Talebani in trattative con Qatar e Turchia per la gestione dell’aeroporto di Kabul | Notizie sull’aviazione


Dopo il ritiro degli Stati Uniti, l’aeroporto di Kabul è privo dei servizi di controllo del traffico aereo e sono in corso trattative per mettere in sicurezza l’aeroporto.

I talebani sono in trattative con il Qatar e la Turchia per la gestione dell’aeroporto di Kabul in quanto non dispone di servizi di controllo del traffico aereo ora che le forze armate statunitensi si sono ritirate dall’Afghanistan.

I colloqui mirano a mettere in sicurezza l’aeroporto il prima possibile in modo che le persone che vogliono lasciare l’Afghanistan possano farlo utilizzando voli commerciali, ha affermato martedì il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian.

“La risoluzione del Consiglio di sicurezza sulla messa in sicurezza dell’aeroporto deve essere attuata. Sono in corso trattative con qatariani e turchi per la gestione dell’aeroporto. Dobbiamo esigere che l’accesso all’aeroporto sia sicuro”, ha detto Le Drian alla televisione France 2.

Con il ritiro degli Stati Uniti, agli aerei civili americani è vietato operare sul paese se non previa autorizzazione, ha dichiarato lunedì la Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti.

La FAA ha affermato in una dichiarazione che “a causa della mancanza di servizi per il traffico aereo e di un’autorità per l’aviazione civile funzionale in Afghanistan, nonché per i problemi di sicurezza in corso, agli operatori civili statunitensi, ai piloti e agli aerei civili registrati negli Stati Uniti è vietato operare a qualsiasi altitudine su gran parte dell’Afghanistan”.

All’inizio di questo mese, le forze armate statunitensi hanno affermato di aver assunto responsabilità di controllo del traffico aereo a Kabul per facilitare l’evacuazione di decine di migliaia di persone dall’Afghanistan.

La FAA ha affermato che gli operatori civili statunitensi “potrebbero continuare a utilizzare una rotta di jet ad alta quota vicino al confine orientale per i sorvoli. Qualsiasi operatore aereo civile statunitense che voglia volare in/da o sopra l’Afghanistan deve ricevere l’autorizzazione preventiva dalla FAA”.

Il 18 agosto, la FAA ha affermato che i vettori aerei statunitensi e i piloti civili potrebbero volare a Kabul per condurre voli di evacuazione o di soccorso previa approvazione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Le compagnie aeree statunitensi hanno aiutato a trasportare migliaia di sfollati questo mese, ma hanno effettuato voli da aeroporti fuori dall’Afghanistan.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *