I bulloni mancanti hanno contribuito al crollo della metropolitana di Città del Messico: rapporto | Notizie sulle infrastrutture


La scarsa saldatura ha anche contribuito al crollo della linea 12 della metropolitana che ha ucciso 26 persone a maggio, secondo un revisore indipendente.

Una micidiale Città del Messico crollo della metropolitana a maggio è stato causato in parte dalla mancanza di bulloni nelle travi di un cavalcavia che già presentava carenze prima di un importante terremoto, secondo un rapporto di un revisore indipendente pubblicato martedì dal governo della città.

L’analisi di 180 pagine della società norvegese DNV è stata l’ultima puntata del suo parere tecnico sul crollo del 3 maggio, il più grande incidente ferroviario del Messico da anni.

Ventisei persone sono state uccise quando un cavalcavia e un vagone ferroviario sulla linea 12 della metropolitana sono precipitati improvvisamente su un flusso di auto vicino alla stazione di Olivos nel sud-est della città.

Il crollo ha messo sotto pressione gli stretti alleati del presidente Andres Manuel Lopez Obrador, così come Carlos Slim, l’uomo più ricco dell’America Latina la cui società di costruzioni è stata responsabile della costruzione della parte della linea che è crollata.

Nella seconda fase dei risultati di DNV condivisi dai funzionari della città, l’azienda ha affermato che le carenze, inclusa la mancanza di bulloni funzionali su un tratto significativo della linea, hanno portato all’instabilità delle travi nord e sud.

Le carenze hanno lasciato la struttura operante come due travi indipendenti che hanno assunto peso per cui non era stata progettata per gestire.

“Questo ha creato condizioni che hanno portato alla distorsione del telaio trasversale centrale e all’inizio e alla propagazione di crepe da fatica che hanno ulteriormente ridotto la capacità della struttura di sostenere il carico”, afferma il rapporto.

L’azienda ha affermato che altri possibili fattori includevano carenze nelle travi stesse e nella progettazione della struttura.

Sezioni del cavalcavia crollato erano in “condizioni compromesse” prima di un grave terremoto del 2017 che ha causato danni a parti della metropolitana, afferma il rapporto. L’auditor ha osservato anche cattive pratiche di saldatura.

Il governo della città ha già iniziato a lavorare sulla riabilitazione della linea e i risultati del rapporto saranno condivisi con un comitato consultivo tecnico, ha affermato Jesus Esteva, capo del dipartimento dei lavori pubblici di Città del Messico.

“Nei prossimi giorni firmeremo gli accordi con le società. Faranno il lavoro”, ha detto Esteva, senza aggiungere ulteriori dettagli.

Il governo di Città del Messico ha già iniziato a lavorare sulla riabilitazione della Linea 12, conosciuta anche come la Golden Line [File: Marco Ugarte/AP Photo]

La metropolitana è stata costruita da un consorzio di ICA messicana, Grupo Carso, una società controllata dalla famiglia di Slim, e il produttore di treni francese Alstom SA.

Grupo Carso non ha rilasciato commenti immediati sul rapporto, né l’ACI ha risposto a una richiesta di commento da parte dell’agenzia di stampa Reuters mentre non è stato possibile raggiungere un rappresentante di Alstom.

Carso riparerebbe la linea senza alcun costo per il governo in modo che possa riaprire in un anno, ha detto Lopez Obrador a giugno.

Il rapporto iniziale di DNV ha rilevato “sei carenze nel processo di costruzione” che hanno contribuito all’incidente e ha rilevato bulloni inadeguati e supporti strutturali deformati.

L’azienda avrebbe dovuto presentare il suo rapporto di follow-up il 23 agosto, ma ha chiesto una proroga di due settimane per completare la sua indagine. La società dovrebbe ancora fornire una terza fase dei suoi risultati su quanto accaduto.

I media locali hanno riferito che l’analisi degli esperti era costata a Città del Messico più di $ 1 milione.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *