Come i gruppi estremisti del sud-est asiatico hanno visto gli attacchi dell’11 settembre | Notizie dell’11 settembre


Medan, Indonesia – Ali Imron, uno degli autori degli attentati mortali sull’isola indonesiana di Bali nel 2002, dice che il primo che ha visto degli attacchi al World Trade Center (WTC) e al Pentagono dell’11 settembre 2001, era al fronte pagina del suo giornale locale.

“La nostra famiglia non aveva una televisione all’epoca”, ha detto Imron ad Al Jazeera. Il 52enne è stato condannato all’ergastolo per il suo ruolo nella pianificazione degli attentati di Bali che hanno ucciso più di 200 persone, molti dei quali turisti stranieri. “Ma ho subito intuito che si trattava di ‘jihad’ dai nostri amici”.

Vent’anni fa, Imron era membro della Jemaah Islamiyah (JI), un gruppo intransigente fondato nel 1993 in Indonesia, che secondo le autorità indonesiane conta ancora più di 1.600 membri attivi. JI è stato storicamente legato ad al-Qaeda, che ha rivendicato la responsabilità dell’11 settembre ed era guidata da Osama bin Laden.

Gli attacchi dell’11 settembre, quando membri di al-Qaeda hanno dirottato quattro aerei commerciali e li hanno fatti schiantare contro il World Trade Center e il Pentagono, hanno avuto un’eco in tutto il mondo.

Più di 2.500 persone provenienti da 90 paesi sono state uccise e gli analisti affermano che l’evento ha avuto un impatto diretto sullo sviluppo delle reti violente della linea dura nel sud-est asiatico, alcune delle quali stavano già lavorando con al-Qaeda.

“L’11 settembre è accaduto in un momento in cui Abdullah Sungkar, il fondatore della Jemaah Islamiyah, la più grande rete militante nella regione, era morto due anni prima e [its spiritual leader] Abu Bakar Bashir stava lasciando [Jemaah Islamiyah’s military commander] Hambali collabora con al-Qaeda agli attacchi contro obiettivi occidentali. Ma questo ha diviso la Jemaah Islamiyah, perché andava contro l’approccio di Sungkar di costruire pazientemente la forza per abbattere il regime di Soeharto”, ha detto ad Al Jazeera Quinton Temby, assistente professore di politiche pubbliche alla Monash University, in Indonesia.

Un poliziotto indonesiano perlustra la scena dopo gli attentati di Kuta del 12 ottobre 2002 [File: Jonathan Drake/Reuters]

“Jemaah Islamiyah non è mai stato un affiliato, tanto meno un franchising, di al-Qaeda. Ma è stato un alleato chiave di al-Qaeda nell’ascesa della jihad globale. Jemaah Islamiyah ha fornito supporto logistico ad alcuni dei dirottatori dell’11 settembre in Malesia”, ha affermato.

Nawaf al-Hazmi e Khalid al-Mihdhar, che erano sull’aereo che si è schiantato contro il Pentagono, hanno attraversato la Malesia in rotta verso gli Stati Uniti. Si pensa che abbiano incontrato figure di spicco della JI indonesiana, tra cui Encep Nurjaman alias Hambali, che ora sta affrontando una commissione militare a Guantanamo Bay per una serie di accuse legate al terrorismo dopo 18 anni di detenzione negli Stati Uniti.

Un rapporto del Senato Select Committee on Intelligence pubblicato nel 2014, noto anche come “Torture Report”, ha affermato che Hambali ha trasferito fondi al cittadino francese Zacarias Moussaoui per iscriversi alla scuola di volo negli Stati Uniti per addestrarsi come potenziale dirottatore prima dell’11 settembre. Moussaoui sarebbe stato poi condannato all’ergastolo dopo essere stato arrestato nell’agosto 2001 e dichiarato colpevole di aver cospirato per uccidere cittadini degli Stati Uniti l’11 settembre.

“Il piccolo numero di militanti del sud-est asiatico che lavorano a stretto contatto con al-Qaeda è stato incoraggiato dall’11 settembre, ma pochi erano a conoscenza del complotto in anticipo e la maggior parte sono rimasti scioccati da quanto ‘successo’ fosse”, ha detto Temby.

Negli anni che seguirono, i membri di JI e al-Qaeda hanno continuato a sostenersi a vicenda, ha aggiunto Temby, con al-Qaeda che ha fornito fondi per attacchi nel sud-est asiatico come gli attentati di Bali.

‘Punto di svolta’

Mentre Imron era uno dei membri della Jemaah Islamiyah che afferma di non conoscere i piani per l’11 settembre, ha detto ad Al Jazeera che il gruppo ha trovato ispirazione negli attacchi, arrivando addirittura a pianificare gli attentati di Bali come una sorta di ” omaggio”.

“Me lo ricordo ancora”, ha detto. “L’Imam Samudra voleva eseguire l’attentato di Bali dell’11 settembre per commemorare l’anniversario dell’attacco al World Trade Center, ma non c’era abbastanza tempo”.

Ali Imron, centro, è stato condannato all’ergastolo nel 2003 dopo aver detto che era dispiaciuto che le sue azioni avessero ucciso persone innocenti [File: Widhia/EPA]

L’attentato alla fine ha avuto luogo il 12 ottobre con gli aggressori che hanno preso di mira i bar affollati di Kuta.

Imron ha aggiunto che il piano originale era quello di attaccare le navi militari nel porto di Singapore, ma hanno spostato la loro attenzione su Bali dopo aver visto la portata dell’11 settembre. Anche membri anziani come Hambali erano d’accordo con le controverse dichiarazioni di bin Laden che cercavano di giustificare le uccisioni di persone comuni oltre a obiettivi militari.

Imron dice che lui e altri membri del suo gruppo hanno mostrato clip degli attacchi al WTC e video messaggi degli autori, che erano stati rilasciati online e ampiamente diffusi, ai due attentatori che hanno poi fatto esplodere i giubbotti suicidi nel Sari Club e nel Paddy’s Pub.

“Abbiamo mostrato loro i video per diversi giorni prima degli attentati di Bali”, ha detto Imron ad Al Jazeera. “Gli attentatori suicidi non avevano paura, ma i video degli attacchi dell’11 settembre hanno dato loro una spinta”.

L’imam Samudra, un membro anziano della JI, e due dei fratelli di Imron, Mukhlas e Amrozi, sono stati giustiziati in Indonesia nel 2009 per il loro ruolo nella mente degli attacchi a Bali. Imron è stato condannato all’ergastolo dopo aver espresso rimorso e essersi scusato durante il processo.

Noor Huda Ismail, un ex membro del gruppo estremista musulmano Darul Islam, ha detto ad Al Jazeera prima del 20° anniversario degli attacchi dell’11 settembre, che sono stati gli attacchi di Bali a essere “un punto di svolta” nella sua vita dopo aver scoperto il suo ex compagno di stanza è stato coinvolto.

Gli attentatori di Bali hanno guardato il video degli attacchi dell’11 settembre prima di sferrare l’attacco a Kuta, uccidendo quasi 200 persone [File: Peter Morgan/Reuters]

Il fabbricante di bombe Mubarok, che aveva condiviso una stanza con Ismail in un collegio islamico, aveva fabbricato alcuni degli ordigni esplosivi usati negli attacchi ed era stato condannato all’ergastolo insieme a Imron nel 2003.

Ismail, che dice di essersi chiesto come il suo vecchio compagno di stanza avrebbe potuto scegliere la strada che ha fatto lui, ha fondato l’Institute for International Peace Building e gestisce programmi e seminari di deradicalizzazione in Indonesia e monitora le minacce dei gruppi intransigenti in tutta la regione.

“Gli attacchi dell’11 settembre hanno fortemente modellato l’evoluzione del panorama delle minacce alla sicurezza globale nel sud-est asiatico”, ha affermato.

Ismail afferma che negli ultimi 20 anni gruppi come al-Qaeda e ISIL (ISIS) hanno stabilito le loro reti sullo sfondo di conflitti locali e hanno operato clandestinamente all’interno di vari paesi del sud-est asiatico, reclutando attori locali per realizzare i loro scopi e obiettivi “attraverso il utilizzazione del terrore” dimostrata l’11 settembre.

Secondo Judith Jacob, analista senior di Protection Group International, è necessario guardare indietro e avanti per comprendere la reale portata dell’impatto dell’evento.

Anche prima dell’11 settembre, JI aveva compiuto attacchi.

Il 14 settembre 2000, il gruppo ha bombardato la Borsa di Jakarta uccidendo 15 persone. Più tardi nel corso dell’anno, ha condotto una serie di attentati coordinati alle chiese alla vigilia di Natale uccidendo 18 persone.

Abu Sayyaf ha rapito 21 persone da Sipadan e le ha portate nella sua roccaforte di Jolo, scatenando una crisi di ostaggi durata mesi [File: Romy Florante/AFP]

Vi sono state anche violenze nelle Filippine, come gli attacchi del Rizal Day del 30 dicembre 2000, in cui morirono 22 persone, bombardamenti coordinati a Manila, scontri regolari con le forze di sicurezza nel sud, attentati dinamitardi e rapimenti.

Nell’aprile 2000, Abu Sayyaf, precedentemente considerato più come banditi delinquenti, ha rapito 21 persone dall’isola malese di Sipadan – metà dei quali turisti stranieri – trattenendoli per un riscatto a Jolo nelle Filippine e scatenando una crisi di ostaggi durata mesi.

Jolo rimane uno dei luoghi più pericolosi della regione e Abu Sayyaf si è ora affiliato all’ISIL.

“L’11 settembre è stato sicuramente fonte di ispirazione per i militanti del sud-est asiatico grazie alla portata della devastazione e all’audacia dell’attacco”, ha affermato Jacob. “Ma non avevano bisogno di essere incoraggiati”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *