Ryder Cup: gli USA nominano Finau, Schauffele tra le sei scelte del capitano


Sei giocatori di golf sono stati nominati mercoledì per completare la squadra americana di 12 uomini che gareggerà nell’ultimo match della Ryder Cup contro una squadra di golfisti europei che si giocherà dal 24 al 26 settembre a Whistling Straits a Haven, Wisconsin.

Il capitano della US Ryder Cup, Steve Stricker, ha selezionato come sue scelte Tony Finau, Xander Schauffele, Jordan Spieth, Harris English, Daniel Berger e Scottie Scheffler.

Sei giocatori si erano già qualificati per la squadra in base a un sistema di punti cumulativo legato alle recenti prestazioni. Erano Collin Morikawa, Dustin Johnson, Bryson DeChambeau, Brooks Koepka, Justin Thomas e Patrick Cantlay. Il numero di scelte del capitano della squadra americana è stato aumentato a sei da quattro per questa edizione della competizione.

La squadra europea è la detentrice del titolo dopo una clamorosa vittoria nel 2018 in Francia. Il capitano europeo, Padraig Harrington, annuncerà le scelte del suo capitano domenica. Paul Casey, Tommy Fleetwood, Viktor Hovland, Rory McIlroy e Jon Rahm si sono qualificati automaticamente per la squadra europea. La Ryder Cup si gioca in genere ogni due anni, ma è stata rinviata nel 2020 a causa della pandemia di coronavirus.

La squadra americana ha perso per la sesta volta in terra straniera nel 2018, una competizione che includeva litigi sugli accoppiamenti dei giocatori e scarse prestazioni da parte di tre delle quattro selezioni opzionali fatte da Jim Furyk, il capitano degli Stati Uniti di quell’anno. Delle scelte di Furyk, solo Finau (2-1) ha avuto un record di vittorie, mentre Tiger Woods, Phil Mickelson e DeChambeau non sono riusciti a vincere nessuna delle loro partite.

Gli Stati Uniti guidano la serie della Ryder Cup, che risale al 1927, per 26-14. Ma dal 1985, quando l’Europa ha ottenuto la sua prima vittoria in 28 anni, gli Stati Uniti hanno vinto solo sei delle 16 Ryder Cup disputate, perdendo spesso con risultati asimmetrici. Quando la competizione si è svolta negli Stati Uniti negli ultimi anni, gli americani se la sono cavata meglio, con un record di 3-2 dal 1999.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *