Salesforce aiuterà i dipendenti preoccupati per l’accesso all’assistenza sanitaria riproduttiva a lasciare il Texas

Salesforce ha detto ai dipendenti che l’azienda aiuterà loro e le loro famiglie a trasferirsi se sono preoccupati per l’accesso all’aborto nello stato in cui vivono. Secondo un messaggio di Slack ottenuto da CNBC, la società non ha fatto riferimento a nessuno stato specifico, ma il messaggio è stato inviato a migliaia di dipendenti venerdì sera, un giorno dopo gli Stati Uniti Il Dipartimento di Giustizia ha citato in giudizio il Texas sulla sua nuova legge sull’aborto.

“Questi sono problemi incredibilmente personali che hanno un impatto diretto su molti di noi, specialmente sulle donne”, si legge nel messaggio di Slack, secondo la CNBC. “[I]Se hai dubbi sull’accesso all’assistenza sanitaria riproduttiva nel tuo stato, Salesforce ti aiuterà a trasferire te e i membri della tua famiglia immediata”.

Il messaggio di Slack non suggeriva che l’azienda stesse prendendo una posizione sull’aborto o sulla nuova legge del Texas, osservando che “tutti abbiamo punti di vista profondi e diversi. Come azienda, siamo al fianco di tutte le nostre donne in Salesforce e ovunque”.

Più tardi, il CEO Mark Benioff ha chiarito che la società apparentemente aveva in mente il Texas quando ha inviato il messaggio Slack, twittare “Ohana, se vuoi trasferirti, ti aiuteremo a uscire da TX. La tua scelta” e il collegamento al rapporto CNBC (la parola “Ohana” è considerata a neologismo che è tipicamente tradotto con il significato di “famiglia” in hawaiano).

La legge del Texas vieta l’aborto dopo sei settimane – prima che la maggior parte delle persone si renda conto di essere incinta – non fa eccezione per lo stupro o l’incesto e autorizza chiunque a citare in giudizio qualcun altro per “favorire e favoreggiamento” gli aborti dopo sei settimane. Ciò include non solo la persona che cerca l’aborto e le cliniche per l’aborto, ma chiunque aiuti a pagare la procedura o spinga una persona a sottoporsi alla procedura.

In un raro momento di solidarietà, le società rivali Lyft e Uber hanno entrambi dichiarato la scorsa settimana che avrebbero coperto le spese legali per tutti i suoi conducenti citati in giudizio ai sensi della legge del Texas. E la società madre di Bumble e Tinder Match Group ha annunciato la creazione di un fondo di soccorso per le donne in cerca di aborto. Entrambe le società hanno sede in Texas.

Il Dipartimento di Giustizia chiede un’ingiunzione per impedire l’applicazione della legge del Texas, osservando nella sua causa che “È una legge costituzionale consolidata che ‘uno stato non può vietare a nessuna donna di prendere la decisione definitiva di interrompere la gravidanza prima della fattibilità’. Ma il Texas ha fatto proprio questo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *