L’AIEA e l’Iran raggiungono un accordo per evitare la crisi dell’accordo nucleare | Notizie sull’energia nucleare


Teheran, Iran – Il capo dell’organismo di vigilanza nucleare delle Nazioni Unite e il capo nucleare iraniano hanno raggiunto un accordo che impedirà un’altra crisi incombente sulla prospettiva di ripristinare l’accordo nucleare iraniano del 2015.

Rafael Grossi, direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), è atterrato a Teheran nella tarda serata di sabato e ha incontrato domenica mattina Mohammad Eslami, il nuovo capo dell’Organizzazione per l’energia atomica dell’Iran.

È stato il primo viaggio di Grossi a Teheran durante la nuova amministrazione del presidente Ebrahim Raisi, che il 29 agosto ha nominato Eslami nuovo capo nucleare.

Entrambe le parti hanno definito l’incontro “costruttivo” e hanno convenuto che continueranno le discussioni a margine della conferenza generale dell’agenzia a Vienna alla fine di questo mese.

Hanno anche concordato che Grossi si recherà presto di nuovo a Teheran per sostituire le schede di memoria delle telecamere di monitoraggio dell’agenzia, che saranno ancora conservate in Iran in linea con una legge approvata dal parlamento iraniano intransigente a dicembre.

L’Iran ha dichiarato da febbraio che consegnerà i nastri all’agenzia solo dopo che a Vienna sarà stato raggiunto un accordo che eliminerà le sanzioni unilaterali degli Stati Uniti.

“Ciò che conta per noi, e anche l’agenzia sottolinea, è creare fiducia”, ha detto Eslami dopo l’incontro.

Alto arricchimento

L’incontro è avvenuto pochi giorni dopo che due nuovi rapporti riservati dell’AIEA sono stati condivisi con i media, mostrando la preoccupazione dell’agenzia per il programma nucleare iraniano.

I rapporti affermano che l’Iran non è riuscito a cooperare adeguatamente sulle apparecchiature di registrazione dell’agenzia, alcune delle quali potrebbero essere state distrutte dopo un incidente, mentre sta riprendendo l’alto arricchimento dell’uranio e non ha fornito una spiegazione completa sui materiali nucleari in diverse località.

L’Iran ha raddoppiato dopo i rapporti, invitando l’agenzia a mantenere la propria indipendenza e ad astenersi da mosse politiche.

Censura evitata

Grossi dovrebbe tornare immediatamente a Vienna, dove domenica dovrebbe tenere una conferenza stampa.

Secondo quanto riferito, l’incontro dell’ultimo minuto di domenica è stato facilitato dalla Russia, che non è stata favorevole a una risoluzione contro l’Iran alla prossima conferenza del consiglio dei governatori dell’AIEA lunedì in quanto potrebbe far fallire i colloqui sull’accordo nucleare.

Il presidente Raisi all’inizio di questo mese ha avvertito che una censura contro l’Iran alla conferenza ospitata dalla capitale austriaca potrebbe influire negativamente sul ritorno al tavolo dei negoziati, a cui l’Iran non torna dal 20 luglio, quando si è concluso il sesto round di colloqui.

Un simile accordo tecnico temporaneo tra l’Iran e l’AIEA sul monitoraggio a fine febbraio aveva anche evitato uno scenario di censura, guidato dagli Stati Uniti con il sostegno dell’Europa, alla precedente conferenza dell’agenzia.

Raisi, che si è insediato all’inizio di agosto, ha detto che desidera continuare i colloqui di Vienna, ma non si impegnerà in trattative per il bene delle trattative.

Evitare una risoluzione contro l’Iran farebbe arrabbiare gli oppositori dell’accordo nucleare, in particolare Israele, che ha esercitato pressioni contro il ripristino dell’accordo. Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz domenica ha chiesto l’imposizione di ulteriori sanzioni all’Iran per spingerlo verso un accordo.

L’accordo sul nucleare, formalmente noto come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), è stato firmato nel 2015 da Iran, Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Cina e Russia. Ma gli Stati Uniti l’hanno abbandonata unilateralmente nel 2018, imponendo dure sanzioni.

In risposta alle sanzioni, agli attacchi ai suoi impianti nucleari e all’assassinio di un importante scienziato nucleare, l’Iran ha gradualmente potenziato il suo programma nucleare e ora sta arricchendo l’uranio al 60%, il livello più alto di sempre.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *