Yahoo è di nuovo Yahoo dopo che i nuovi proprietari hanno completato l’acquisizione

Yahoo e AOL, precedentemente noti come Verizon Media, hanno stato ufficialmente acquisito dai loro nuovi proprietari e ribattezzato semplicemente “Yahoo”. Verizon ha annunciato che avrebbe venduto le proprietà ad Apollo Global Management a maggio in un accordo che si dice valga $ 5 miliardi, circa la metà dei quasi $ 9 miliardi che il gigante delle telecomunicazioni ha originariamente pagato per loro, e una frazione delle centinaia di miliardi che il gigante delle telecomunicazioni ha pagato per loro. Due aziende valevano al loro apice.

Verizon ha originariamente acquistato AOL nel 2015 per $ 4,4 miliardi e ha acquisito Yahoo nel 2017 per $ 4,5 miliardi. Dopo aver completato l’acquisizione di Yahoo, Verizon ha collocato entrambi i marchi sotto il tristemente blando marchio “Oath”. Proclamato “#TakeTheOath” Il CEO di AOL Tim Armstrong. Le divisioni media, che includono proprietà come Yahoo Sport, TechCrunch, e Engadget, sono stati ufficialmente ribattezzati “Verizon Media” nel 2019.

Yahoo sarà ora gestita dal CEO Guru Gowrappan e opererà come società autonoma nell’ambito di Apollo Funds. Apollo è una società di private equity che possiede beni come il rivenditore di artigianato Michaels, i ristoranti Chuck E. Cheese e il resort veneziano a Las Vegas. “La chiusura dell’accordo preannuncia un momento emozionante di rinnovate opportunità per noi come entità autonoma”, ha affermato Gowrappan. “Prevediamo che i prossimi mesi e anni porteranno nuova crescita e innovazione per Yahoo come azienda e marchio e non vediamo l’ora di creare quel futuro con i nostri nuovi partner”.

L’acquisizione segna la fine della breve passione di Verizon con la produzione e la pubblicità dei media. Nel 2019 la società ha venduto Tumblr (che in precedenza era di proprietà di Yahoo), prima di vendere L’Huffington Post (ex parte di AOL) l’anno scorso. Nonostante le vendite, Apollo afferma che Yahoo vanta ancora quasi 900 milioni di utenti attivi mensili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *