Alta sicurezza a Parigi: inizia il più grande processo per gli attacchi del 2015 | Notizie ISIL/ISIS


Processo francese previsto per nove mesi, con circa 1.800 querelanti in quella che viene descritta come una maratona giudiziaria senza precedenti.

Un processo di portata senza precedenti inizia in Francia sotto alta sicurezza per gli attacchi del novembre 2015 a Parigi che sono stati i più mortali in Francia in tempo di pace.

Circa 130 persone sono state uccise e centinaia ferite quando uomini armati con giubbotti da suicidio hanno attaccato sei bar e ristoranti, la sala concerti Bataclan e uno stadio sportivo, lasciando profonde cicatrici nella psiche della nazione.

“Quella notte ci ha immersi tutti nell’orrore e nella bruttezza”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters Jean-Pierre Albertini, il cui figlio di 39 anni, Stephane, è stato ucciso nella sala da concerto del Bataclan.

Venti uomini dovranno affrontare il processo mercoledì. Con la polizia in massima allerta, le strade saranno chiuse alle auto e ai pedoni intorno al palazzo di giustizia del Palais de Justice su un’isola nel centro di Parigi, con anche le rive circostanti della Senna off-limits.

Coloro che sono autorizzati a partecipare al processo dovranno passare attraverso più checkpoint prima di essere ammessi in un tribunale appositamente costruito e in altre stanze dove verranno trasmesse le udienze.

Il processo durerà nove mesi, con circa 1.800 querelanti e più di 300 avvocati che prenderanno parte a quella che il ministro della Giustizia Eric Dupond-Moretti ha descritto come una maratona giudiziaria senza precedenti. Il verdetto è atteso per la fine di maggio 2022.

Il fascicolo del caso è composto da un milione di pagine in 542 volumi, che misurano 53 metri (xxxx piedi) di diametro.

Depressione, ansia

“Quello che mi interessa nel processo è la testimonianza di altri sopravvissuti… (per) ascoltare come si sono comportati negli ultimi sei anni”, ha detto il 48enne Jerome Barthelemy. “Quanto agli accusati, non mi aspetto nemmeno che parlino”.

Sopravvissuto all’attacco al Bataclan, Barthelemy ha detto che ora stava bene ma che soffriva di depressione e ansia.

La responsabilità delle uccisioni è stata rivendicata dai seguaci del gruppo armato ISIL (ISIS) che aveva esortato i suoi seguaci ad attaccare la Francia per il suo coinvolgimento nella lotta contro il gruppo in Iraq e Siria.

Il killer sopravvissuto Abdeslam, un franco-marocchino nato in Belgio, è fuggito dalla scena della carneficina dopo aver abbandonato la sua cintura suicida, che gli investigatori hanno trovato difettosa.

Circa 130 persone sono state uccise e centinaia ferite quando uomini armati con giubbotti suicidi hanno lanciato un attacco [File: Christian Hartmann/ NAME OF AGENCYXXXX]

Abdeslam, ora 31enne, è stato successivamente catturato a Bruxelles, nascosto in un edificio vicino alla casa della sua famiglia, dopo quattro mesi di latitanza.

Ha risolutamente rifiutato di collaborare con l’indagine francese ed è rimasto in gran parte in silenzio durante un processo separato in Belgio nel 2018 che lo ha visto dichiarare solo che riponeva la sua “fiducia in Allah” e che la corte era di parte.

Una domanda importante è se parlerà alla sua testimonianza programmata a metà gennaio 2022.

La difesa di Abdeslam, guidata dall’avvocato Olivia Ronen, 31 anni, ha affermato che mentre il processo sarà ricco di emozioni, “la magistratura deve mantenere le distanze se non vuole perdere di vista i principi che stanno alla base del nostro stato di diritto”.

Un altro punto focale del processo sarà il modo in cui la squadra di assassini è riuscita a spostarsi in Francia senza essere scoperta, presumibilmente usando come copertura il flusso di migranti dalle regioni della Siria controllate dall’ISIL.

Quattordici degli accusati – che devono affrontare una serie di accuse dal fornire supporto logistico, alla pianificazione e ai reati di armi – dovrebbero essere presenti in tribunale.

Altri sei sospetti vengono processati in contumacia. Cinque di loro si presume siano morti, principalmente in raid aerei in Siria, compresi i fratelli francesi Fabien e Jean-Michel Clain.

Il presunto coordinatore, il cittadino belga Abdelhamid Abaaoud, è stato ucciso dalla polizia francese a nord-est di Parigi cinque giorni dopo gli attacchi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.