Chicago sostiene che DoorDash e Grubhub hanno ingannato i clienti sulle commissioni

La pandemia ha è stato un vantaggio per le app di consegna di cibo, poiché molti ristoranti hanno chiuso le loro sale da pranzo mentre i commensali erano cauti nell’uscire. Le cause intentate dalla città di Chicago affermano che di Dash e Grubhub ha sfruttato la pandemia per fuorviare ristoranti e commensali, addebitare commissioni ingiustamente elevate e aggirare le disposizioni di emergenza volte a sostenere il settore dell’ospitalità in difficoltà. Le app hanno utilizzato “tattiche ingiuste e ingannevoli”, ha dichiarato il sindaco Lori Lightfoot in un comunicato stampa.

Le cause separate riscuotono più accuse contro le società, ma le accuse sono incentrate su presunte pratiche ingannevoli nelle prime fasi della pandemia, quando i blocchi hanno chiuso molti ristoranti.

Le cause affermano che le società hanno adottato misure per evitare il tetto massimo delle commissioni di emergenza della città, che ha limitato le commissioni sulla maggior parte degli ordini al 15%. Le cause affermano che Grubhub ha continuato a riscuotere commissioni superiori al 15%, mentre DoorDash ha imposto una “tassa di Chicago” arbitraria per aumentare le sue entrate.

In dichiarazioni separate, le società hanno definito le cause “infondate” e hanno affermato che intendono combatterle in tribunale.

La causa di Grubhub afferma che la società ha utilizzato la pandemia per commercializzare una campagna “salva i ristoranti locali” che alla fine ha danneggiato i ristoranti in difficoltà. La promozione “Supper for Support” offriva $ 10 di sconto sugli ordini dai ristoranti locali di $ 30 o più; l’abito lo descrive come un “affare perdente per i ristoranti”.

I 10 dollari sono stati sottratti dal conto, ma i ristoranti dovevano ancora pagare una commissione fino al 30 percento sull’intero prezzo dell’ordine; la campagna è iniziata mesi prima che Chicago limitasse le commissioni. Di conseguenza, afferma la causa, un ordine di $ 30 frutterebbe solo $ 11 di entrate per un ristorante. La causa sostiene che se i commensali sapessero quanto è andato alle piattaforme, al contrario dei ristoranti, non li userebbero per ordinare.

Un portavoce di Grubhub ha affermato che i ristoranti partecipanti hanno accettato di aderire alla promozione ed erano a conoscenza dei termini prima di firmare. Ai ristoranti partecipanti è stato detto che sarebbero stati promossi come parte della campagna; i ristoranti che hanno rifiutato perderebbero la promozione extra offerta ai loro concorrenti.

“Questo è solo un giro”, afferma Pat Doerr, amministratore delegato dell’Hospitality Business Association di Chicago. Dice di aver sentito da più proprietari che affermano di non essere stati aiutati dal marketing legato alla pandemia. “Queste app hanno speso milioni di dollari dicendo ai clienti che sono il modo migliore per ordinare cibo online, una spesa che alla fine viene sostenuta da bar e ristoranti di proprietà locale, che non sono in grado di sostenere tale costo”.

Grubhub possiede le piattaforme Seamless e MenuPages, mentre DoorDash gestisce anche Caviar. Tutte le piattaforme sono state nominate nella tuta.

Chicago è tra le diverse città che limitano quanto app come DoorDash e Grubhub potrebbero addebitare ai ristoranti. In genere, quando un commensale utilizza un’app per ordinare cibo, le piattaforme addebitano al ristorante fino al 30 percento dell’ordine come commissione. Questo ha danneggiato molti ristoranti durante la pandemia, quando molti dei loro ordini arrivavano attraverso piattaforme online.

A novembre, Chicago ha limitato la commissione al 15% per la maggior parte degli ordini, una mossa che Grubhub mantiene era incostituzionale. La causa della città afferma che le altre commissioni di Grubhub – marketing, consegna, elaborazione degli ordini – hanno superato il 15% nonostante la legge.

Un mese dopo l’entrata in vigore del limite, DoorDash ha promulgato una “tassa di Chicago”, un addebito fisso di $ 1,50 su tutti gli ordini in città. La denuncia sostiene che questa tassa, che è terminata a luglio, ha indotto i clienti a pensare che l’accusa sia stata istituita dalla città, non dalla stessa DoorDash. Ciò ha anche spinto la commissione di DoorDash al di sopra del 15%. Inoltre, la causa sostiene che DoorDash abbia aggiunto la commissione agli ordini di catene di ristoranti come McDonald’s e Taco Bell, anche se il limite del 15% non si applicava a loro.

Le cause affermano inoltre che le app includono ristoranti nei loro servizi senza il permesso dei ristoranti. Le lamentele dicono che DoorDash “si appropria in modo improprio [a restaurant’s] nome, menu e altre informazioni per creare elenchi senza autorizzazione”, mentre gli “elenchi non autorizzati di Grubhub trasmettono un’affiliazione commerciale … che non esiste”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *