Infografica: i programmi missilistici della Corea del Nord e della Corea del Sud a confronto | Notizie infografiche


La tensione è aumentata drammaticamente nella penisola coreana negli ultimi giorni dopo che la Corea del Nord e del Sud hanno testato una serie di missili balistici.

Il 12 settembre, la Corea del Nord ha dichiarato di aver testato un missile da crociera “strategico” a lungo raggio che ha colpito con successo obiettivi a 1.500 km (930 miglia) di distanza prima di cadere nelle acque territoriali nordcoreane.

Tre giorni dopo, entrambi i paesi hanno testato missili balistici, munizioni guidate che possono trasportare testate nucleari o convenzionali.

Nella seguente serie di infografiche, Al Jazeera spiega i programmi missilistici della Corea del Nord e della Corea del Sud e le loro capacità militari.

Una breve storia delle due Coree

Dopo la sconfitta dell’impero giapponese nella seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica divisero la penisola coreana, precedentemente sotto il dominio giapponese.

L’Unione Sovietica controllava il territorio a nord e gli Stati Uniti controllavano il sud.

Nel 1950, le forze nordcoreane, sostenute dalla Cina e dall’Unione Sovietica, invasero il Sud, innescando l’inizio della guerra di Corea. Alleati con il Sud, gli Stati Uniti hanno schierato circa 1,78 milioni di soldati durante i tre anni di guerra.​​

Fu concordato un armistizio ma non fu firmato alcun trattato di pace formale.

(Al Jazeera)

Testa a testa militare

Entrambe le Coree hanno costantemente aumentato le loro spese militari nel tempo.

La Corea del Nord ha il quarto esercito più grande al mondo con circa 1,28 milioni di personale attivo, secondo il Istituto Internazionale di Studi Strategici.

Secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, la Corea del Nord, un paese di 25,8 milioni di persone, spende quasi un quarto del suo prodotto interno lordo (PIL) per le sue forze armate, più di qualsiasi altro paese al mondo.

L’esercito della Corea del Sud è forte di quasi 600.000 unità, circa la metà delle dimensioni del Nord.

Tuttavia, ospita anche circa 26.400 soldati americani in almeno 73 basi attraverso il paese.

Camp Humphreys, la più grande base militare statunitense d’oltremare, si trova a circa 100 km (60 miglia) dalla Zona Demilitarizzata (DMZ) fortemente fortificata che divide le due Coree.

Come parte dell’Accordo sulle misure speciali (SMA), il governo sudcoreano paga 1 miliardo di dollari all’anno per ricevere il sostegno militare degli Stati Uniti.

(Al Jazeera)

Programmi missilistici

Dal 1984, la Corea del Nord ha effettuato più di 150 test missilistici, secondo il Center for Strategic and International Studies (CSIS).

Questi vanno dai missili a corto raggio (SRBM) – quelli con una gittata inferiore a 1.000 km (620 miglia) – ai missili balistici intercontinentali (ICBM) – con una gittata minima di 5.500 km (3.400 miglia), solitamente utilizzati per trasportare armi nucleari. Armi.

Più della metà di questi test sono stati effettuati negli ultimi 10 anni sotto la guida di Kim Jong Un, che ha ereditato il potere dopo la morte del padre nel 2011.

Il 37enne ha minacciato di continuare a costruire armi ad alta tecnologia contro gli Stati Uniti e ha respinto la richiesta di dialogo dell’amministrazione Biden, chiedendo che Washington abbandoni prima le sue politiche “ostili”.

(Al Jazeera)

A maggio, l’amministrazione Biden ha annunciato un nuovo approccio alla Corea del Nord, affermando che stava ancora perseguendo la denuclearizzazione ma che non era disposta a offrire alcun “grande affare” a Pyongyang.

La gittata dei missili balistici della Corea del Nord è aumentata gradualmente nel corso degli anni. Nel novembre 2017, ha testato l’ICBM Hwasong-15, che ha una portata stimata di 12.874 km (8.000 miglia) e può raggiungere qualsiasi punto degli Stati Uniti continentali.

Il programma nucleare della Corea del Nord

Nel 2003, la Corea del Nord si è ritirata dal Trattato sulla proliferazione nucleare, un accordo internazionale delle Nazioni Unite per prevenire la diffusione delle armi nucleari e della tecnologia delle armi.

Tre anni dopo, sotto la guida di Kim Jong Il, il paese ha fatto esplodere la sua prima arma nucleare nel sito di test nucleari sotterranei di Punggye-ri, nelle profondità delle montagne del nord-est scarsamente popolato del Nord.

In totale, Pyongyang ha condotto sei test nucleari.

Più di recente, nel settembre 2017, si ritiene che abbia testato una bomba all’idrogeno da 140+ kilotonnellate, un tipo di bomba atomica significativamente più potente.

Nell’agosto 2021, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha affermato di ritenere che la Corea del Nord avesse riavviato un reattore nucleare utilizzato per produrre plutonio per armi atomiche. L’AIEA non ha avuto accesso alla Corea del Nord da quando Pyongyang ha espulso i suoi ispettori nel 2009.

Il Nord è soggetto a molteplici sanzioni internazionali per le sue armi nucleari vietate e i suoi programmi di missili balistici.

L’esercito degli Stati Uniti stima che la Corea del Nord abbia tra le 20 e le 60 armi nucleari.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *