Il presidente israeliano e il re giordano tengono colloqui segreti | Notizie di politica


L’incontro tra Isaac Herzog e il re Abdullah II ad Amman è segno di un miglioramento dei rapporti tra i due Stati.

Il presidente israeliano Isaac Herzog ha rivelato di aver incontrato il re Abdullah II di Giordania ad Amman, un incontro senza preavviso tenutosi sullo sfondo del miglioramento delle relazioni diplomatiche tra i due paesi.

“La settimana scorsa mi sono incontrato e ho avuto una lunghissima conversazione con il re di Giordania, sono stato nel suo palazzo, un’intera sera. È stato un incontro eccellente”, ha detto Herzog nelle clip di un’intervista trasmessa sabato dalla televisione israeliana.

L’intera intervista verrà trasmessa domenica, vigilia del capodanno ebraico che inizia lunedì sera.

“La Giordania è un Paese molto importante. Ho un immenso rispetto per il re Abdullah, un grande leader e un attore regionale altamente significativo”, ha affermato Herzog in una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio.

L’incontro si è svolto nel palazzo del re Abdullah, con i due leader che hanno discusso una serie di questioni politiche ed economiche tra cui energia e sostenibilità, secondo la dichiarazione.

Si è parlato di “un caloroso incontro, tenuto su invito del re”, durante il quale i due hanno discusso di “profonde questioni strategiche”.

“Tra le cose di cui abbiamo discusso c’erano le questioni centrali nel dialogo tra i nostri stati, tra cui un accordo per l’importazione di prodotti agricoli durante l’anno shemitah (anno sabbatico agricolo), questioni energetiche, sostenibilità e soluzioni alla crisi climatica che possiamo portare avanti insieme, “, afferma il comunicato.

Riparare relazioni tese

Giordania ed Egitto sono gli unici due paesi confinanti con Israele ad aver firmato trattati di pace con esso.

Le relazioni israelo-giordane si sono deteriorate sotto la presidenza di Benjamin Netanyahu, che i critici hanno accusato di aver trascurato il regno hashemita a favore dell’accordo di normalizzare i legami lo scorso anno con Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Sudan e Marocco.

Le relazioni diplomatiche sono state tese anche a causa delle tensioni nel complesso della moschea di Al-Aqsa nella Gerusalemme est occupata e dell’espansione israeliana degli insediamenti ebraici illegali nella Cisgiordania occupata.

Tuttavia, poco dopo il suo insediamento a giugno, il nuovo primo ministro Naftali Bennett è volato ad Amman per colloqui con re Abdullah. Nella settimana successiva, Giordania e Israele hanno firmato due accordi rivoluzionari sull’acqua e sul commercio.

I due Paesi hanno concordato che Israele venderà alla Giordania 50 milioni di metri cubi di acqua all’anno, oltre ai 55 milioni di metri cubi che già fornisce gratuitamente.

In base a questo accordo, la Giordania può aumentare le sue esportazioni verso i palestinesi in Cisgiordania, che Israele ha occupato dal 1967.

All’inizio di questa settimana, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha incontrato il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas nel primo incontro ad alto livello tra le due parti da anni.

Gantz ha affermato che il governo israeliano è interessato a rafforzare Abbas nella sua rivalità contro il gruppo di Hamas al potere a Gaza, compresi i piani per prestare 150 milioni di dollari al governo autonomo a corto di liquidità in Cisgiordania.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *