L’aeroporto iracheno di Erbil preso di mira da un attacco di droni: funzionari curdi | Notizie sui conflitti


Nessuna notizia di vittime nell’attacco all’aeroporto nel nord dell’Iraq, che funge da base per le forze della coalizione guidate dagli Stati Uniti.

L’aeroporto internazionale di Erbil, nel nord dell’Iraq, è stato preso di mira in un attacco di droni, hanno detto funzionari della sicurezza curda, l’ultimo di una serie di incidenti simili nell’ultimo anno.

Il servizio di sicurezza interna per la regione autonoma curda dell’Iraq, di cui Erbil è la capitale, ha inizialmente affermato che tre razzi erano stati colpiti vicino all’aeroporto.

Una seconda dichiarazione della forza antiterrorismo curda ha affermato che l’attacco è stato effettuato da droni carichi di esplosivo.

“Non ci sono vittime nell’attacco effettuato da due droni armati”, si legge nel comunicato.

Non ci sono al momento notizie di vittime. I testimoni hanno detto di aver sentito almeno sei esplosioni nella zona.

Lawk Ghafuri, capo delle relazioni con i media esteri per il governo regionale del Kurdistan, ha dichiarato su Twitter che le forze di sicurezza curde stanno indagando sull’incidente.

“Il drone trasportava ordigni esplosivi ed è esploso lontano dai terminal e dai territori dell’aeroporto internazionale di Erbil. Non si segnalano vittime”, Ghafuri disse.

L’aeroporto, che funge anche da base per le forze della coalizione guidate dagli Stati Uniti, non ha subito danni, secondo il suo direttore Ahmed Hochiar.

Le forze statunitensi stanno guidando una coalizione militare internazionale il cui mandato è aiutare le forze irachene a combattere i resti dell’ISIL (ISIS).

La coalizione non ha commentato immediatamente l’incidente di sabato.

L’aeroporto di Erbil è stato attaccato diverse volte nell’ultimo anno, anche da droni che trasportavano esplosivi.

Droni con trappole esplosive sono stati lanciati contro l’aeroporto a luglio, ma quella volta non hanno causato vittime o danni materiali. Poche settimane prima, tre droni avevano preso di mira l’aeroporto di Baghdad, dove sono schierate anche le truppe statunitensi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *