La star di The Wire Michael K Williams è morto a 54 anni | Notizie sulla droga


L’attore di colore che ha recitato nel ruolo iconico di un rapinatore a mano armata gay di Baltimora Omar Little è stato trovato morto nel suo appartamento di New York.

L’attore americano Michael K Williams, una delle star televisive più memorabili degli ultimi anni per il suo ruolo nel film drammatico The Wire, è stato trovato morto in un appartamento di New York, secondo la polizia di New York.

La notizia della morte del 54enne ha scatenato un’ondata di dolore tra i fan e gli ex colleghi quando la notizia è trapelata lunedì pomeriggio. Williams ha ottenuto ampi consensi come Omar Little, un rapinatore armato di Baltimora gay, in The Wire ed è apparso anche in drammi e film tra cui Boardwalk Empire, 12 anni schiavo e Lovecraft Country.

Ha ricevuto diverse nomination agli Emmy, i migliori premi televisivi negli Stati Uniti.

Il rappresentante dell’attore ha affermato che è stato “con profondo dolore che la famiglia ha annunciato la scomparsa dell’attore nominato agli Emmy Michael Kenneth Williams”.

Il dipartimento di polizia di New York ha riferito all’agenzia di stampa AFP che Williams è stato trovato morto in un appartamento a Brooklyn lunedì.

The Wire è diventato uno degli spettacoli più popolari in televisione ed è andato in onda per cinque stagioni dal 2002 al 2008.

Williams era anche noto per il ruolo di Albert “Chalky” White nella serie della HBO Boardwalk Empire.

È stato nominato per un Emmy per il suo turno in Lovecraft Country e per il suo lavoro nell’interpretare il marito della cantante blues Bessie Smith nel film del 2015 Bessie.

È stato inoltre nominato per The Night Of del 2016 e per When They See US nel 2019, su un gruppo di giovani uomini di colore ingiustamente accusati di stupro a Central Park negli anni ’80.

“Mentre il mondo è consapevole dei suoi immensi talenti di artista, conoscevamo Michael come un caro amico amato da tutti coloro che hanno avuto il privilegio di lavorare con lui”, ha detto HBO in una nota.

Non è stata fornita alcuna causa ufficiale di morte, ma diversi media statunitensi hanno citato fonti delle forze dell’ordine secondo cui sospettavano una possibile overdose di droga.

Williams aveva parlato apertamente delle sue lotte passate con la dipendenza e aveva detto ai media statunitensi che aveva speso gran parte dei suoi guadagni da The Wire in narcotici.

La notizia della sua morte è stata accolta con dolore dai fan, molti dei quali lo consideravano uno degli attori più talentuosi della sua generazione.

Lo scrittore di bestseller horror Stephen King ha twittato: “Orribile, triste e incredibile pensare che abbiamo perso il fantastico talento di Michael K. Williams all’età di 54 anni”.

La sua prima grande occasione sullo schermo è arrivata quando il rapper Tupac Shakur stava girando un film a New York e ha scelto Williams come suo fratellino dopo aver visto una sua foto Polaroid.

È stato poi scelto come spacciatore in Bringing Out the Dead di Martin Scorsese, prima di ottenere il ruolo che avrebbe fatto la sua carriera in The Wire.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *