a impegnarsi con Parigi su altre questioni.

“L’Australia comprende la profonda delusione della Francia per la nostra decisione, che è stata presa in conformità con i nostri chiari e comunicati interessi di sicurezza nazionale”, ha detto sabato un portavoce del ministro degli Esteri Marise Payne.

L’alleanza di sicurezza trilaterale, soprannominata “AUKUS”, vedrà gli Stati Uniti e il Regno Unito aiutare a produrre sottomarini a propulsione nucleare per l’esercito australiano.

La Cina ha anche denunciato AUKUS, che sembra cercare di contrastare l’influenza di Pechino nella regione indo-pacifica.

Da parte sua, il massimo diplomatico dell’UE ha affermato che il nuovo patto mostra che il blocco deve sviluppare le proprie strategie di difesa e sicurezza, in particolare nell’Indo-Pacifico.

“Dobbiamo sopravvivere da soli, come fanno gli altri”, ha detto giovedì Josep Borrell presentando una nuova strategia dell’UE per la regione indo-pacifica.

Borrell ha detto di non essere stato consultato sull’accordo tra Canberra, Londra e Washington.

“Capisco fino a che punto il governo francese debba essere deluso”, ha detto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *