L’incertezza in Guinea dopo il colpo di stato militare rimuove Alpha Conde | Guinea Notizie


Il leader della Guinea Alpha Conde diceva ai giornalisti che era l’unico in grado di guidare il paese. Avrebbe anche detto che i militari non lo avrebbero rovesciato.

Domenica è stato smentito.

Un’unità d’élite delle forze speciali ha preso d’assalto il palazzo presidenziale nella capitale, Conakry, arrestando il presidente 83enne. Ore dopo, il leader del colpo di stato, il colonnello Mamady Doumbouya, è apparso sull’emittente statale Radio Television Guineenne, drappeggiato con la bandiera della Guinea, presentandosi ai sorpresi guineani come il nuovo leader del paese.

Il golpe in Guinea ha gettato il Paese in uno stato di incertezza, ha portato il blocco economico dell’Africa occidentale a minacciare sanzioni e ha visto il prezzo dell’alluminio raggiungere il livello più alto in più di un decennio. La Guinea è il più grande produttore mondiale di bauxite, un minerale utilizzato per produrre alluminio.

I leader regionali hanno immediatamente condannato la presa del potere, esortando i golpisti a ripristinare l’ordine costituzionale ea rilasciare Condé.

A Conakry, i nuovi governanti militari si sono affrettati a cercare di rassicurare gli attori politici ed economici delle loro buone intenzioni.

Un governo di unità nazionale sarebbe stato istituito per guidare la transizione al governo civile, ha detto lunedì Doumbouya ai membri del governo rovesciato.

La nuova leadership onorerà i contratti minerari, esortando le aziende a continuare le operazioni, ha affermato. Le frontiere terrestri e marittime che erano state chiuse durante l’acquisizione sono state riaperte in meno di 24 ore.

Ciò, tuttavia, non ha convinto il blocco regionale della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) che ha poi sospeso la Guinea da tutti i suoi organi decisionali. Due giorni dopo, l’Unione Africana ha seguito l’esempio.

Conde nel 2010 è diventato il primo leader democraticamente eletto della Guinea, la sua vittoria è stata vista come la fine di decenni di governo autoritario dei due primi presidenti del paese, Sekou Toure e Lansana Conte, che sono stati in carica rispettivamente per 26 e 24 anni.

Conde è stato rieletto per un secondo mandato nel 2015. Ma è diventato sempre più antipatico quando ha promosso un referendum costituzionale, sostenuto dalla Russia, che secondo Conde gli ha permesso di cercare un controverso terzo mandato nei sondaggi di ottobre 2020, che ha vinto.

Sidy Yansane, giornalista e analista di Conakry, ha affermato che Conde si è procurato la rovina.

“Conde era molto impopolare, anche se la gente votava ancora per lui. Con il terzo mandato Conde si è spinto troppo oltre”, ha detto al telefono.

Le domande incombono

Nel suo discorso alla nazione di domenica, Doumbouya ha affermato che la rimozione di Conde era necessaria e ha continuato ad incolpare la sua leadership per la povertà, la corruzione, il malgoverno e la mancanza di sviluppo della Guinea. Doumbouya ha affermato che è disperatamente necessaria una riforma del sistema di governo e delle istituzioni del paese.

“Se vedi le condizioni delle nostre strade, dei nostri ospedali, ti rendi conto che è ora di svegliarci”, ha detto Doumbouya. Quello che non ha detto è quando un governo di transizione potrebbe essere messo in atto.

“In questo momento, le persone sono semplicemente felici di vedere Conde andato”, ha detto Yansane. “Ma molto presto, avranno bisogno di vedere alcune azioni della giunta; segnali che le cose stanno per cambiare, compreso un calendario per una transizione”.

I residenti esultano per i soldati dell’esercito dopo la rivolta che ha portato alla caduta del presidente Alpha Conde nel quartiere di Kaloum a Conakry, in Guinea [File: Souleymane/Reuters] Camara

Finora, il colpo di stato di domenica ha incontrato una resistenza minima. La folla esultante ha salutato i golpisti mentre attraversavano Conakry all’inizio di questa settimana.

Sally Bilaly Sow, blogger e attivista di 29 anni, ha affermato che il colpo di stato potrebbe essere un’opportunità per riformare e ristrutturare le istituzioni statali.

“L’importante ora è non avere fretta. Per dare a una leadership provvisoria abbastanza tempo per le riforme e preparare nuove elezioni”, ha detto Sow al telefono da Conakry.

Cellou Dalein Diallo, l’unico sfidante di Conde nei sondaggi del 2020 boicottati dall’opposizione, si è detto disponibile a partecipare ma non avrebbe fissato una data di fine per una transizione e un ritorno al governo civile.

Il colpo di stato in Guinea è la quarta conquista militare nell’Africa occidentale quest’anno dopo due colpi di stato nel vicino Mali – il secondo nel maggio di quest’anno – e una discutibile successione in Ciad che solleva preoccupazioni per una regressione democratica nella regione.

In Mali, il governo provvisorio guidato dai militari è in ritardo su un programma di 18 mesi per le elezioni generali che dovrebbero riportare il paese al governo civile.

In Ciad, il presidente Mahamat Deby, succeduto al padre Idriss Deby ad aprile, non sembra avere fretta di consegnare il potere a un governo civile.

Una delegazione dell’ECOWAS che ha visitato Conakry venerdì ha affermato che i suoi primi incontri con i golpisti sono stati “positivi”.

La delegazione ha anche incontrato Conde, ha detto il presidente della Commissione ECOWAS Jean-Claude Kassi Brou, riferendosi al leader rovesciato come “ex presidente” indicando che il blocco regionale non avrebbe chiesto il suo reintegro.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *