Una funzione di autorizzazione incentrata sulla privacy di Android 11 è in arrivo anche sui telefoni più vecchi

Google ha annunciato che le autorizzazioni di ripristino automatico di Android 11, in cui il sistema operativo limiterà l’autorizzazione di un’app per accedere a funzioni del telefono sensibili come la memoria o le fotocamere se non è stata aperta per diversi mesi, stanno arrivando sui dispositivi più vecchi. La funzione è stata originariamente lanciata con Android 11 l’anno scorso, ma presto sarà disponibile su tutti i telefoni con Android 6 e versioni successive con i servizi Google Play, che secondo Google dovrebbe coprire “miliardi” di telefoni Android rilasciati dal 2015.

La funzione è progettata per proteggere la tua privacy impedendo alle app più vecchie di accedere senza restrizioni al tuo telefono se non le usi da mesi. Potresti essere felice di dare a una nuova app per fotocamera l’accesso al tuo spazio di archiviazione mentre è di gran moda, ma ci sono buone probabilità che dimenticherai che è stato installato subito dopo. La funzione di sicurezza di Android è progettata per intervenire e reimpostare queste autorizzazioni una volta che diventa chiaro che un’app non è più utilizzata regolarmente.

Secondo Google, la funzione “verrà abilitata automaticamente sui dispositivi con servizi Google Play che eseguono Android 6.0 (livello API 23) o versioni successive”. Tuttavia, deve essere abilitato manualmente per le app che non hanno come target Android 11. Le app potrebbero chiedere agli utenti di disabilitare questa funzione di privacy se sono regolarmente tenuti a lavorare in background senza che tu le apra, afferma Google.

Secondo Google, la funzionalità inizierà a essere implementata a dicembre sui dispositivi con Android 6 e Android 10 con Google Play Services, prima di raggiungere tutti questi dispositivi nel primo trimestre del prossimo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *