USMNT incontra l’Honduras dopo una settimana da dimenticare


SAN PEDRO SULA, Honduras — Anche per i giocatori più sicuri e le squadre di talento, un viaggio inaugurale nell’intenso dramma del torneo di qualificazione alla Coppa del Mondo in Nord e Centro America può sembrare una spruzzata di acqua fredda in faccia.

Qui, le classifiche mondiali hanno un modo di perdere il loro significato. I pedigree dei club e gli stipendi dei giocatori possono essere rapidamente dimenticati. È un brusco risveglio, un rito di passaggio. E la squadra di calcio maschile degli Stati Uniti lo sta sperimentando ancora una volta.

A partire dalla scorsa settimana, gli americani hanno intrapreso una serie di tre partite di qualificazione nell’arco di sette giorni che speravano avrebbe stabilito uno stato di fiducia di base per il lungo percorso verso la Coppa del Mondo 2022 in Qatar. L’ultima settimana, invece, li ha lasciati con l’aria esausta e incerta.

Dopo i pareggi nelle prime due partite – in trasferta contro El Salvador e in casa contro il Canada – la partita degli americani mercoledì sera contro l’Honduras allo spartano Estadio Olímpico Metropolitano ha rappresentato l’ultima occasione per salvare la settimana. Una vittoria fornirebbe un nocciolo di positività da coltivare nelle settimane a venire. Un pareggio prolungherebbe il lento ribollire dell’ansia. Una sconfitta manderebbe la squadra a casa all’inizio di un avvitamento.

Qualunque sia il risultato, la cosa più preziosa che i giocatori ei loro allenatori potrebbero portare a casa, però, potrebbero essere le lezioni apprese: sui pericoli di fidarsi troppo dei risultati passati; sulla precarietà della sfida che resta; e sulla fragilità dei migliori piani e ambizioni di una squadra.

La paura più grande è che stiano percorrendo in punta di piedi lo stesso percorso percorso da una versione precedente della squadra tre anni fa, quando mancava un punto alla qualificazione per la Coppa del Mondo 2018 in Russia, ponendo fine a una serie di sette presenze consecutive al mondo. -evento sportivo guardato. A un certo livello sembra irrazionale: anche con i risultati deludenti delle prime due partite, gli Stati Uniti sono fortemente favoriti per la qualificazione. Ma i brutti ricordi rimangono vivi nella mente di molte persone.

“Vedo che sono, sai, solo ricordi del passato, ricordi dell’ultimo turno di qualificazione che torna”, ha detto martedì sera l’allenatore Gregg Berhalter, che è stato ingaggiato dopo la Coppa del Mondo del 2018. “E la gente dice: ‘Oh, siamo nella stessa situazione.’ Posso capirlo completamente. Quello che direi è che questo è un gruppo diverso, e siamo concentrati sul vincere le partite e siamo concentrati sul fare punti”.

Tale discorso non è stato finora convincente.

Pochi arriverebbero a definire gli americani arroganti: l’idea di questo torneo di qualificazione regionale come un nodoso percorso a ostacoli, con fattori di sfida unici nel calcio mondiale, è stata a lungo radicata nella psiche della squadra e dei suoi tifosi, e dei giocatori nell’ultima settimana hanno parlato del processo con tutto il rispetto. Sanno anche che continuerà con altre tre qualificazioni ad ottobre, e altri due un mese dopo.

Ma gli alti standard imposti alla squadra, le alte aspettative e le richieste di perfezione, sono per molti versi opera delle squadre.

Berhalter ha affermato all’inizio di questa settimana che le 14 partite del torneo dovrebbero essere considerate dai suoi giocatori come “14 finali”, etichettando efficacemente l’intera lista di giochi come contenuti da non perdere.

Prima della prima partita della scorsa settimana, il centrocampista Tyler Adams ha presentato l’ambiziosa lista di cose da fare della squadra: “Stiamo cercando una settimana di nove punti, in fondo”, ha detto Adams, 22 anni.

E Weston McKennie ha detto la scorsa settimana che gli Stati Uniti hanno bisogno di affermare la propria posizione come la migliore squadra della confederazione. “L’unico modo per farlo è dominarlo”, ha detto due giorni prima di scendere in campo per la prima qualificazione ai Mondiali della sua carriera. “E per dominare, devi vincere le tue partite”.

Queste cose, per una serie di motivi, non si sono avverate.

Essere la squadra migliore e vincere le partite non dipende solo dall’avere i migliori giocatori. Ma aiuta, e in questo senso McKennie non ha aiutato la causa del gruppo. Domenica pomeriggio, è stato sospeso per aver violato le regole della squadra e ha dovuto saltare le ultime due partite della settimana della squadra. McKennie ha dichiarato su Instagram prima della partita contro il Canada di aver infranto i protocolli Covid.

Berhalter ha detto che la mossa disciplinare era per la salute a lungo termine della squadra. A breve termine, fa male. La sospensione ha privato la squadra di uno dei suoi migliori giocatori e i compagni di squadra di McKennie hanno trascorso i giorni successivi rispondendo goffamente alle domande sulla sua condotta. Le qualificazioni per la Coppa del Mondo durano fino a marzo e Berhalter ha suggerito che McKennie, che gioca per la Juventus, la potenza italiana, sarebbe tornato in scena abbastanza presto.

“È una politica della porta aperta”, ha detto. “Ci sarà molto raramente una situazione in cui un giocatore non sarebbe mai stato ammesso al campo della nazionale. Non è così che operiamo”.

Eppure l’errore di McKennie è stato solo il profilo più alto dei mal di testa del personale che hanno colpito la squadra da prima ancora che si riunisse alla fine del mese scorso.

  • Timothy Weah, uno dei migliori attaccanti della squadra, non si è mai unito al gruppo dopo essersi infortunato alla gamba mentre si allenava con la sua squadra di club in Francia.

  • Christian Pulisic, capitano e miglior giocatore della squadra, ha perso la prima partita mentre cercava di ritrovare la sua forma fisica dopo essere risultato positivo al coronavirus.

  • Il portiere Zach Steffen è stato escluso per la prima partita, e poi il resto, prima per spasmi alla schiena, poi per positività al test del coronavirus.

  • Gio Reyna si è infortunato al tendine del ginocchio destro nella prima partita contro El Salvador ed è stato rimandato al suo club tedesco senza tornare in campo.

  • Il difensore Sergiño Dest si è slogato la caviglia destra durante la partita di domenica ed è andato via anche lui.

Questi problemi hanno creato una situazione particolarmente complicata durante una finestra angusta di giochi in cui Berhalter non aveva nascosto i suoi piani per ruotare la sua formazione. Ma erano anche solo un assaggio dei modi in cui le cose possono girare a spirale nello spietato panorama delle qualificazioni ai Mondiali.

“Succede”, il centrocampista Brenden Aaronson, 20 anni, ha detto del fermento in ebollizione della sua squadra. “Devi superare le cose. Sento che come squadra dobbiamo solo superare le cose”.

Le prossime partite arriveranno velocemente: Giamaica, Panama e Costa Rica il mese prossimo, poi Messico e un viaggio in Giamaica circa quattro settimane dopo.

Prima di allora, la squadra deve crescere. Solo sei dei 26 giocatori inizialmente convocati in squadra avevano esperienza nelle qualificazioni ai Mondiali. Tredici di loro avevano 23 anni o meno all’inizio del campo di addestramento. Nove dei titolari contro El Salvador erano presenti nella loro prima partita di qualificazione ai Mondiali. (Il fatto che 10 membri della squadra giochino per i club della Champions League europea quest’anno ribadisce il livello di talento non raggiunto finora.)

Un problema che doveva essere risolto mentre scendevano in campo mercoledì sera era trovare qualche gol: andando verso la partita dell’Honduras, gli Stati Uniti non avevano prodotto più di un gol in nessuna delle sue precedenti sei partite.

“Alla fine”, ha detto Pulisic, “sappiamo come giocare, ed è nostro compito andare là fuori e creare occasioni e segnare gol”.

Potrebbe essere così, ma quando torneranno nei loro club giovedì, sanno che avranno una finestra di tempo limitata per dimostrarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.