Uomo ucciso a coltellate in un supermercato della Nuova Zelanda | Notizie criminali


Il primo ministro Jacinda Ardern descrive l’incidente come un attacco “terrore”, aggiungendo che l’attaccante è stato ispirato dal gruppo ISIL (ISIS).

Secondo il primo ministro Jacinda Ardern, almeno sei persone sono rimaste ferite in un attacco di accoltellamento da parte di un lupo solitario in un supermercato nella città neozelandese di Auckland, prima che la polizia gli sparasse a morte.

L’uomo, noto alle “più agenzie” del governo, è stato ucciso entro 60 secondi dall’inizio dell’attacco, ha detto Ardern venerdì, aggiungendo che era stato ispirato dal gruppo dell’ISIS (ISIS).

“Era odioso, era sbagliato. È stato compiuto da un individuo, non da una fede”, ha detto Ardern, descrivendo l’attaccante come un cittadino dello Sri Lanka arrivato in Nuova Zelanda nel 2011. “Solo lui ha la responsabilità di questi atti”.

Ardern ha affermato di essere limitata in ciò che poteva dire pubblicamente sull’uomo, che era sotto sorveglianza dal 2016 perché era oggetto di ordini di soppressione del tribunale.

Il commissario di polizia Andrew Coster ha affermato che le autorità erano fiduciose che l’uomo agisse da solo e che non vi fossero ulteriori pericoli per la comunità.

Un video pubblicato sui social media mostrava gli acquirenti nel supermercato New Lynn poco dopo l’attacco dell’aggressore.

“C’è qualcuno qui con un coltello… ha un coltello”, si sente dire una donna. “Qualcuno è stato accoltellato”.

Una guardia ha chiesto alle persone di lasciare il centro commerciale poco prima che risuonassero circa sei spari.

Acquirenti in preda al panico

Dei feriti, tre erano in condizioni critiche, uno in condizioni gravi e un altro in condizioni moderate, ha detto il servizio di ambulanza St John in una nota all’agenzia di stampa Reuters.

Testimoni hanno detto ai giornalisti fuori dal centro commerciale di aver visto diverse persone sdraiate sul pavimento con ferite da taglio. Altri hanno detto di aver sentito degli spari mentre correvano fuori dal supermercato.

I video pubblicati online in precedenza mostravano acquirenti in preda al panico che correvano fuori dal centro commerciale e cercavano riparo.

La Nuova Zelanda è in allerta per attacchi da quando un sicario suprematista bianco ha ucciso 51 persone in due moschee nella città di Christchurch il 15 marzo 2019.

A maggio, quattro persone sono state accoltellate in un supermercato a Dunedin, nell’Isola del Sud della Nuova Zelanda.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *