Amazon sta pianificando una moderazione più aggressiva della sua piattaforma di hosting AWS

Amazon sta pianificando di espandere il suo team di moderazione interno per Amazon Web Services, secondo un nuovo rapporto da Reuters. Citando due fonti all’interno dell’azienda, il rapporto afferma che Amazon sta pianificando di sviluppare una capacità di monitoraggio proattivo delle minacce all’interno di AWS, che cercherà contenuti vietati sui server AWS e li rimuoverà prima che vengano segnalati dagli utenti.

Amazon non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

L’azienda ha mantenuto a lungo una policy di utilizzo accettabile per AWS, che vieta l’utilizzo del servizio per intrusioni informatiche, spam o promozione di violenza o altri reati. Ma l’applicazione di questi termini è stata in gran parte reattiva, facendo spesso affidamento su segnalazioni di utenti esterni per identificare contenuti proibiti. Sebbene la politica stessa non cambierà, l’approccio aggressivo dell’applicazione metterà AWS nella stessa categoria delle principali piattaforme come Facebook e YouTube.

I ricercatori del terrorismo hanno precedentemente chiesto un approccio più proattivo dalle piattaforme di hosting, con un editoriale nel 2019 chiamando Amazon in modo specifico. “Le aziende devono monitorare in modo proattivo ciò che c’è sulle loro piattaforme per essere sicure di non ospitarlo inavvertitamente”, si legge nell’editoriale, “non aspettare che gli estranei lo espongano”.

La mossa arriva sulla scia di un cambiamento simile da parte di Apple, che ha recentemente annunciato un controverso sistema per la scansione proattiva di immagini di abusi sui minori nelle foto di iCloud.

Il passaggio alla moderazione proattiva rischia di infiammare le preoccupazioni conservatrici sulla presunta censura su AWS, lanciata quando Amazon ha interrotto bruscamente l’hosting di Parler dopo che la piattaforma si è rifiutata di rimuovere una serie di minacce violente. Parler ha fatto causa ad Amazon sulla scia della decisione, anche se ha riscontrato scarso successo in tribunale.

Alcuni aspetti di quel cambiamento sembrano già in atto. Reuters osserva che Amazon abbattuto un sito web collegato all’ISIS all’inizio di questa settimana, seguendo la traccia di un’app gestita da un gruppo derivato che non era ospitato sul servizio.

Fa parte di una più ampia spinta alle assunzioni da parte del CEO Andy Jassy, ​​che in precedenza era stato responsabile di AWS. Jassy ha intenzione di assumere fino a 55.000 nuovi dipendenti in ruoli tecnologici e aziendali, inclusa una significativa espansione delle ambizioni di Internet via satellite dell’azienda nell’ambito del Progetto Kuiper.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *