Reilly Opelka – Il New York Times


Brooksby, l’ultimo giocatore di single americano rimasto nel torneo, è sicuramente sembrato un campione del mondo per un set e mezzo lunedì sera. Nella sua prima apparizione all’Arthur Ashe Stadium, ha giocato con intelligenza e resilienza per prendere un vantaggio di 6-1 sul numero 1 del mondo Novak Djokovic. Brooksby è poi tornato al servizio nel secondo set dopo aver battuto Djokovic in una partita a otto due che sembrava più un gioco di scacchi che di tennis. Ma Djokovic, inseguendo il Grande Slam, ha giocato a tennis al meglio dei cinque set per quasi 20 anni. Brooksby è appena agli inizi e non è riuscito a tenere il passo, perdendo 1-6, 6-3, 6-2, 6-2.

“Gli ho detto a rete che ha un futuro brillante davanti a lui”, ha detto Djokovic.

Opelka, Tiafoe e Brooksby non sono soli. Sebastian Korda ha 21 anni e Brandon Nakashima 20, ed entrambi hanno avuto successo anche in questa stagione con Korda che ha raggiunto i quarti di finale del Miami Open dopo aver battuto tre teste di serie e poi aver vinto il suo primo titolo del tour a Parma, in Italia. Nakashima ha raggiunto le finali di singolare ad Atlanta e Los Cabos, in Messico, e ha sconvolto John Isner, l’uomo americano di maggior successo dell’ultimo decennio, nel primo turno degli US Open di quest’anno.

Non valeva la pena festeggiare tutto questo 25 anni fa, ma ora conta come una buona notizia.

“Penso che ci stiamo muovendo nella giusta direzione”, ha detto Stine, che ha allenato privatamente e con la United States Tennis Association. “Idealmente per il tennis americano vogliamo avere quanti più ragazzi possibile all’interno della top 250, il che significa che stiamo inondando i turni di qualificazione degli Slam. E poi da lì, abbiamo bisogno di quanti più possiamo ottenere nella top 100. È un gioco di numeri, in definitiva. Potresti chiedere, preferiresti avere 14 tra i primi 100 e nessuno tra i primi 20? O solo sei tra i primi 100 e tutti tra i primi 20? Penso che ovviamente andresti con i sei, ma penso che stiamo facendo progressi”.

Sono un gruppo eterogeneo con vari stili di gioco. Considera solo i tre uomini americani per raggiungere gli ottavi. Opelka, che dovrebbe entrare nella top 20 lunedì dopo l’Open, è alto quasi due metri e mezzo con un gioco big-bang che può renderlo un incubo da affrontare. Tiafoe, che domenica sera ha perso in quattro set contro il canadese Felix Auger-Aliassime, è un server compatto di College Park, Md., con velocità e colpi dinamici che ha avuto una stagione risorgente sotto il suo nuovo allenatore Wayne Ferreira.

Brooksby, l’ultimo arrivato a questo livello, è un californiano del nord che ha fatto buon uso della sua wild card all’Open.

“Penso che Brooksby sia il nostro migliore”, ha detto Opelka, che ha scelto Brooksby e Korda come gli americani con maggiori probabilità di vincere un titolo del Grande Slam lungo la strada.

Brooksby ha un gioco non convenzionale basato su coerenza, grande difesa e bruschi cambi di ritmo piuttosto che sullo stile di base di potenza che predomina nel tour maschile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.