Gli Stati Uniti ritirano le difese missilistiche in Arabia Saudita in mezzo agli attacchi dello Yemen | Notizie Arabia Saudita


Gli Stati Uniti hanno rimosso il loro sistema di difesa missilistico più avanzato e le batterie Patriot dall’Arabia Saudita nelle ultime settimane, anche se il regno ha dovuto affrontare continui attacchi aerei da parte dei ribelli Houthi dello Yemen.

Il ridispiegamento delle difese dalla base aerea Prince Sultan fuori Riyadh è avvenuto mentre i paesi arabi del Golfo osservavano nervosamente il caotico ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan, comprese le loro evacuazioni dell’ultimo minuto dall’aeroporto internazionale assediato di Kabul.

Mentre decine di migliaia di forze americane rimangono attraverso la penisola arabica come contrappeso all’Iran, le nazioni arabe del Golfo si preoccupano dei piani futuri degli Stati Uniti poiché i loro militari percepiscono una minaccia crescente in Asia che richiede quelle difese missilistiche.

Le tensioni rimangono alte mentre i negoziati sembrano bloccati a Vienna sul collasso dell’accordo nucleare iraniano con le potenze mondiali, aumentando il pericolo di futuri scontri nella regione.

“Le percezioni contano se sono radicate o meno in una fredda, fredda realtà. E la percezione è molto chiara che gli Stati Uniti non siano così impegnati nel Golfo come lo erano nelle opinioni di molte persone nell’autorità decisionale nella regione”, ha affermato Kristian Ulrichsen, ricercatore presso il James A Baker III. Istituto per le Politiche Pubbliche presso la Rice University.

“Dal punto di vista saudita, ora vedono Obama, Trump e Biden – tre presidenti successivi – prendere decisioni che significano in una certa misura un abbandono”.

attacco 2019

La base aerea di Prince Sultan, a circa 115 km (70 miglia) a sud-est di Riyadh, ha ospitato diverse migliaia di truppe statunitensi dall’attacco missilistico e drone del 2019 al cuore della produzione petrolifera del regno. Quell’attacco, sebbene rivendicato dai ribelli Houthi dello Yemen, sembra invece essere stato effettuato dall’Iran, secondo esperti e detriti fisici lasciati indietro. Teheran ha negato di aver lanciato l’attacco, anche se un’esercitazione a gennaio ha visto le forze paramilitari iraniane utilizzare droni simili.

Appena a sud-ovest della pista della base aerea, un’area di un chilometro quadrato (circa un terzo di un miglio quadrato) delimitata da una banchina di terra ha visto le batterie missilistiche della stazione delle forze americane Patriot, nonché un avanzato Terminal High Altitude Air Defense unità, secondo le immagini satellitari di Planet Labs Inc. Un THAAD può distruggere missili balistici a un’altitudine maggiore rispetto a Patriots.

Un’immagine satellitare vista dall’agenzia di stampa Associated Press alla fine di agosto mostrava alcune delle batterie rimosse dall’area, anche se lì si potevano ancora vedere attività e veicoli. Un’immagine satellitare ad alta risoluzione del Planet Lab scattata venerdì ha mostrato i pad delle batterie nel sito vuoti, senza alcuna attività visibile.

La ridistribuzione dei missili si vociferava da mesi, in parte a causa del desiderio di affrontare quello che i funzionari americani vedono come l’incombente “conflitto delle grandi potenze” con Cina e Russia. Tuttavia, il ritiro è avvenuto proprio quando un attacco di droni Houthi contro l’Arabia Saudita ha ferito otto persone e danneggiato un aereo di linea commerciale all’aeroporto del regno ad Abha. Il regno è bloccato in una guerra di stallo con gli Houthi dal marzo 2015.

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha riconosciuto “la ridistribuzione di alcune risorse di difesa aerea” [File: AP Photo]

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha riconosciuto “la ridistribuzione di alcuni mezzi di difesa aerea”. Ha detto che gli Stati Uniti hanno mantenuto un impegno “ampio e profondo” nei confronti dei loro alleati del Medio Oriente.

“Il Dipartimento della Difesa continua a mantenere decine di migliaia di forze e una solida posizione di forza in Medio Oriente che rappresentano alcune delle nostre capacità aeree e marittime più avanzate, a sostegno degli interessi nazionali degli Stati Uniti e delle nostre partnership regionali”, ha affermato Kirby.

La parte saudita conferma

In una dichiarazione, il ministero della Difesa saudita ha descritto il rapporto del regno con gli Stati Uniti come “forte, di lunga data e storico” pur riconoscendo il ritiro dei sistemi di difesa missilistica americani. Ha affermato che l’esercito saudita “è in grado di difendere le sue terre, i mari e lo spazio aereo e di proteggere la sua gente”.

“La ridistribuzione di alcune capacità di difesa degli amichevoli Stati Uniti d’America dalla regione viene effettuata attraverso la comprensione comune e il riallineamento delle strategie di difesa come attributo dello spiegamento e della disposizione operativa”, ha affermato.

Nonostante queste assicurazioni, il principe saudita Turki Al Faisal, l’ex capo dell’intelligence del regno, le cui osservazioni pubbliche sono spesso collegate ai pensieri della sua famiglia regnante Al Saud, ha collegato gli schieramenti dei missili Patriot direttamente al rapporto degli Stati Uniti con Riyadh.

“Penso che dobbiamo essere rassicurati sull’impegno americano”, ha detto il principe alla CNBC in un’intervista trasmessa questa settimana. “Sembra, ad esempio, non ritirare i missili Patriot dall’Arabia Saudita in un momento in cui l’Arabia Saudita è vittima di attacchi missilistici e attacchi di droni, non solo dallo Yemen, ma dall’Iran”.

Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, in tournée in Medio Oriente nei giorni scorsi, era stato programmato per recarsi in Arabia Saudita, ma il viaggio è stato annullato a causa di quelli che i funzionari americani hanno definito problemi di programmazione. L’Arabia Saudita ha rifiutato di discutere il motivo per cui il viaggio di Austin non è avvenuto dopo il ritiro delle difese missilistiche.

L’Arabia Saudita mantiene le sue batterie di missili Patriot e in genere spara due missili contro un bersaglio in arrivo. Questa è diventata una proposta costosa durante la campagna Houthi, poiché ogni missile Patriot costa più di $ 3 milioni. Il regno afferma inoltre di intercettare quasi tutti i missili e i droni lanciati nel regno, un tasso di successo incredibilmente alto precedentemente messo in dubbio dagli esperti.

Mentre la Grecia ha accettato in aprile di prestare una batteria di missili Patriot all’Arabia Saudita, la tempistica dei ritiri degli Stati Uniti arriva in mezzo a una più ampia incertezza sulla posizione americana nella regione. L’Arabia Saudita e altri paesi arabi del Golfo hanno rinnovato la diplomazia con l’Iran come copertura.

“Penso che abbiamo visto nelle dichiarazioni di Biden sull’Afghanistan, il modo in cui ha detto le cose che metterà chiaramente gli interessi degli Stati Uniti al primo posto e ovviamente è stata una delusione per i partner e gli alleati di tutto il mondo che forse speravano in qualcosa di diverso dopo Trump”, disse Ulrichsen. “Suona abbastanza simile a un approccio ‘America First’, solo una sorta di tono diverso.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *