Elezioni in Canada: conservatori sotto tiro per il controllo delle armi | Notizie sulle elezioni


Il partito conservatore canadese, che detiene un leggero vantaggio in una serrata corsa elettorale, sta affrontando crescenti critiche per la sua posizione sul controllo delle armi, dopo che i conservatori si sono impegnati a ribaltare un divieto del 2020 su alcune armi “stile d’assalto”.

Il leader conservatore Erin O’Toole è stato ripetutamente pressato questa settimana per la sua promessa elettorale di ribaltare il divieto dello scorso anno sulle armi come l’AR-15, che è stato usato da un sicario per uccidere 26 adulti e bambini nel massacro di Sandy Hook del 2012 nel Stati Uniti.

O’Toole ha rifiutato di rispondere direttamente alle domande, sottolineando che intende mantenere un divieto separato dei fucili d’assalto nel 1977.

“Erin O’Toole è disposta a dire qualsiasi cosa ai canadesi per essere eletta. Ha mentito ai canadesi sui suoi piani per eliminare il divieto liberale sulle armi d’assalto”, ha detto sabato in una dichiarazione il Partito Liberale, guidato dal primo ministro Justin Trudeau.

Il controllo delle armi è una questione delicata nel paese, in particolare nella provincia francofona del Quebec, dove negli ultimi decenni si sono verificate diverse sparatorie di massa mortali.

A seguito di un attacco mortale nella provincia atlantica della Nuova Scozia lo scorso anno, il primo ministro canadese Justin Trudeau a maggio ha annunciato il divieto di oltre 1.500 modelli e varianti di armi da fuoco “stile d’assalto”, tra cui l’AR-15.

“Non hai bisogno di un AR-15 per abbattere un cervo”, disse Trudeau in quel momento. “Quindi, con effetto immediato, non è più consentito acquistare, vendere, trasportare, importare o utilizzare armi d’assalto di livello militare in questo paese”.

I governi liberali hanno nel corso degli anni inasprito le leggi sul controllo delle armi in Canada, ma alcuni elettori conservatori lamentano che le misure sono troppo restrittive e penalizzano inutilmente agricoltori e cacciatori.

Sabato, O’Toole ha detto ai giornalisti a Vancouver che è stato “molto sconvolgente vedere Mr. Trudeau cercare di importare la politica in stile americano, in particolare su una questione di sicurezza pubblica”.

Un grosso problema è il contrabbando di armi dagli Stati Uniti, ha affermato O’Toole, che promette anche una revisione di come le armi sono classificate come pericolose in Canada.

Ma la posizione dei conservatori è stata accolta con critiche non solo dai loro rivali liberali, ma anche dai sostenitori del controllo delle armi.

“Erin O’Toole sta mentendo ai canadesi quando dice che manterrà il ‘divieto’ sulle armi d’assalto”, ha detto PolyRemembers, un gruppo di difesa fondato a seguito di una sparatoria di massa mortale del 1989 in una scuola di ingegneria a Montreal che ha lasciato 14 donne morto.

Justin Trudeau il 15 agosto ha innescato le elezioni federali due anni prima del previsto [File: John Morris/Reuters]

In una dichiarazione di venerdì, il gruppo ha accusato O’Toole di “giocare con la semantica” e di non aver risposto alle domande dei giornalisti sulla posizione del suo partito sul divieto delle armi del 2020.

“Sta parlando del divieto decennale sulle armi completamente automatiche, sapendo benissimo che le domande dei giornalisti si riferivano ai recenti divieti del 2020. Quello che sta facendo è rispecchiare la tattica della lobby delle armi di giocare con la semantica per evitare di difendere l’indifendibile”, ha affermato.

I conservatori hanno registrato guadagni nelle ultime settimane, poiché la decisione di Trudeau di avviare elezioni anticipate due anni prima del previsto ha fatto arrabbiare alcuni elettori.

Il leader liberale, che aveva sperato che la gestione del suo governo della pandemia di COVID-19 avrebbe portato il partito a una rinnovata maggioranza in parlamento, ha anche affrontato grandi folle di manifestanti antimascheramento e antivaccini durante la campagna elettorale.

Un sondaggio Ekos di sabato ha rilevato che i conservatori avevano il 35 percento di sostegno, rispetto al 28,8 percento dei liberali e al 19,6 percento del New Democratic Party (NDP), di sinistra, guidato da Jagmeet Singh.

Tracker di sondaggi di CBC, che aggrega i dati dei sondaggi pubblici in Canada, ha avuto i conservatori con il 34,1 per cento di sostegno a partire da sabato mattina, mentre i liberali hanno tenuto il 31,2 per cento e l’NDP ha avuto il 20,1 per cento.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *