La storia orale completa di The Amazing Race


Larry D. Horricks/CBS tramite Getty Images

Anche se il tempo per socializzare scarseggiava con le conversazioni con i concorrenti fuori dalla telecamera proibite (“Stanno ancora facendo uno spettacolo”, osserva Big Easy. “Quindi sarebbe difficile spiegare perché a questa squadra non piace questa squadra” ), i concorrenti hanno ancora trovato momenti di legame.

Tempo di volo: Direi che ci siamo fatti molti più amici durante la corsa che nemici. Zev [Glassenberg] e Justin [Kanew] erano davvero nostri buoni amici. Mallory [Ervin] e suo padre [Gary Ervin] dalla seconda stagione che abbiamo fatto. Chiesa [Hoffman] e Solo [Hoffman], voglio dire tutti. Persino Brian [Kleinschmidt] e Ericka [Dunlap], siamo ancora amici di Brian fino ad oggi. (Kleinschmidt e Dunlap hanno divorziato nel 2011.)

Kilmer-Purcell: Tutti sono davvero gentili. I gemelli [sisters Natalie and Nadiya Anderson] sono alcune delle giovani donne più competitive e forti che abbiamo mai incontrato fino ad oggi. E, sai, lo hanno dimostrato, andando avanti con Sopravvissuto. Sono venuti al nostro matrimonio!

Victor Jih: È come se avessimo stretto questa amicizia nel bel mezzo di una situazione traumatica che ogni volta che li vedo, è quasi come se non fossi mai stato separato da loro. Sono stato a due dei loro matrimoni, [The White Lotus creator] Mike White mettimi nel suo show HBO, Illuminato. Non parlo con alcuni di loro da mesi o addirittura anni, ma quando lo fai, c’è un legame così comune.

Tammy Jih: Mi sono reso conto che attualmente lavoro con un altro vincitore di Amazing Race e un vincitore di Survivor e siamo tutti asiatici americani. Prima della pandemia avevamo programmato di parlare con il gruppo di affinità asiatico-americano della nostra azienda della nostra esperienza al riguardo. Perché, storicamente, gli asiatici non sono stati molto rappresentati in televisione e nemmeno nei reality.

De Jong: Abbiamo visto anche Bertram ed Elise sul campo. È stato divertente avere il team creativo proprio lì con noi a filmarci, prendendosi gioco del fatto che nessuno di noi potesse vedere queste barche da caccia. Quindi ti è sembrato di far parte di una famiglia fin dall’inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *