‘Gli uomini non ci proteggono, non ci rispettano’: diari afgani | Conflitto


Ascolta questa storia:

La famiglia di Nadima è fuggita dall’Afghanistan quando lei era piccola. Da adulta è tornata. Ora, nonostante le paure e le incertezze, la 38enne si rifiuta di ripartire. In questo articolo, riflette sui cambiamenti a cui ha assistito nel suo paese da quando i talebani hanno preso il controllo il 15 agosto. Si chiede cosa riserva il futuro alle donne in Afghanistan e si chiede perché la maggior parte degli uomini non stia al loro fianco per difendere i loro diritti .

Tutti i miei cugini che non vedevo da 10 anni erano in visita a Kabul negli ultimi tre giorni, da Mazar, da Herat. Ci siamo divertiti tutti insieme.

La casa era piena di ragazze, abbiamo ballato, abbiamo deciso di travestirci tutti, indossavano tutti i miei turbanti, tutti indossavamo abiti tradizionali. Abbiamo cantato insieme, abbiamo cucinato, abbiamo condiviso storie, abbiamo parlato di tutto quello che sta succedendo.

Uno dei miei cugini ha ripensato a quanto ha lavorato duramente per essere un’insegnante; ora non riesce a immaginare di stare seduta a casa senza insegnare. Ha combattuto per la sua educazione, ha protestato contro la sua famiglia, mentre l’unica persona che l’ha sostenuta nell’andare in India per ottenere il suo Master è stato suo marito. Anche suo fratello, mio ​​cugino, non era d’accordo.

Quindi non può immaginare di stare a casa. Ha paura che quello che è successo a sua madre, colpita alle ginocchia dai talebani nel 1999, 2000, possa diventare anche la sua storia. Non vuole essere picchiata come sua madre per aver insistito nel gestire la sua scuola femminile a Heart dopo che i talebani l’hanno chiusa.

Mia cugina mi dice che è molto forte e indipendente e che difenderà sempre l’istruzione. Ma lei non sente di volerlo fare da qui, quindi sta andando in Turchia.

“Queste persone non conoscono il nostro valore, il nostro valore, quello che abbiamo da offrire come donne, quindi andrò in un paese dove sono accolta e apprezzata”, mi ha detto. “Tutto il duro lavoro che ho messo in me stessa per arrivare qui, così posso insegnare a un’altra bambina, ora lo farò per un paese che mi accetterà e vorrà che le loro donne vengano educate”, ha detto.

Alcune delle donne della cerchia di familiari e amici di Nadima stanno considerando di lasciare il paese per assicurarsi di poter continuare a perseguire le loro carriere scelte [Photo courtesy of Nadima]

Mi ha rattristato molto, sai, perché è preziosa per questo paese, per le giovani ragazze qui.

Capisce la cultura, la lingua, il sistema educativo, perché ci è passata. Lei è un genio della matematica e stava per fare il dottorato. Ma ora qualcun altro si godrà il frutto del suo duro lavoro, gli studenti turchi. Ora in un altro paese, un altro gruppo di persone imparerà da lei quando dovrebbe insegnare ai bambini in Afghanistan.

Abbiamo perso così tante donne come lei in questo paese. Sono molto, molto triste.

Starò bene ma tutti se ne sono andati e io sono seduto tutto solo in casa e penso: cosa farò?

A causa della decisione che ho preso di restare, non posso nemmeno dire a nessuno come mi sento. Quando l’altro giorno hanno sparato in aria, ho chiamato uno dei miei cugini, che vive anche lui a Kabul e non può andarsene. Le ho chiesto: “Stai bene?” Gli spari celebrativi sembrano essere la nuova norma, lo abbiamo sentito il giorno in cui è stato completato il ritiro delle truppe statunitensi, poi di nuovo quando il Mullah Baradar, il vice capo del nuovo governo afghano, è arrivato a Kabul pochi giorni fa.

“Starò bene, ma che diavolo ci fai qui?” lei chiese.

“Non posso andarmene”, dissi.

“No, non hai scuse per chiamarmi, nessun motivo per chiamarmi. Hai scelto di essere qui – ora vivi con esso”, ha risposto.

Quindi non mi è nemmeno permesso di esprimere come mi sento.

A chi sceglie di restare qui, di alzare la voce o provare a farne parte e almeno osservare e capire da sé, non viene nemmeno data la possibilità.

Le persone hanno iniziato a diventare apatiche perché stanno solo cercando di sopravvivere. Sono preoccupati per l’economia, la loro istruzione, la loro salute.

Quello che mi rattrista è che sì, c’è un cambiamento in corso, c’è un cambio di governo, c’è la storia con i talebani del passato, le persone hanno un trauma.

Ma cosa c’entra questo con quelle donne che continuano la loro formazione? Cosa c’entra questo con quegli orfanotrofi che hanno bisogno di finanziamenti, per i bambini vittime degli ultimi 20 anni di guerra? E quelle donne che sono in ospedale in procinto di partorire da un momento all’altro? E le infermiere, i medici, che si prenderanno cura di loro?

Come può qualcuno, chiunque nel mondo, decidere di lasciarsi tutto alle spalle e non pensare ai bambini, alle giovani donne e ai ragazzini, e agli uomini stessi?

Mi sembra che sia avvenuto un divorzio tra l’Afghanistan e il resto del mondo.

Nadima ha incoraggiato i suoi amici e i suoi seguaci a rimanere nel paese e ad aiutare a ricostruirlo [Photo courtesy of Nadima]

L’Afghanistan è come un’energia femminile – la donna – e ora le resta un gruppo di bambini che sono stati resi dipendenti da questo padre. E l’Afghanistan, essendo l’energia femminile, è diventata una casalinga. Le è stato detto: “Non devi fare nulla, faremo tutto noi per te”. Ma era tutta una bugia e lei è rimasta con un mucchio di bambini; la loro educazione, la loro salute, la loro vita sociale, tutto è stato loro tolto.

E dopo quello che è successo nell’ultimo mese, chi se ne occuperà? Chi manderà i terapeuti per questo? Chi creerà energia di guarigione? Chi sta provando anche adesso a dire che staremo bene? Che si è fatto avanti e ha cercato di rassicurare la gente e ha detto: “Non sappiamo cosa riserva il futuro, ma siamo qui, non lasceremo tutti in sospeso”.

Ci sono film di successo realizzati a Hollywood che sono così bravi a creare questi eroi che salvano sempre il mondo. Ma guarda cosa sta succedendo nella realtà. Dove sono gli eroi? Perché questo è reale, gli zombi stanno prendendo il sopravvento. È reale e questi bambini stanno davvero soffrendo.

L’altro giorno ho visto donne che protestavano per strada dalla finestra di casa mia. Stavano urlando e protestando per i loro diritti e il resto di noi era seduto all’interno.

Ho guardato le mie cugine e ho detto: “Guarda, ci sono più donne in questa città, come mai ce ne sono solo 50 [protesting]?”

“Questo è tutto uno spettacolo”, ha risposto mio cugino. “Le persone vere sono sedute e guardano questo. Queste povere donne probabilmente verranno picchiate, ferite e subiranno traumi e nessuno le curerà.

“Abbiamo fatto questa parte di combattimenti 15 anni fa, 20 anni fa. L’ha fatto mia madre, l’ha fatto nostra nonna.

“Ora sappiamo che non c’è niente [that] si può fare per questo paese perché gli uomini, gli uomini non ci proteggono. Non protesteranno per noi, non ci rispetteranno. Nessun uomo è uscito e ha protestato per le loro sorelle, le loro madri, le loro figlie, le loro mogli, le loro nipoti, le loro nipoti”.

Ha detto che gli uomini vogliono solo potere, denaro e controllo mentre veniamo usati. Quindi, se gli uomini non lo faranno per noi, cosa possiamo fare?

E poi ci sono gli altri uomini che diventano attentatori suicidi basandosi sull’idea che quando moriranno, avranno il paradiso e un bonus di 70, 72 vergini.

Ma questo è folle per me. Non capisco come siano disposti a morire per questa idea che saranno ricompensati con 72 vergini in paradiso, mentre su questa terra non cercheranno nemmeno di combattere per una donna, non moriranno per una – non la loro stessa madre , la propria sorella, la propria nonna, la propria figlia, la propria nipote.

Mi stupisce che siano disposte a morire per queste donne immaginarie che potrebbero entrare in questo paradiso, ma non sono disposte a morire per le donne in questo paese, in questo mondo, su questa terra.

Ci sono donne che chiedono l’elemosina per le strade con bambini piccoli in grembo. Questi bambini sono tutti morsi e hanno cicatrici, le loro bocche sono secche per la disidratazione, le loro unghie sono tutte danneggiate a causa della carenza di vitamine e sembrano tutti malnutriti.

Questi uomini non hanno empatia per queste donne e per i loro bambini, ma andranno a sposare una vergine di 15 o 16, 17 anni.

Uccidono le donne che vendono i loro corpi per fornire cibo alle loro famiglie, ma non uccideranno gli uomini che danno alle donne soldi per la prostituzione. L’uomo che fissa una donna per strada, non verrà punito, ma alla donna che cammina, senza disturbare nessuno, viene detto di coprire.

Le donne sono costantemente compromesse qui, mentre quella che causa il problema va in giro liberamente.

Oggi sono solo, tutti i miei cugini se ne sono andati, ed è così tranquillo. La casa era piena di bambini. La sera invitavo i miei amici a prendere il tè, ma ora sono solo. Ma grazie a Dio non sono solo.

Rimarrò ancora e continuerò a sensibilizzare e cercare di sorridere e creare battute e cercare di far ridere tutti, perché il minimo che posso fare è provare, qualcosa che desidero vedere anche dal resto del mondo.

So che questo tuono passerà e sono sicuro che la luce risplenderà.

*Nadima, nota ai suoi seguaci come il suo alter ego Patinggala Kakai, è un’influencer di social media pashtun focalizzata sulla diffusione del messaggio di amore incondizionato e sulla difesa dei diritti umani fondamentali per tutti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *