Emma Raducanu interpreta Shelby Rogers agli US Open


I giocatori più inesperti sembravano anche i più a loro agio nella prima settimana degli US Open.

A partire dal sorteggio di qualificazione, Emma Raducanu della Gran Bretagna ha vinto tutte e sei le sue partite in due set, senza bisogno di un tie-break in nessuno di essi. La sua vittoria più recente è stata la più impressionante: sabato ha battuto la 41esima in classifica Sara Sorribes Tormo della Spagna, 6-0, 6-1, per raggiungere gli ottavi di finale, dove lunedì affronterà l’americana Shelby Rogers.

“Sono estremamente fresco; Non ho davvero suonato in tour per tutto l’anno intero”, ha detto Raducanu sabato. “L’intera esperienza è così nuova per me; Penso che questo sia il fattore divertimento che sto ottenendo”.

Raducanu è stato il terzo diciottenne a raggiungere il quarto turno degli US Open di quest’anno, insieme a Leylah Fernandez e Carlos Alcaraz. Quei due sono passati ai quarti di finale.

“Avere così tanti giovani giocatori in arrivo è davvero fantastico per il gioco perché mostra quanto sia forte questa prossima generazione”, ha detto Raducanu. “Avere così tanti giovani giocatori e diciottenni, penso che ci ispiriamo a vicenda a giocare meglio. Perché come per me oggi, volevo unirmi a loro anche nella seconda settimana, quindi è stata una motivazione in più”.

Sebbene Raducanu abbia vinto le sue partite lontano dai campi più grandi in cui Fernandez e Alcaraz hanno sfondato, non si è dimostrata meno popolare qui. Dopo la sua conferenza stampa di sabato, ha trascorso più di un’ora a fare interviste, firmare autografi e scattare selfie.

Raducanu, nato a Toronto da padre rumeno e madre cinese, ora rappresenta la Gran Bretagna. È stata classificata al di fuori della top 300 quando ha fatto una corsa a sorpresa al quarto round di Wimbledon come wild card nel suo debutto nel Grande Slam, diventando nel frattempo una celebrità nazionale. Quel torneo si è concluso con una nota negativa, tuttavia, quando è stata costretta ad abbandonare la sua partita del quarto round dopo aver avuto problemi di respirazione.

“Avendo suonato per quattro, cinque settimane nel tour ora, penso che ogni settimana mi abituo sempre di più alle esigenze fisiche di suonare a questo livello”, ha detto Raducanu. “Sì, penso che sto migliorando.”

Mentre Raducanu è rimasta la giocatrice più entusiasta dopo Wimbledon, allineando nuove sponsorizzazioni nel processo, ha continuato a migliorare lontano dai riflettori. Dopo Wimbledon ha giocato il più possibile, passando da San Jose a Landisville, in Pennsylvania, a Chicago prima di venire a New York per la sua prima partita di qualificazione.

Meno di due mesi dopo Wimbledon, Raducanu è sul punto di entrare nella top 100 e sta migliorando di volta in volta. La sua vittoria su Sorribes Tormo, che gioca un tennis estenuante e che ha eliminato Ashleigh Barty dalle Olimpiadi di Tokyo, è stata equilibrata, precisa e paziente. Sebbene Raducanu preferisca giocare a tennis dal primo colpo, ha tenuto testa a lungo in scambi con Sorribes Tormo, che ha spinto la lunghezza media dello scambio a oltre sei colpi.

“Onestamente, penso che con la quantità di partite che ho giocato e l’esperienza che ho accumulato nelle ultime quattro, cinque settimane, il mio gioco sta migliorando a ogni partita”, ha detto Raducanu.

Durante la pandemia di coronavirus, Raducanu si è allenato presso il National Tennis Center della Lawn Tennis Association a Londra, lavorando con l’allenatore Mark Petchey dopo che Philippe Dehaes non è stato in grado di venire in Inghilterra a causa delle restrizioni di viaggio. Petchey ha ripreso da dove Dehaes aveva interrotto nel ricostruire il diritto di Raducanu, cambiando la sua presa e aggiungendo più topspin al tiro. Ha anche testato i modelli di racchetta con lei, scegliendo infine una racchetta Wilson più lunga per dare ai suoi colpi più pop. Sebbene il suo gioco avesse bisogno di lavoro, Petchey è rimasto colpito dal suo atteggiamento e impegno, che ha paragonato a quello di un altro giocatore con cui ha lavorato: Andy Murray.

“Il suo atteggiamento verso la formazione e la pratica era, senza dubbio, altrettanto buono come, diciamo, quello di Andy”, ha detto Petchey. “Non ho avuto una sessione con lei in quel periodo in cui era qualcosa di meno di tutto ciò che aveva”.

Petchey, che ha fornito analisi televisive a distanza per Amazon Prime durante gli US Open dello scorso anno, ha affermato che il suo entusiasmo per Raducanu ha reso facile tornare al campo di allenamento con lei per ore dopo aver fatto i turni notturni nella cabina di trasmissione.

“Onestamente, non avrei fatto quelle mattine se non fossi stato così ispirato dal suo atteggiamento”, ha detto. “Mi ha conquistato dal primo giorno”.

Dopo aver lavorato con Petchey, Raducanu ha lavorato con Nigel Sears durante la stagione sull’erba. Ora è allenata da un terzo allenatore inglese, Andrew Richardson.

Raducanu, una rara prospettiva di alto livello che ha completato i suoi studi in una scuola superiore convenzionale piuttosto che frequentare un’accademia di tennis, è stata “molto brillante e molto analitica su come vede il gioco”, ha detto Petchey, che l’ha definita una “giocatrice di elicotteri” per la sua abilità per vederlo come se guardassi dall’alto.

“Se non hai gli strumenti, questo non ti aiuta molto perché non puoi mettere la palla nel posto giusto”, ha detto Petchey del suo acume strategico. “Ma Emma ha gli strumenti ed è in grado di cogliere i tuoi punti deboli e far passare la palla in campo abbastanza velocemente da avere un impatto”.

Ha aggiunto: “In questa fase di sviluppo della carriera di un giocatore, è difficile giocare con quel tipo di chiarezza. Questo è quello che ho visto durante l’estate: è stata clinica con la sua strategia e l’ha eseguita perfettamente. È davvero impressionante per un diciottenne”.

Petchey ha detto che credeva che Raducanu avesse raggiunto “il 50, 60 percento delle sue capacità fisiche”, il che rende il suo potenziale ancora maggiore.

“Ci sono cose che farà molto meglio tra un anno”, ha detto. “Questa è probabilmente la parte più eccitante: è già una giocatrice incredibile e ha un sacco di spazio sul soffitto da fare. Sarà fantastica per la WTA. Sarà fantastica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *